Zebre o Pretoriani? Roma aspetta e si prepara alla franchigia celtica

Il Consiglio Federale deciderà il 14 marzo ma nella capitale qualcuno si starebbe attrezzando all’avventura celtica

Pretoriani

E se le Zebre si trasferissero a Roma, dove giocherebbero? Al Tre Fontane e di sicuro non al Flaminio. A dirlo è un’ANSA di mercoledì sera che cita “fonti vicine sia alla federazione che al gruppo in questione” ma che non fa nemmeno un nome. Secondo l’agenzia lo stadio che ha fatto per diversi anni da casa al Sei Nazioni azzurro è “ridotto in cattive condizioni e con alti costi di ristrutturazione” (e fin qui…) così l’idea è quella di portare le Zebre “a giocare e ad allenarsi al Tre Fontane. L’attuale stadio dell’Eur, di proprietà del Comune e che secondo un bando va ristrutturato con tribune coperte, oggi ha una capienza di 4.000 posti ma potrebbe essere ampliato in modo da poter ospitare match europei. Sarà dotato di un impianto di illuminazione, e ovviamente la franchigia di rugby avrà i campi dove allenarsi, sempre che al Tre Fontane non arrivi davvero, come paventa qualcuno, il golf”.

 

Il nome sarebbe quello dei Pretoriani, già presentatisi al via dell’avventura celtica ma poi messi da parte in favore di Aironi e Benetton Treviso con la Nuova rugby Roma che “potrebbe rendersi disponibile a partecipare come logistica a questo progetto”.
E i soldi? Al progetto, dice sempre l’ANSA, “è concretamente interessata una società finanziaria di livello europeo che ha una sua presenza italiana e vorrebbe patrocinare l’iniziativa e poi anche la squadra”.
I contorni sono tutti da definire ma probabilmente ciò avverrà solo dopo il 14 marzo, quando il Consiglio Federale deciderà cosa fare della franchigia. La palla, al momento, è in mano agli imprenditori di Parma.

onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Daniele Pacini è il nuovo direttore dell’Alto Livello della FIR

Il Direttore Tecnico diventa delegato unico del ruolo

30 Gennaio 2023 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

FIR: definita la nuova Commissione Nazionale Arbitri

A rendere effettiva la cosa è stato il Consiglio Federale odierno

28 Gennaio 2023 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Giustizia sportiva: Ivan Nemer squalificato fino a fine stagione

La sentenza del Tribunale Federale arriva in seguito all'atto razzista nei confronti del compagno di squadra Cherif Traoré

27 Gennaio 2023 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

FIR: Daniel Richmond nuovo allenatore specialista della touche

Supporterà il lavoro dei Centri di Formazione, delle franchigie e dei club del Top10

30 Dicembre 2022 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Sport e Salute ha approvato i contributi 2023 alle federazioni sportive compresa la FIR

Cifra stabile rispetto alla scorsa stagione per la federazione ovale

22 Dicembre 2022 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Marco Aloi nominato nuovo direttore del Top 10

Il manager napoletano lavora già con la Lega Basket di Serie A e vanta un curriculum di tutto rispetto

7 Dicembre 2022 Rugby Azzurro / Vita federale