Goodbye Treviso, Michele Campagnaro ha firmato per Exeter

Come anticipato da OnRugby il trasferimento del giocatore in Inghilterra è stato ufficializzato

COMMENTI DEI LETTORI
  1. berton gianni 19 Febbraio 2015, 08:40

    “…l’Italia perde uno dei suoi giovani…”.
    Capisco il senso, ma non trovo lo trovo appropriato.
    Perche’, perde ?
    Come per tutti quelli che lo hanno preceduto, per me Campagnola diventera’ piu’ forte e completo.
    Che ci siano così tanti nostri in terra d’Albione o gallica, mi fa solo piacere.
    E non condivido il restare sempre ancorati al : il Pro12 doveva servire per trattenere ecc ecc…
    Sono cambiate le coscie, si sono evolute in quest’altra maniera. Non ha senso…battagliare contro i mulini a vento.
    Tra Treviso e Zebronia quest’anno una ventina di italiani han debuttato nel torneo celtico e ne arriveranno altri. Tutto positivo.
    Ok, sono ripetitivo, ma coaches/giocatori passano.
    Buon divertimento
    ‘ “Vitale” sara’ la capacita’ delle 2 celtiche di strutturarsi, piu’ professionalmente possibile, sia tecnicamente che a livello societario.
    Buon divertimento, Michele !

    • mezeena10 19 Febbraio 2015, 08:49

      100% gianni!
      e poi puo esser sempre convocato in nazionale, che ne trarrà sicuro giovamento!

    • space 19 Febbraio 2015, 08:49

      Gianni….la tua serenità di giudizio è encomiabile è decisamente rilassante. A patto che zebronia e Treviso (o dogi….) facciano come dici tu e si strutturino (o vengano ristrutturate) nel modo più professionale concepibile (legame a doppia mandata con le accademie, ecc…..), così come tutto il movimento a partire dalla base….che non credo voglia dire perforza radere al suolo tutto, ma solo cambiare alcune robe.
      Per finire mitico gianni, volevo metterti al corrente che essendo che ti rispondo dal wc mi formicolano la gambe anche a me, perciò ti saluto!!
      Free the nipples!!!

      • berton gianni 19 Febbraio 2015, 09:02

        Fratello Space !
        E dove credi che fossi per…elucubrare cosi profondamente ? 😀
        In dialetto, ho un mio motto : tartir xe un po’ morir…ma da la soddisfazione di aver…creato qualcosa fino all’ultimo anelito !!
        Cmq, concordo in pieno con quello che dici.
        Unico tuo, grave neo : ma cossacasso ci fai con la Lov ?? 🙂
        R & T e’ il tuo giusto approdo !

    • Paolo 19 Febbraio 2015, 08:55

      La vedo in maniera diversa: puoi “perdere” 20 giocatori se ne hai 30 alle spalle che spingono per trovarsi un posto. Non è così.
      Michele e Simone – e gli altri prima di loro – hanno fatto una scelta legittima e comprensibile, ma è chiaro che i nostri tornei e i nostri bacini ne escono impoveriti. Chiaramente non è colpa di chi se ne va.

      • western-province 19 Febbraio 2015, 09:02

        siamo talmente abituati a perdere che sembra che sia lo stesso andare a vedere Treviso che lotta per l’11posto piuttosto che il Treviso di 3anni fa che poteva lottare per i playoff

      • berton gianni 19 Febbraio 2015, 09:07

        Ciao Paolo.
        Ma per come siamo presi oggi, e’ proprio quello su cui dobbiamo puntare : far si che si arrivi ad averne almeno altri venti che spingono.
        Del resto, fossero tutti rimasti in Italia, come cavolo farebbero ad emergere ?
        L’…esilio di questi nostri big e’ l’unica realistica maniera per provare ad arrivarci.
        Siamo o non siamo da millenni terra di conquista ??
        Ps : grazie per non avermi ancora bannato…ma non farlo : tra poco e’ il mio compleanno; poi quello di mia moglie e subito dopo quello di mio figlio…e come potrei, un domani, dare la lieta novella di una agognata dipartita di OP ?….

