Galles e Irlanda: due federazioni che si muovono in direzione opposta

Da una parte l’esodo, dall’altra le conferme. E Ronan O’Gara dice la sua: in Irlanda uomini prima che giocatori, legati a città e tifosi

Per molte federazioni non sono tempi facili né felici. Nel futuro tutto incerto che aleggia sopra il futuro delle competizioni europee, Pro 12 in primis, ci sono però due Union che si stanno muovendo in direzione opposta. Da una parte l’Irlanda, che riesce a trattenere alcuni dei suoi top player; dall’altra il Galles, che giorno dopo giorno vede andare via i suoi migliori elementi, e tra questi Halfpenny, forte estremo dei Cardiff Blues e dei Lions, è solamente l’ultimo in ordine di tempo. Il portale Wales OnLine ha contato in tutto 33 giocatori gallesi che l’anno prossimo non giocheranno nel proprio paese (Halfpenny, Evans, North, Davies, Phillips, Roberts, Lydiate, Hibbard, Knoyle, Martin Thomas, Hook, Luke Charteis, Bradley Davies, Henson, Paul James, Phil Dollman, Owen Williams e altri ancora).

In Irlanda, invece, le cose vanno abbastanza diversamente. Sean O’Brien, Rory Best, Conor Murray, O’Connel, Heaslip, Keith Earls, hanno recentemente rinnovato il proprio contratto con la IRFU. Sul diverso destino dei giocatori delle due nazionali si è in questi giorni espresso anche Ronan O’Gara, ex apertura di Munster e dell’Irlanda e attualmente nel coaching staff del Racing Metro, dove allena tra gli altri alcuni fuoriusciti da novanta (Sexton, Mike Phillips, Lydiate, Jamie Roberts). Dalle pagine dell’Irish Examiner, quotidiano diffuso soprattutto nella regione di Munster, l’attacco al Galles dell’ex giocatore è di quelli forti: “Non riescono a trattenere i giocatori perché non sono orgogliosi del rugby delle loro Regions […] A Munster e con la federazione i giocatori erano considerati come persone prima di tutto. Che è diverso da essere un numero sulla rosa”. Per O’Gara, poi, i giocatori irlandesi instaurano un forte feeling con la città e i tifosi dove giocano, tanto da divenire dei “folk idols”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Rainbow Cup: Sexton non riesce a stare lontano dai guai, ancora KO

Non ci sarà contro il Munster: in stagione meno di 200 minuti per il club

20 Aprile 2021 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Leinster: Scott Fardy dà l’addio al rugby

Finalista mondiale con i Wallabies nel 2015, lascia a 37 anni dopo 4 anni e 5 titoli al Leinster

16 Aprile 2021 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Simon Zebo torna in Irlanda: farà nuovamente parte del Munster

Scossa di mercato in quel di Limerick

14 Aprile 2021 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Leinster: un super acquisto in prima linea proveniente dal Super Rugby

Gli irlandesi rinforzano il pack con un arrivo di rilievo

13 Aprile 2021 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Champions Cup: la delusione di Munster

La Red Army affronta una nuova eliminazione, ma per coach Van Graan i miglioramenti sono evidenti

7 Aprile 2021 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

La federazione irlandese ha bloccato il trasferimento di Pieter-Steph Du Toit al Munster

Ragioni economiche alla base del nulla di fatto fra la franchigia di Limerick e il Player of the Year 2019 per la prossima stagione

31 Marzo 2021 Pro 14 / Altri club