Caso celtico: la FIR pensa a Rosolen e Checchinato per la franchigia?

Indiscrezioni di stampa a tre giorni dal vertice di Silea. E il presidente del Mogliano fa una proposta (intelligente) sui permit players

ph. Sebastiano Pessina

Una settimana che guarda al vertice di giovedì di Silea, quando nella sede del comitato veneto si incontreranno i massimi dirigenti delle cinque squadre più importanti della regione (Rovigo, Petrarca, Mogliano, San Donà, Benetton Treviso) per parlare del futuro celtico e della possibile franchigia veneta. Sul tavolo anche il “come” metterla in piedi: i rappresentanti dei club vorrebbero essere autonomi dalla FIR – che invece ha previsto un controllo federale al 70% – quanto non dipendenti da Treviso, anche se inevitabilmente il gruppo Benetton dovrebbe continuare a rimanere il principale sponsor.
La Tribuna di oggi in tanto fa circolare i primi nomi per la struttura, almeno nei desiderata FIR: Umberto Casellato in panchina, Carlo Checchinato team manager e Tullio Rosolen ai piani alti della franchigia, scelte queste ultime due che di sicuro non possono essere gradite per gli attuali dirigenti veneti.
Sul quotidiano parla anche Roberto Facchini, presidente del Mogliano campione d’Italia, che parla anche di permit player: «Sono un tema strategico. A mio avviso il meccanismo va allargato, e soprattutto aperto anche in discesa. Già la prossima settimana, avendo un match di campionato, non potremo prestare tanti giocatori a Treviso. E mi spiace, perché sono il più contento se i miei giocatori hanno una ribalta importante. In futuro dovrebbe diventare possibile anche portare in Eccellenza i giocatori magari meno utilizzati dalla selezione di Celtic».

onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Benetton, Zatta furioso: “Contro Munster puniti da 2-3 fischi discutibili”

Il presidente biancoverde: "Vedo il bicchiere mezzo pieno, non do insufficienze a ragazzi che non giocavano da tanto"

item-thumbnail

URC: Zebre, altra beffa. Gli Ospreys rimontano e vincono 28-24 al Lanfranchi

Dopo una partenza horror, la squadra di Roselli guadagna un massimo vantaggio di 10 punti, rimontato però dai gallesi nell'ultimo quarto di gara

item-thumbnail

Benetton, Zanon: “Troppi palloni puliti concessi a Munster”. Lazzaroni: “Playoff alla nostra portata”

Due dei protagonisti del match hanno analizzato la sconfitta in conferenza stampa

item-thumbnail

La preview di Zebre-Ospreys: le formazioni e dove si vede in tv e streaming

Occasione importante per la squadra di Fabio Roselli, che deve fare a meno di 6 nazionali ma ritrova Pani dal primo minuto

item-thumbnail

Benetton, Bortolami: “Certe decisioni cambiano le partite. Sono inc…ato, ma orgoglioso dei ragazzi”

Il tecnico biancoverde: "Izekor il mio player of the match, ma tutti hanno fatto una grande partita"

item-thumbnail

URC, il Munster chiude la striscia positiva del Benetton: 30-40 a Monigo

I Leoni giocano bene in attacco, ma alla distanza vengono schiacciati fisicamente dagli avversari. Punto di bonus offensivo all'80'