        • Paolo 19 Febbraio 2015, 09:17

          Campagnaro ha 21 anni, mi pare, Favaro 26… Loro SONO giovani
          Il problema è che i venti che spingono non ci sono

          • berton gianni 19 Febbraio 2015, 09:29

            Verissimo, Paolo.
            Oggi i venti che spingono non ci sono.
            Ma se i nostri big restano, quando mai questi giovani potranno giocaserla ?
            Cmq, dai, venti ancora non ce ne sono, ma qualcosa sta venendo fuori : Stracchin, Ragu’, Barbisa, Sespusso e svariati altri…

          • M. 19 Febbraio 2015, 09:36

            scusate ma ripeto, cosa partecipiamo a fare a celtic e coppe se arriviamo ultimi e le perdiamo tutte? Celtic e coppe servono per far crescere un pochetto gli eccellenti prima di mandarli all’estero? E’ intelligente spendere così i soldi? E’ corretto comportarsi così anche rispetto agli altri, cioè usare questi tornei come “allenamento” pro nazionale o pro crescita dei giocatori?
            I tornei si fanno non dico per vincerli ma almeno per onorarli.

          • PedemontanaRugby 19 Febbraio 2015, 09:39

            I venti che spingono invece ci sono,e sono anche molti di più. Si potranno avere dei dubbi sulle loro qualità, ma se non si provano non si potrà mai sapere. Di certo non sono pronti adesso e quindi ci sarà bisogno di tempo, e un po di sofferenza.
            Inutile star sempre a guardare il bicchiere mezzo vuoto e cominciamo a vederlo mezzo pieno.
            Le partenze di quest’anno hanno permesso ai vari Bacchin, Zanusso e Barbini di emergere, cosa difficile se tutti fossero rimasti. Certo la competitività ne ha risentito, ma è inevitabile.
            Io sono più che convinto che Treviso il prossimo anno non ne risentirà.

          • Giovanni 19 Febbraio 2015, 09:42

            @Paolo: ahiaihai, vedo che il “pessimismo” sta facendo breccia anche presso di te… 🙁 😉

          • mezeena10 19 Febbraio 2015, 15:04

            “ggenti molto poco divertenti” 🙂

      • zappinbo 19 Febbraio 2015, 11:09

        Ma l’avete seguita la campagna aquisti del Benetton quest’anno? Chi e da dove pensate si vada a pescare per perdere di 20-25 invece che di 50? A Rovigo? Sicuramente no! Tutto questo non ha senso, ne in ottica federale, ne per Treviso, e secondo me neanche per i giocatori

    • Federico Barbarossa 19 Febbraio 2015, 09:03

      Concordo pienamente.

    • malpensante 19 Febbraio 2015, 09:36

      Ciao Gianni, so che tu spenderesti volentieri (avendoceli) 12 milioni pur di vendere all’Isis tua suocera, e ti posso anche capire. Ma mi comprenderai a tua volta se io al massimo potrei metterci dieci euro di mio, e solo perché mi sei simpatico. Se il modello è quelli ci numeri vadano all’estero che qui siamo delle merde, allora facciamo come Rovigo, un bell’accordo con qualcuno di quelli boni pe rugby e glieli mandiamo col pullman già in età scolare, che loro le accademie e le seconde squadre ce le hanno e funzionano. E magari sono anche più capaci di selezionare e investire su quelli buoni. Se poi siamo capaci, ci facciamo pure pagare. Pensa che bello, se l’Isis ti paga OP anche solo mille euro al chilo.

    • pippobrutto 19 Febbraio 2015, 12:44

      magari è la volta che impara a usare le mani (anche se non è proprio di primo pelo)

    • ginomonza 19 Febbraio 2015, 13:25

      Premesso che le sei birre te le porterò lo stesso ma mi dici perché devo spendere 50 o 60 milioni di Euro per vedere partire i nostri?
      I Bergamasco Festuccia Lo Cicero Bortolami mica avevano bisogno del PRO XII per emigrare e migliorate!
      Non era meglio allora :
      Cara NZ ti mando 7/8 dei miei migliori U 18,19 per 5 anni ti do un milione o due all’anno per 5 anni e me li tiri su così ce li ho più forti e spendo meno?
      Ammettiamolo questo PRO XII è un fallimento

      • mezeena10 19 Febbraio 2015, 15:06

        e non è meglio portare gli allenatori qui? spendi meno e fai imparare molti piu ragazzi..

