Guinness Pro12: Treviso pronto a graffiare nella tana dell’Ulster

Stasera veneti in campo a Belfast contro un’avversaria di grande prestigio. Calcio d’inizio alle 20 e 35 (diretta tv su Nuvolari)

ph. Pino Fama

ph. Pino Fama

«Quello è uno stadio bellissimo e sempre esaurito, tifosi sempre sportivi e civilissimi, è un piacere giocare a rugby lì ma è anche molto difficile da espugnare. Dovremo dimenticarci di tutto e far finta di essere a Monigo, cercando di pensare a far bene il nostro rugby: cioè la tattica, l’occupazione del territorio. Mischia e touche saranno determinanti». Così Umberto Casellato su La Tribuna di oggi presenta la sfida che questa sera alle 20.35 – ora italiana e in diretta tv su Nuvolari – opporrà la sua Benetton all’Ulster. Gli irlandesi sono quinti in classifica ma in piena corsa ai play-off e devono perciò fare risultato pieno. I veneti da parte loro vengono da un buon periodo e nell’ultima partita sono stati battuti proprio dall’Ulster al Monigo per 20-24.
“L’Ulster fra l’altro è la seconda squadra ad aver segnato più mete, 10, oltre la settima fase – aggiunge Casellato – quindi loro hanno un possesso eccezionale e sono abituati a segnare dopo aver messo molta pressione sulla difesa avversaria. Guai allora se gli lasciamo troppo il pallone, dovremo gestirlo, fare barriera, insomma rallentare le loro azioni”.
Partita inevitabilmente condizionata dalle tante assenze in entrambe le formazioni dovute alla concomitanza con il Sei Nazioni.

 

Ulster: 15 Louis Ludik, 14 Craig Gilroy, 13 Darren Cave, 12 Luke Marshall, 11 Michael Allen, 10 Ian Humphreys, 9 Ruan Pienaar, 8 Nick Williams, 7 Mike McComish, 6 Roger Wilson (c), 5 Franco Van der Merwe, 4 Lewis Stevenson, 3 Wiahahn Herbst, 2 Rob Herring, 1 Callum Black.
Riserve: 16 John Andrew, 17 Andrew Warwick, 18 Bronson Ross, 19 Robbie Diack, 20 Clive Ross, 21 Paul Marshall, 22 Stuart McCloskey, 23 Peter Nelson

 

Benetton Treviso: 15 Jayden Hayward, 14 Angelo Esposito, 13 Enrico Bacchin, 12 Sam Christie, 11 Ludovico Nitoglia, 10 Joe Carlisle, 9 Alberto Lucchese, 8 Mat Luamanu, 7 Dean Budd, 6 Meyer Swanepoel, 5 Corniel Van Zyl, 4 Antonio Pavanello (c), 3 Rupert Harden, 2 Davide Giazzon, 1 Matteo Zanusso
Riserve: 16 Albert Anae, 17 Josè Novak, 18 Salesi Manu, 19 Tomas Vallejos, 20 Nicola Cattina, 21 Andrea Pratichetti, 22 James Ambrosini, 23 Henry Seniloli.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Bortolami: “Benetton, stagione da 8. Il successo più bello è la crescita di Izekor, Spagnolo, Marin e gli altri”

Nella prima parte della lunga intervista rilasciata a OnRugby il tecnico traccia un bilancio della stagione: "I Bulls ci hanno fatto i complimenti. La...

item-thumbnail

Benetton, Pavanello: “Miglior torneo celtico di sempre. I Bulls? Ho più rimpianti per Gloucester”

Il direttore generale dei biancoverdi: "A Pretoria la squadra ha dato tutto. Il mercato? Un altro paio di arrivi e saremo a posto"

item-thumbnail

URC: Alessandro Izekor conquista un prestigioso premio individuale

Il flanker del Benetton Rugby e della Nazionale si è messo in luce accumulando percentuali difensive rilevanti

item-thumbnail

URC: il Benetton sfiora l’impresa. A Pretoria vincono i Bulls 30-23

Non basta un secondo tempo positivo per entrare in semifinale. Per Treviso in meta Ratave, Albornoz e Fekitoa

item-thumbnail

URC: la preview del quarto di finale tra Bulls e Benetton Rugby

Appuntamento a Pretoria alle ore 15.30 di sabato 8 giugno: in palio un posto in semifinale

item-thumbnail

Benetton Rugby: le scelte di formazione spiegate da Marco Bortolami

Il tecnico si sofferma sulla battaglia fra gli avanti motivando anche la scelta di Menoncello all'ala