Sei Nazioni 2014: Inghilterra, Irlanda e Francia attese dall’ultimo decisivo showdown

Dopo quattro giornate il torneo ancora non ha un padrone. E a fare la differenza potrebbe essere il monte-punti finora accumulato

La quarta giornata del Sei Nazioni 2014 ha regalato tante mete, la partita fin qui più spettacolare del torneo, e confermato una certezza: l’edizione 2014 è molto più combattuta di quello che inizialmente ci si sarebbe aspettati. Rispetto alla scorsa settimana, però, non sono più quattro le squadre a pari punti in testa alla classifica ma tre. Fatale, per il Galles, la sconfitta di Twichenham, che ha significato niente possibilità di giocarsi il terzo titolo consecutivo, ma soprattutto ha fatto scendere dal piedistallo la squadra dell’Emisfero Nord che meglio si è comportata nelle ultime stagioni. A questo punto, la vittoria finale è una questione per Francia, Irlanda e Inghilterra.

 

Tra queste chi meno ha impressionato è la squadra di Saint-André. Due vittorie risicate e forse non pienamente meritate contro Inghilterra e Scozia, una vittoria sull’Italia e la sconfitta contro il Galles. Per quanto riguarda invece l’Irlanda, il gruppo di Joe Schmidt ha iniziato con l’incognita del cartello “Lavori in corso” appeso fuori dallo spogliatoio, ma l’impressione è che le cose vadano avanti in modo spedito ed ottimale. L’Inghilterra di Lancaster è partita male, ma poi ha infilato tre vittorie che hanno significato non solo Triple Crown ma una più generale impressione che il quindici della rosa quando gira al massimo è in grado di mettere in difficoltà chiunque. Battere Irlanda e Galles non è certo un caso, e in particolare la prestazione contro i Dragoni ha colpito per intensità e fisicità.

 

Adesso ci attendono gli ultimi 240 minuti, al termine dei quali sapremo chi festeggerà. A Parigi va di scena il big match tra Francia e Irlanda. Difficile a questo punto fare un pronostico, ma è innegabile che gli Irish stanno giocando meglio di questa Francia, e inoltre possono schierare più giocatori che sanno come vincere i do or die match. L’Inghilterra scenderà in campo a Roma decisa non a vincere ma a stravincere. In caso di arrivo in parità, come sappiamo, conterà la differenza punti, che al momento premia l’Irlanda, che ha una cinquantina di punti in più dell’Inghilterra e ottanta sulla Francia. Al termine delle sfide del prossimo weekend potremmo trovare in classifica al primo posto Inghilterra e una tra Irlanda e Francia. Dovessero essere i galletti, per loro sarebbe quasi impossibile recuperare i trenta punti che li separano dall’Inghilterra, ma se a Parigi dovessero imporsi gli Irish potrebbe essere più probabile un arrivo al fotofinish e la vittoria finale potrebbe essere assegnata per una manciata di punti fatti/subiti in più o meno. Una cosa è certa: la squadra di Lancaster a Roma attaccherà a testa bassa dal primo all’ultimo minuto.

Di Roberto Avesani @robyavesani

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

L’inglese Henry Pollock eletto Miglior giocatore del Sei Nazioni U20

Il terza linea inglese è un giovane di grande prospettiva

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: Inghilterra ancora rullo compressore, l’Irlanda si rialza

Red Roses mai in difficoltà contro la Scozia malgrado un altro cartellino rosso, il Galles cade a Cork

14 Aprile 2024 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Due Azzurri nel XV ideale del Sei Nazioni 2024

Reso noto il Team of the Championship, dove l'Irlanda la fa da padrona e l'Italia ha più giocatori dell'Inghilterra

item-thumbnail

Scozia: fiducia in Gregor Townsend, nonostante tutto

Il capo allenatore rimane al suo posto, ma la federazione ha fatto intendere di non essere troppo soddisfatta dell'ultimo Sei Nazioni