        • ginomonza 19 Febbraio 2015, 15:31

          Ovvio mez, la mia era una metafora per dire che spendendo 1/5 si ottenevano risultati migliori
          Capisci a me ? 🙂 ;-

          • mezeena10 19 Febbraio 2015, 17:41

            chiaro! 😉

    • balin 19 Febbraio 2015, 19:44

      Per me è un peccato, merita di meglio, una squadra di maggior rango. Ma certo che se l’alternativa è l’undicesima posto in pro 12…..

    • Hullalla 19 Febbraio 2015, 22:59

      Tutto bene, tutto bello, ma allora mettiamo otto milioni di euro in meno nelle squadre di Pro12 e otto milioni di euro in piu’ per finanziare il minirugby nelle scuole e le strutture di base per le giovanili.
      Serenamente.
      Perche’ quelle sono cose che invece non passano.

  2. Spinoza 19 Febbraio 2015, 08:48

    Speriamo solo che altri giocatori seguano il suo esempio.

  3. maz74 19 Febbraio 2015, 08:52

    Trovo giusto che dopo 2/3 anni di celtic, i migliori vadano a confrontarsi con campionati più difficili, aiuta a maturare e crescere ed aiuterà la nazionale nel futuro.
    Le due franchigie devono essere il trampolino di lancio dei giovani verso Francia ed Inghilterra o comunque verso il vero professionismo del rugby, ma non deve essere fatto l’errore di riportare giocatori ormai usurati e a fine carriere con stipendi alti nelle franchigie.
    Bisogna investire quei soldi in staff tecnici stranieri di livello che possano formare i giovani e farli crescere.

    • M. 19 Febbraio 2015, 09:39

      Irlanda e Galles cercano di fare di tutto per tenerli e spesso ci riescono. Noi troviamo giusto che vadano in campionati più difficili. La celtic è un campionato scarso? Ok, allora perché giochiamo la Champions cup e la Challenge con squadre italiane se la nostra prospettiva è “è giusto che vadano in campionati più forti e le franchgie sono trampolini verso Francia e Inghilterra?”. Alla faccia eh spendere milioni di euro per dare giocatori ai club francesi e inglesi, non mi pare molto saggio? Molti poi vanno in nazionale? Sì certo, controllati dai club che li fan giocare come e quando vogliono e se gli pare li trattano come Tebaldi.

      • PedemontanaRugby 19 Febbraio 2015, 09:52

        Magari non ti viene in mente che Tebaldi l’hanno trattato per quello che si meritava.

      • maz74 19 Febbraio 2015, 14:10

        Scusa, ma dei tre tornei sicuramente è quello più debole, Irlanda e Galles hanno più soldi, tradizione e competitività molto differente di Zebre e Treviso, mi pare anche logico che un giocatore vada in primis a guadagnare di più e poi a confrontarsi con una realtà competitiva.
        Le franchigie sono nate per formare meglio i giocatori per la nazionale, allora se 10/12 giocatori nazionali giocano in Inghilterra e Francia, vuol dire che altri giocatori hanno trovato spazio nelle Zebre e Treviso e posso giocarsi le loro possibilità di crescita, che sicuramente l’Eccellenza non può garantire.

        • gsp 19 Febbraio 2015, 14:32

          Maz, ribadisco, Masi e’ andato a guadagnare meno.

          • malpensante 19 Febbraio 2015, 23:36

            Non solo lui: Biagi, Furno, D’Apice, Romano, e me ne scordo qualcuno.

  4. MarioC 19 Febbraio 2015, 08:52

    In bocca al lupo Campa!
    PS: se sportivamente non c’è un’offerta valida, facile che i talenti se ne vadano. Poi non voglio stare qua a rodermi il fegato, ma se Treviso è stata nelle ultime stagioni la proposta più seria e stabile per un rugbysta italiano che si affacciava all’alto livello, e Treviso perde i pezzi migliori, allora devo proprio concordare con chi dice che il sistema è da rivedere.

  5. manchester 19 Febbraio 2015, 09:04

    In bocca al lupo e mi raccomando, umiltà e dedizione a ogni occasione che ti si presenterà.

    Mi incazzerei nel vedere un’involuzione stile Benvenuti

  6. Da 19 Febbraio 2015, 09:39

    In bocca al lupo anche a Campagnaro per la nuova avventura!

  7. M. 19 Febbraio 2015, 09:40

    In bocca al lupo a Campagnaro.
    Sono totalmente d’accordo con quanto dice Paolo e non posso che provare amarezza per il nostro movimento e il futuro delle nostre squadre.

