Sei Nazioni, l’Italrugby verso le ultime due giornate. Quali le scelte di Brunel?

Martedì l’annuncio dei trenta per le sfide a Irlanda e Inghilterra. Occhi puntati su Masi e Venditti, possibili innesti nel gruppo azzurro

ph. Sebastiano Pessina

Il drop di Weir all’ultimo secondo ancora brucia nel ricordo di tifosi e appassionati, figurarsi nella testa dei giocatori e dello staff tecnico azzurro. Ma ora è tempo di ripartire e di pensare ai due prossimi, difficilissimi, impegni. Martedì Jacques Brunel comunicherà i trenta giocatori che verranno presi in considerazione per i match contro Irlanda, in programma a Dublino, e contro l’Inghilterra, che farà visita all’ultima giornata all’Olimpico di Roma. Entrambe le squadre sono in corsa per la vittoria finale e basta questo per pensare con quanta aggressività e convinzione entreranno in campo i nostri avversari. Per noi saranno due prove fondamentali soprattutto per verificare la tenuta mentale dell’Italrugby e per vedere quanti tarli la sconfitta contro gli Highlanders abbia lasciato.

 

Per quanto riguarda i nomi, quello che più circola e che più ci si aspetta è quello di Andrea Masi. Rientrato dall’infortunio, il forte trequarti azzurro ha messo minuti importanti coi suoi Wasps con cui ha disputato due partite in Premiership. Già ci si aspettava un suo rientro per la Scozia, probabile che adesso Brunel lo chiami. Chi potrebbe lasciarli spazio nella lista è Mirco Bergamasco, che nonostante il rientro nel gruppo azzurro non è stato preso in considerazione in nessuno dei tre match disputati nel torneo. L’altro nome che ci si può immaginare è quello di Venditti. L’ala delle Zebre è rientrata in campo con i federali e può essere che Brunel voglia provarlo, anche se Sarto, Esposito e Iannone fino a qui non hanno figurato male e soprattutto questi ultimi due offrono maggiori possibilità tattiche in copertura da doppio estremo. Altri possibili in uscita potrebbero essere Palazzani, che col rientro di Masi non sarebbe più l’unico estremo a disposizione oltre a McLean, e Benvenuti, che un po’ a sorpresa non è mai andato nemmeno in panchina. Tito Tebaldi era rientrato nei piani di Brunel, ma ancora tutto dipende dalla sua condizione fisica. Il mediano di mischia è tornato in campo con i suoi Ospreys, ma vorrà Brunel cambiare un mediano a torneo iniziato?

Per quanto riguarda la mischia, Favaro non è ancora disponibile, mentre in prima e seconda linea non dovrebbero esserci grosse novità. Martedì, comunque, ne spremo certamente di più.

Di Roberto Avesani @robyavesani

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Il calendario azzurro dell’autunno prende sempre più forma: “8 Nazioni” in vista

Quasi certa - anche se per l'ufficializzazione bisognerà attendere - la possibilità di un torneo novembrino ad 8 squadre al posto dei Test Match

27 Luglio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Andrea Lovotti: analisi e autocritica di quel brutto fallo su Vermeulen

Il pilone azzurro racconta quel momento e tutto quello che ne è conseguito dopo

22 Luglio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Nazionale italiana rugby: quali i nomi per novembre? – triangolo allargato

Uno sguardo alla linea arretrata, ed in particolari ad ali ed estremi per Franco Smith

22 Luglio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Nazionale italiana rugby: quali i nomi per novembre? – centri

Uno sguardo al reparto azzurro che dispone di alternative variegate

21 Luglio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

I ritiri azzurri del 2020

I giocatori con almeno un Cap che hanno deciso di smettere

20 Luglio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale