Emisfero Sud vs Emisfero Nord: le cifre degli ultimi venti anni di finestre internazionali

La percentuale di vittorie delle squadre SANZAR è altissima, e il trand negli ultimi anni si conferma. Il gap si allarga sempre più?

ph. Anthony Phelps/Action Images

E’ un bel quadro quello che Huw Richards propone in un corposo articolo apparso sul portale Espn Scrum. Il succo sta tutto in alcuni dati molto semplici: Sudafrica-Scozia,  incontro vinto dagli Springboks e che ha chiuso il giugno internazionale, è stato il match numero 97 dall’inizio del 2008 tra le nazionali del SANZAR e le squadre del vecchio Cinque Nazioni. Il risultato complessivo è abbastanza impietoso: 82 vittorie per le nazioni SANZAR, due pareggi e 13 vittorie per le europee. Prendendo solo il periodo post Coppa del Mondo 2011, il bilancio degli incroci tra le cinque regine europee e le tre regine del Sud dice 37 vittorie per l’Emisfero Sud contro le appena 4 del Nord. Se invece andiamo indietro nel tempo, gli anni dal 2001 al 2007 dicono 28 vittorie delle europee su 101 incontri complessivi, mentre dal 1994 al 2000 il bilancio è di 56 vittorie del Sud su 74 incontri. Quindi, conclude Richards, è un errore pensare che il gap tra i due emisferi si stia chiudendo, anzi, e queste statistiche lo confermerebbero in maniera abbastanza eloquente.

Poco da dire, le cifre parlano chiaro ed è difficile dire qualcosa di universalmente valido per spiegarle. Il rugby è uno sport che cambia tanto e velocemente, e queste statistiche dimostrano che le squadre dell’Emisfero Sud sono quelle che probabilmente meglio si adattano a questi cambiamenti strutturali al gioco. Un altro discorso potrebbe coinvolgere le finestre internazionali, attualmente fissate a giugno e novembre. Nel primo caso i giocatori europei vengono da una stagione lunga ed estenuante tra campionato, coppe e Sei Nazioni, al termine della quale affrontano impegnativi tour nell’Emisfero Sud; nel secondo sono ad inizio stagione e forse non ancora pienamente a regime, mentre i giocatori sudafricani, neozelandesi e australiani sono sì a fine stagione (Super Rugby , Championship, ITM e Currie Cup), ma verosimilmente non tanto logorati quanto gli europei a giugno.

E voi che ne pensate? Quali i motivi per spiegare questo divario?

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

I primi convocati dell’Inghilterra per il raduno di preparazione ai Test Match estivi

Sette esordienti per Steve Borthwick, privo degli atleti impegnati nelle semifinali di Premiership

item-thumbnail

Springboks e All Blacks: l’idea di due tour completi fra Sudafrica e Nuova Zelanda

Le nazionali più titolate del mondo stanno cercando un accordo per il futuro

item-thumbnail

Test Match estivi: l’Inghilterra perde una pedina importante per il tour in Giappone e Nuova Zelanda

Steve Borthwick affronterà gli impegni di giugno e luglio con alcune assenze di rilievo

item-thumbnail

Gatland ha rivelato che c’è “una porta aperta per il ritorno di George North in Nazionale”

Il tecnico ha detto che valuterà le condizioni della leggenda gallese, che potrebbe concedersi un'altra "Last Dance" dopo il finale deludente di Cardi...

item-thumbnail

Sudafrica, Rassie Erasmus: “Pronti a ripartire. Ci attende un 2024 intenso”

Il tecnico degli Springboks carica i suoi in vista di un calendario fitto di impegni

item-thumbnail

Anche Hugo Keenan verso il Sevens olimpico

L'irlandese si unisce al già nutrito contingente di giocatori che passano temporaneamente al rugby a sette