Rugby & libri: tutte le finte di Paolo Rosi in un libro ricchissimo

Federico Meda pubblica un volume che cerca di raccontare un personaggio tanto noto quanto sfuggente

RosiE’ uno dei nomi più noti dell’Ovalia che soggiorna al di qua delle Alpi, uno di quelli più citati come simbolo del rugby che fu, quello “pane e salame”, quello che sa di Cinque Nazioni. Lui è Paolo Rosi: giocatore, giornalista, telecronista RAI. Di più: il primo italiano a marcare una meta a Twickenham.
Eppure Paolo Rosi fu personaggio schivo, capace di mantenere un’ombra di privacy circa la sua quotidianità che spesso neppure i suoi amici più cari riuscivano a scacciare. Raccontare un personaggio così non è semplice ma Federico Meda prova a dipanare la nebbia con il volume “Una finta a destra, una a sinistra. Paolo Rosi, il primo italiano a segnare a Twickenham”, edito da Absolutely Free (196 pagg., in vendita a 14 euro). Un libro che alla fine non dà una sua versione sul “chi era” Paolo Rosi. Meglio così: Meda è un U40 e Rosi lo ha soltanto “sfiorato” per questioni meramente anagrafiche, ma questa distanza fa bene al manualetto che riporta le voci di chi invece lo ha conosciuto da vicino carpendo però solo alcuni aspetti di una personalità più complessa di quanto non si potesse pensare.

 

Nel libro troviamo curiosità e aneddoti, la vicenda umana, sportiva e professionale di Paolo Rosi ma allo stesso tempo non ci si dimentica mai il panorama più generale, quello dell’Italia che passa dal Ventennio alla ricostruzione post Guerra Mondiale fino al boom economico e oltre. Amici, colleghi, conoscenti dicono la loro.
E poi c’è un lavoro d’archivio enorme per recuperare alla precisione le coordinate geografiche e temporali dove calare le vicende narrate nelle pagine scritte. Una messe di informazioni che in alcuni punti diventa un po’ ingombrante e va a limitare (parzialmente) la scorrevolezza ma la fotografia d’insieme, la sua nitidezza e i dettagli portati in primo piano sono impressionanti.
Conoscerete meglio questa leggenda ovale alla fine? Sì. O meglio, forse. Diciamo che avrete molte notizie in più per farvi una vostra idea sul chi potesse essere nella vita di tutti i giorni questo rugbista e questo giornalista. Che alla fine chi conosceva davvero Paolo Rosi?

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Poesia Sportiva: Michael Schumacher, il mito dell’automobilismo

Nuovo appuntamento con la rubrica romantica di OnRugby, che si concentra sulla figura del pilota che più di tutti a unito il suo nome a quello della F...

17 Settembre 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto del weekend dal 17 al 19 settembre

Grande rugby internazionale sugli schermi italiani

16 Settembre 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Georgia: il CT Levan Maisashvili è tornato a casa

Dopo due mesi in terapia intensiva a Johannesburg il tecnico dei Lelos è sulla via del recupero

9 Settembre 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby in diretta: Il palinsesto in tv e streaming dal 10 al 12 settembre

Benetton, Rugby Championship, Currie Cup, finali del beach rugby: tantissima carne al fuoco per gli appassionati italiani

9 Settembre 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Poesia sportiva: l’ennesimo trionfo italiano in un’estate tricolore

Nuovo appuntamento con la rubrica romantica di OnRugby, che parte da lontano per arrivare al recente trionfo dell'Italvolley a Belgrado

7 Settembre 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby in diretta: Il palinsesto in tv e streaming dal 4 al 5 settembre

Un match cancellato nel sabato italiano e uno (decisamente importante) per la mattinata di domenica, ecco come e dove seguirlo

2 Settembre 2021 Terzo tempo