Dominguez ribalta l’Italia: “Una sola accademia, una sola franchigia”

L’ex numero 10 in una intervista dice la sua: “L’Eccellenza deve tornare ad essere di livello”. E parla di Haimona, cucchiai di legno…

ph. Andrew Budd/Action Images

ph. Andrew Budd/Action Images

«Se fossi presidente bloccherei tutte le accademie federali e ne farei una sola, di altissimo livello. Solo dopo aver avviato la prima penserei a una seconda. Per le regioni più lontane organizzerei stage, raduni, ma niente strutture fisse. Porterei l’Eccellenza a 10 squadre. Ogni club avrebbe la sua accademia (…) Darei contributi perché vorrei avere il controllo del lavoro svolto, come succede in Irlanda. (…) Infine, terrei una sola franchigia: visti i risultati di Benetton e Zebre è chiaro che facciamo fatica con due. Quando poi la franchigia comincerà a vincere e avrò 50 giocatori per 23 posti da professionista, penserei a farne una seconda».
A parlare così dalle pagine del Corriere della Sera è Diego Dominguez che in una intervista dice la sua sullo stato di alute del rugby italiano. Magari il fatto che non sia andato a lavorare in FIR è davvero successo per questioni di soldi, come disse qualche mese fa il presidente Gavazzi, però è chiaro che i due hanno visioni diametralmente opposte.

 

Il futuro coach dl Tolone ricorda poi che “mancano ricambi ai giocatori di qualità. Abbiamo campioni con tanta esperienza, ma anche tante battaglie sulle spalle e il livello del Tomeo è altissimo”. Sottolinea che per evitare il cucchiaio di legno più che battere la Scozia l’Italia potrebbe avere vita un po’ più facile in casa contro la Francia. Parla anche di Haimona: “Per me Haimona è un centro. Io avrei insistito su Allan, ha i movimenti, il fiuto dell’apertura, è giovane e sta lavorando duro a Perpi-gnan. Haimona ha anche sbagliato tanti calci e non penso che il problema sia la scarsa abitudine ai grandi stadi. Io calciavo e per me farlo in un grande stadio o in uno piccolo era la stessa cosa. Ma Haimona non è il calciatore delle Zebre, e se non calcia nel suo club perché dovrebbe farlo, e bene, in Nazionale?».
Chiude con il ct: “Brunel sta cercando di giocare un bel rugby, ma ha pochi giocatori di qualità”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Bigi: “Siamo alla ricerca di una decisione condivisa sugli stipendi”

Il capitano azzurro sottolinea i temi caldi del momento: il possibile proseguimento della stagione professionistica e la questione compensi dei giocat...

30 Marzo 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Michele Rizzo, tra passato, presente e futuro ovale

Abbiamo parlato con l'ex pilone azzurro della sua prestigiosa carriera, e del suo interessante futuro da coach

28 Marzo 2020 Rugby Azzurro
item-thumbnail

OnRugby Relive: Italia v All Blacks, Test Match 2009

La storica sfida di San Siro, con un formidabile pacchetto d'avanti azzurro che mise in serie difficoltà i dirimpettai tuttineri

28 Marzo 2020 Rugby Azzurro
item-thumbnail

Italrugby: 23 anni fa la storica impresa di Grenoble

Gli azzurri sconfissero per la prima volta la Francia, nella finale di Coppa Europa, in casa dei transalpini

22 Marzo 2020 Rugby Azzurro
item-thumbnail

Le migliori giocate di Jake Polledri

Tra Nazionale e Gloucester: tutta l'esplosività del flanker azzurro

21 Marzo 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Mondiale Under 20, Top12 e altri campionati italiani: Gavazzi fa il punto della situazione

Il Presidente Federale prova a indicare i possibili scenari per il futuro della stagione sportiva

19 Marzo 2020 Rugby Azzurro / Vita federale