  8. luis 19 Febbraio 2015, 09:45

    Che disastro, che desolazione . . .che mediocrità ( anche di pensiero): due franchige che giocano per il penultimo posto, senza uno straccio di gioco e che appena varcano i confini italici vengono subissate di mete, il tutto al costo di 12/14 milioni di euro fir con altri 5/6 per un esercito di accademie e centri federali guidati da dei dilettanti allo sbaraglio che producono gli stessi desolanti risultati. Ma esiste un minimo di dignità, di orgoglio o di capacità e conoscenze specifiche ? VIA TUTTI, compresi i presidenti delle società che hanno permesso e permettono questo scempio quotidiano, VIA questa banda di incapaci che sanno solo produrre sconfitte “onorevoli” e i settantamila dell’Olimpico ( con ventimila biglietti omaggio!!!!!).
    Il risultato è che i ns migliori prospetti se ne vanno all’estero mentro le altre Union fanno l’inverso ( adesso anche l’Argentina):mi viene un atroce dubbio, che siano gli altri che non capiscono un ca@@o ?

  9. Mr Ian 19 Febbraio 2015, 09:46

    In bocca al lupo Michele, non potevi scegliere destinazione migliore!!!!

    • zappinbo 19 Febbraio 2015, 11:03

      In che senso?

      • Mr Ian 19 Febbraio 2015, 14:08

        Che i Chiefs sono una squadra ambiziosa, ben gestita ed allenata che negli ultimi anni continua a sfornare talenti e mettere sotto contratto giocatori esperti ed utili alla causa. Non è un caso che da tre anni a questa parte sfiorano sempre i play-off.

        • mezeena10 19 Febbraio 2015, 15:08

          quoto!
          hanno grande considerazione del ragazzo, basti leggere le dichiarazioni del coach!

        • mezeena10 19 Febbraio 2015, 15:09

          hai visto? tutti i siti specializzati han rimbalzato la notizia!

          • Mr Ian 19 Febbraio 2015, 15:13

            Secondo me nel vecchio continente questo può essere uno degli acquisti dell anno. Su Baxter poi non ci sono dubbi…

  10. Giovanni 19 Febbraio 2015, 09:55

    Scusate, ma qui si fa ripetutamente parlare di “spingere”; @mal ha fatto un esplicito riferimento agli escrementi: ho da poco terminato di fare colazione e, insomma, spero mi possiate capire…non si possono leggere troppo certe cose… 🙂
    Venendo a Campacavallo, è chiaro che è libero di andare dove crede, sia per pecunia che per ambizione personale, ma io 20 virgulti italici scalpitanti (a proposito di cavalli..) proprio non riesco a vederli (lo so, il solito pessimismo…). Un conto è il Barbini, il Bacchin, il Zanusso…che la prossima stagione potrebbero essere Castello o Steyn, un altro è avere una squadra che torni ai livelli di competitività di due stagioni fa. Che facciamo, lanciamo ogni anno 4-5 nuovi giovani e l’anno successivo li mandiamo a rinforzare e far vincere i nostri competitor? Non suona un tantino autolesionistica la cosa?
    Poi c’è il discorso più volte illustrato da @Stefo. La FIR ormai ci mette 4 milioni per permettere a Benetton di poter fare il fenomeno parastatale? (Lo so, la solita tiritera: “bisogna solo ringraziarlo per quello che ha fatto in questi anni per il rugby”, “se non era per lui eravamo a giocare con l’Alto Volta…” e bla bla bla…ma per quanto ancora bisognerà ringraziarlo…?). Però sono anche d’accordo con chi dice: “tu FIR sei diventato socio in affari al 50%? Bene, allora devi PRETENDERE che il tuo socio ti renda conto di come e perchè spende i soldi in questo o quel modo”. Ma questo presupporrebbe di avere dei dirigenti veri sulle poltrone che contano e non dei nepotisti in formato ovale…
    Bene. Adesso vado: a lavoro c’è un improvvisa riunione di gabinetto… 🙂

    • Sergio Martin 19 Febbraio 2015, 11:58

      @Giovanni, con tutta questa scatologia mi fai diventare pessimista…

      • Giovanni 19 Febbraio 2015, 12:27

        Eh lo so, d’altronde non sono un cultore dei “pacchi” FIR, altrimenti sarei ottimista…

  11. gsp 19 Febbraio 2015, 10:11

    In bocca al lupo a campagnaro che ad Exeter male non si sta. Fatti valere.

