L’Italia e gli altri, un solco che nasce presto e che non sappiamo colmare

Secondo qualcuno fino ai 20 anni il nostro movimento è in linea con gli altri, il gap arriva dopo. Ma il campo dice un’altra cosa

ph. Alessandro Tessari

Qualche tempo fa il responsabile dell’area tecnica della FIR Franco Ascione in una intervista a AllRugby disse che, tutto sommato, fino a 18/19 anni i nostri ragazzi hanno un percorso formativo fisico e tecnico “in linea con le potenzialità e le possibilità del nostro movimento”, non poi così lontano da quello degli altri nostri partner europei. Insomma inglesi, francesi, gallesi, irlandesi e scozzesi. Il vero gap arriva intorno ai 20 anni quando negli altri movimenti i giovani continuano a crescere mentre da noi fanno fatica a trovare spazi nelle squadre di club.
Opinione legittima, discutibile come tutte le opinioni, ma cosa dice il campo? Guardando i risultati delle nostre nazionali giovanili quella del responsabile federale non sembrerebbe però così suffragata dai fatti: non mancano certo i risultati positivi, ma non c’è nessun tipo di continuità e la maggioranza delle vittorie arrivano ancora contro movimenti che ci sono tradizionalmente inferiori. Insomma, vinciamo contro statunitensi e uruguaiani, battiamo – magari a fatica – i georgiani e un po’ più spesso gli scozzesi, ma quando incontriamo Inghilterra, Francia e compagnia cantante il nostro score è molto più negativo.

 

Abbiamo dato una veloce scorsa ai risultati delle nazionali azzurre U20, la recente “selezione sperimentale” (che raccoglie atleti al secondo anno di frequenza presso l’Accademia Nazionale “Ivan Francescato” e reduci dall’ultimo Mondiale Juniores insieme ad altri atleti non facenti parte dell’Accademia ma che provengono dal percorso formativo federale. La selezione sperimentale U19 è formata da atleti selezionati per la stagione 2014/2015 per l’Accademia Nazionale e da giovani di potenziale interesse in vista del Junior World Championship 2015), Emergenti, U19, U18 e U17 degli ultimi mesi e su un totale di 33 gare le vittorie sono 11, i ko 21 e un pareggio. Se però limitiamo lo sguardo alle partite contro le squadre dei movimenti appartenenti al gruppo a cui facciamo parte da qualche anno (dall’ingresso nel Sei Nazioni, diciamo) il monte sconfitte cambia di pochissimo e scende a 19 mentre quello delle vittorie cala di oltre la metà e si ferma a 5. Il trend degli anni precedenti non è poi molto diverso.

 

L’U20, ad esempio, vince contro Fiji, Argentina e Scozia ma rimedia pesanti ko contro Francia, Inghilterra, Australia, Francia e Galles. Oppure gli Emergenti battono la Spagna ma perdono con i georgiani; l’U18 si impone contro i Pumitas U19 pochi giorni dopo aver subito un pesante ko contro gli stessi avversari, batte di poco la Georgia ma contro Francia, Irlanda e Scozia non c’è storia.
Atleti e tecnici lavorano duramente, nessuno lo mette minimamente in dubbio, su questi risultati pesano fattori tecnici, sociali (lo sport nella vita dei giovani di molti altri paesi è molto più presente, a partire dalle scuole) e di conseguenza anche fisici. Mettiamoci pure le giornate storte, che capitano a tutti, ma il gap con gli altri movimenti più importanti esiste prima dei 20 anni e pure dopo. Bisogna ripartire da qui, che se non battiamo inglesi, francesi, australiani e soci con le nazionali giovanili come possiamo superarli dopo?

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

“Vittoria For Women – The Numbers of Prevention”: le Azzurre in campo con una maglia speciale per la prevenzione dei tumori femminili

Nel pre partita di Italia-Scozia le Azzurre saranno protagoniste di un'iniziativa promossa da Vittoria Assicurazioni

19 Aprile 2024 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

La formazione dell’Italia U19 per sfidare i pari età del Galles

Sabato pomeriggio a Viareggio le due nazionali giovanili si affrontano alle 16:00

19 Aprile 2024 Rugby Azzurro / Nazionali giovanili
item-thumbnail

Italia Femminile, Elisa Giordano: “Per vincere con la Scozia sarà fondamentale il punto d’incontro”

La capitana è al rientro e vuole tornare a dare il massimo per la sua squadra

19 Aprile 2024 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Italia Under 20: i primi convocati al raduno di preparazione al mondiale sudafricano

24 giocatori classe 2004/5 a lavoro da lunedì 22 aprile a Parma

item-thumbnail

Italia, Alyssa d’Incà: “Vogliamo due vittorie con bonus”

Le Azzurre sono di fronte a un rush finale che le vede opposte a Scozia e Galles

18 Aprile 2024 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Italia, Nanni Raineri: “Battaglia in conquista e migliorare l’avvio di gara contro la Scozia”

Il tecnico della nazionale femminile lancia le Azzurre verso la sfida di sabato

18 Aprile 2024 Rugby Azzurro / Nazionale femminile