  12. 6nazioni 19 Febbraio 2015, 10:25

    in bocca al lupo a MORISI no CAMPAGNARO scusatemi.

  13. Hrothepert 19 Febbraio 2015, 10:32

    Comunque sia la questione, che abbiano ragione quelli che dicono sia un bene che i nostri migliori prospetti espatrino o quuelli che invece dicono il contrario, un grosso in bocca al lupo al ragazzo.

  14. berton gianni 19 Febbraio 2015, 11:11

    Ciao Mal.
    Solo ora vedo il tuo post e ti rispondo qui.
    Per la verita’ non ho ben capito il tuo esempio su Rovigo…
    Cmq, mi confermo piu’ realista del re, ma mi convinco sempre piu’ che, per un verso o per l’altro, il nostro scibile rugbystico sia stato sovrastimato.
    Non abbiamo tanta tradizione, storia, cultura da mettere sul piatto della bilancia, nei confronti con gli “altri”.
    E dobbiamo aggiungere che non abbiamo neanche le loro disponibilita’ economiche.
    Ergo, sono in piena sintonia con quello che andrebbe fatto per metterci sulla giusta direzione e che tu, Stefo ed altri sostenete, ma per quello che riguarda le celtiche, resto dell’idea che la coscia migliore, proprio per allargare il numero di nostri atleti, sia che i big vadano all’estero.
    Ovvio, non un esodo.
    Ah, mille euro al chilo ? Troppo pochi !
    Cavolo, la bestia ormai e’ ridotta ad un manico di scopa !
    Come minimo devono offrirmi il pieno di alberghi in Viale dei Giardini e al Parco della Vittoria e le 4 stazioni…

    • Giovanni 19 Febbraio 2015, 11:29

      Però se gli molliamo Campacavallo e Simon Pietro e ci prendiamo in cambio Arcyere e Carluccia, i conti non tornano…specie se da 1 si è passati a 4 ml di denaro pubblico a stagione…

    • malpensante 19 Febbraio 2015, 23:42

      Rovigo ha un accordo con gli Ospreys.

      • San Isidro 19 Febbraio 2015, 23:51

        la Rugby Roma ce l’aveva con il Bougoin-Jalieau, ma non ha portato a molto…

  15. kinky 19 Febbraio 2015, 11:30

    Comunque volevo far notare a tutti che ad oggi il Benetton ha perso 2 giocatori (i più importanti assieme a Minto)….non mille. Son sempre i soliti due nomi che rimbalzano…non è che si sommano!!! Nel senso è da due mesi che ogni volta che esce un articolo su Favaro e Campagnaro si grida allo scandalo che stanno partendo tutti. Due mesi fa: Favaro e Campagnaro forse emigrano….e giù imprecazioni. Un mese fa: sembra che Favaro e Campagnaro abbiamo contatti concreti…e giù imprecazioni. Quindici giorni fa: fonti serie danno Favaro e Camapagnaro per sicuri partenti…e giù imprecazioni. Ieri e oggi: è ufficiale, Favaro e Campagnaro hanno firmato…e giù imprecazioni! Ragazzi sono sempre loro due non sono 8 giocatori diversi!!!

    • Giovanni 19 Febbraio 2015, 11:35

      Chi ti dice che non parta anche Gori? E Zanni se rimane forse sarà solo perchè si è rotto (a proposito, auguri a lui…). E se “o’guaglion” finora avesse avuto una stagione migliore…

      • kinky 19 Febbraio 2015, 12:44

        troppi se Giovanni!

        • ginomonza 19 Febbraio 2015, 15:34

          Kinky ma insomma contro le nostre squadre di eccellenza per sbaglio in PRO XII ci mandano i bambini l’anno prossimo.

    • San Isidro 19 Febbraio 2015, 23:22

      @kinky, i rumors in realtà c’erano anche per altri giocatori (Zanni, Minto e non solo), comunque concordo con te, anche se speriamo non ci siano altre uscite…

    • malpensante 19 Febbraio 2015, 23:48

      Cittadini, Dovevai,Rizzo,Ghiraldini,Luke,De Marchi, Barbieri,Favaro, Campagnaro. E Benvenuti che ormai non si considera più. Me ne scordo qualcuno? Ma mi sembra abbastanza.

  16. Francesco.Strano 19 Febbraio 2015, 11:40

    In bocca al lupo…. Spero seguano l esempio anche sarto….

  17. kinky 19 Febbraio 2015, 11:40

    Comunque ribadisco che se ogni anno partono due giocatori non è la fine del mondo anzi…certo l’importante dietro deve esserci del buon materiale di alta qualità su cui lavorare con sicuro profitto. Infatti la partenza di Favaro a me fa sicuro piacere perchè per prima cosa il ragagazzo crescerà ulteriromente ma dietro così ci sarà la possibilità per Barbini di giocare con ancora più continuità e quindi crescere perchè lui ha margini di miglioramento importanti, poi dietro ci sarà anche Lazzaroni che potenzialmente è un nuovo Minto (più forte ma questo lo sapremo tra 4 anni) ed arriverà Steyn a N8. Se rimane Zanni (e visto l’infortunio penso prorpio di si) in terza saremo messi meglio di quest’anno. Mentre nei trequarti la partenza di Campagnaro sarà un po’ più dura da colmare anche se ritornerà Sgarbi e Bacchin crescerà ulteriromente.
    Il punto più importante non sarà come colmare questi due partenti ma come sostituire in meglio quei stranieri che ad oggi non hanno fatto per niente la differenza…3 o 4 a mio avviso verrano sostituiti…almeno me lo auguro.

    • Francesco.Strano 19 Febbraio 2015, 11:50

      Bacchin e morisi a me non dispiacciono…..con auest ultimo 13….

  18. frank 19 Febbraio 2015, 11:45

    Scusate se faccio lo snob ma “Michele ha l’X Factor” nun se pö legge…….

    povero mondo!

  19. Federico Barbarossa 19 Febbraio 2015, 12:26

    Qui il link alle dichiarazioni di Rob Baxter su Campagnaro.
    http://www.onrugby.it/2015/02/19/goodbye-treviso-michele-campagnaro-ha-firmato-per-exeter/
    Questo passaggio mi pare molto interessante:
    “Having watched him play for Treviso and Italy, a huge part of his game has been defending. When you see him playing for Treviso in the Rabo, he makes an awful lot of tackles. He is a very good and dependable tackler, which first and foremost makes him very selectable.”
    E poi:
    That has probably not developed as much as he would like due to a lack of ball-in-hand time, but when those opportunities do arise, he can be very dangerous.”
    Mi viene da pensare che il paragone su Galles e Irlanda non tiene molto perché loro hanno un movimento che funziona e noi no. E quindi la domanda è: fa bene a un secondo centro di 21 anni giocare in una squadra in cui difende per l’80% della stagione? Se Campagnaro ha delle possibilità di diventare un campione deve dimostrarlo dove il livello è alto. Secondo voi Benetton e Zebre oggi sarebbero in grado di far crescere un campione come Parisse? Io non credo. Certo l’obiettivo deve essere quello di diventare come le Irlandesi e le Gallesi ma non lo si fa tenendo questo o quel giocatore ma costruendo un progetto tecnico e sportivo all’altezza.

    • Giovanni 19 Febbraio 2015, 12:31

      Molto pertinente la domanda su Parisse: sarebbe migliorato fino ai livelli che conosciamo, se non fosse andato in Francia…??

      • Federico Barbarossa 19 Febbraio 2015, 12:41

        Io non credo perché dobbiamo ammettere che in Italia non abbiamo i tecnici per far crescere i giocatori oltre un certo livello. Anzi mi sentirei di aggiungere che in alcune situazioni (vedi il delirio delle Zebre di quest’anno) il rischio è pure che per alcuni si attivi un processo di involuzione tecnica.

    • And 19 Febbraio 2015, 12:40

      chissà se ad Exeter giocherà di + che col Racing

      • Federico Barbarossa 19 Febbraio 2015, 12:43

        Se giocherà di certo dovrà sudarselo molto più che a Treviso e dovrà sviluppare alcune skills che non avrebbe sviluppato stando a Treviso.

        • Hullalla 19 Febbraio 2015, 23:07

          Pero’ avra’ anche dei supporti che non avrebbe avuto da altre parti, per metterlo nelle misgliori condizioni per far bene

          • San Isidro 19 Febbraio 2015, 23:29

            vero, senza nulla togliere alla professionalità di Treviso…

    • lexv 19 Febbraio 2015, 21:48

      Giusta osservazione! La domanda a questo punto sarebbe! Può un giovane prospetto migliorare al 100% in una squadra dove “un’enorme parte del suo gioco consisteva nel difendere?”

  20. parega 19 Febbraio 2015, 13:08

    allora ragazzi mi sa’ tanto che siamo diventati un bacino di giocatori buono per gli altri campionati…praticamente non avremo mai piu’ squadre forti con tutti i nostri ma neanche la meta’
    un po’ come il kenya per il podismo

    • Giovanni 19 Febbraio 2015, 13:17

      Abbiamo anche giocatori buoni per il “bacino” all’estero.
      Vedi mai che per la prossima generazione ci ritroviamo tanti bei cavalloni di ritorno alti, biondi e pronti per la Nazionale.
      I neo-Allan, per intenderci. 😉

      • ginomonza 19 Febbraio 2015, 15:35

        Di sana e robusta formazione italiana. 🙂

        • parega 19 Febbraio 2015, 21:28

          ligi al dove e al sacrificio !
          duri e puri

          • parega 19 Febbraio 2015, 21:29

            dovere

    • Hullalla 19 Febbraio 2015, 23:08

      Magari fossimo veramente come il Kenya per il podismo…

  21. San Isidro 19 Febbraio 2015, 15:47

    Dai si sapeva, mi fa piacere per Campagnaro, va in un signor club di Premiership, non una corazzata, ma una bella squadra, gli auguro il meglio…

  22. fracassosandona 19 Febbraio 2015, 17:26

    i morti si contano alla fine: vedremo se all’esito della campagna acquisti/vendite Treviso si sarà rinforzata o indebolita…
    a me dispiace che gli under30 debbano andare all’estero, capisco la cessione di chi vuole/deve monetizzare verso fine carriera (Ghira, Citta per portare qualche esempio), mi spiace che il nostro movimento si sia impelagato nel pro12 senza nessuna velleità di vincerlo o di dare ai nostri giocatori un palcoscenico internazionale “nostrano” degno di essere calcato anche dai migliori…
    cinque anni fa avevo letto la cosa come una sfida ai celtici, ma anche a francesi e inglesi: ora vi facciamo vedere di cosa siamo capaci se anche noi concentriamo le forze in un paio di squadre…
    invece in quel paio di squadre, dopo quattro anni, abbiamo solamente il meglio che ci possiamo permettere di trattenere davanti a tribune vuote e nell’indifferenza dei media e, conseguentemente, degli sponsor…

  23. bangkok 19 Febbraio 2015, 18:43

    Articolo su INSIDERUGBY. Parla Casellato.

  24. Iterumruditleo 19 Febbraio 2015, 23:10

    Io dico solo una cosa. Per vincere bisogna avere giocatori forti. Se perdiamo i pezzi pregiati buona notte. Bert dice che 20 vanno 20 nuovi giocano… si ma tra un po’ ci estromettono dal Pro XXII se non iniziamo a vincere almeno a Treviso.
    Domani comunque se vince!!!)))

Lascia un commento

item-thumbnail

Benetton Rugby: un giovane prospetto azzurro rinnova in biancoverde

Resta nutrita e di qualità la batteria dei centri a disposizione di coach Bortolami per la prossima stagione

item-thumbnail

Benetton Rugby, Riccardo Favretto: “Su di noi crescono le aspettative, ma abbiamo dimostrato di saperle reggere”

Il seconda/terza linea dei biancoverdi punta ad un 2024/25 da protagonista, per riprendersi anche la Nazionale

item-thumbnail

Benetton, Marco Bortolami: “La componente psicologica nel mio lavoro vale un buon 50%”

L'Head Coach dei Leoni ha spiegato il suo ruolo di tecnico e di comunicatore

item-thumbnail

Un altro Puma per il Benetton: ecco Lautaro Bazan Velez

Il mediano di mischia argentino rinforza la rosa dei Leoni

item-thumbnail

Benetton Rugby, Tommaso Menoncello: “La fiducia che il club ripone nei miei confronti è gratificante”

La stella dei biancoverdi e della nazionale vuole alzare l'asticella degli obiettivi di squadra

item-thumbnail

Benetton Rugby: Tommaso Menoncello rinnova il suo contratto con i Leoni

Il trequarti continuerà a fare parte del roster biancoverde