Galles e Irlanda: due federazioni che si muovono in direzione opposta

Da una parte l’esodo, dall’altra le conferme. E Ronan O’Gara dice la sua: in Irlanda uomini prima che giocatori, legati a città e tifosi

Per molte federazioni non sono tempi facili né felici. Nel futuro tutto incerto che aleggia sopra il futuro delle competizioni europee, Pro 12 in primis, ci sono però due Union che si stanno muovendo in direzione opposta. Da una parte l’Irlanda, che riesce a trattenere alcuni dei suoi top player; dall’altra il Galles, che giorno dopo giorno vede andare via i suoi migliori elementi, e tra questi Halfpenny, forte estremo dei Cardiff Blues e dei Lions, è solamente l’ultimo in ordine di tempo. Il portale Wales OnLine ha contato in tutto 33 giocatori gallesi che l’anno prossimo non giocheranno nel proprio paese (Halfpenny, Evans, North, Davies, Phillips, Roberts, Lydiate, Hibbard, Knoyle, Martin Thomas, Hook, Luke Charteis, Bradley Davies, Henson, Paul James, Phil Dollman, Owen Williams e altri ancora).

In Irlanda, invece, le cose vanno abbastanza diversamente. Sean O’Brien, Rory Best, Conor Murray, O’Connel, Heaslip, Keith Earls, hanno recentemente rinnovato il proprio contratto con la IRFU. Sul diverso destino dei giocatori delle due nazionali si è in questi giorni espresso anche Ronan O’Gara, ex apertura di Munster e dell’Irlanda e attualmente nel coaching staff del Racing Metro, dove allena tra gli altri alcuni fuoriusciti da novanta (Sexton, Mike Phillips, Lydiate, Jamie Roberts). Dalle pagine dell’Irish Examiner, quotidiano diffuso soprattutto nella regione di Munster, l’attacco al Galles dell’ex giocatore è di quelli forti: “Non riescono a trattenere i giocatori perché non sono orgogliosi del rugby delle loro Regions […] A Munster e con la federazione i giocatori erano considerati come persone prima di tutto. Che è diverso da essere un numero sulla rosa”. Per O’Gara, poi, i giocatori irlandesi instaurano un forte feeling con la città e i tifosi dove giocano, tanto da divenire dei “folk idols”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

United Rugby Championship: la guida al girone irlandese

Le quattro squadre irlandesi promettono di essere ancora una volta le candidate alle posizioni di vertice

20 Settembre 2021 United Rugby Championship / Altri club
item-thumbnail

URC, serve un piano B per le gallesi: giocheranno in Italia contro le sudafricane?

Scarlets e Cardiff devono andare in Sudafrica a fine novembre, ma il paese è ancora sulla lista rossa del governo UK

20 Settembre 2021 United Rugby Championship / Altri club
item-thumbnail

Mick Kearney: dopo le Zebre, una nuova esperienza in Irlanda

Il seconda linea giocherà per la terza franchigia domestica diversa nel corso della sua carriera

item-thumbnail

URC: Joaquin Diaz Bonilla giocherà con gli Sharks

L'apertura argentina completa così una sorta di tour di tutti i più grandi campionati professionistici del mondo

item-thumbnail

Rainbow Cup: scelto l’arbitro per la finale Benetton Rugby-Bulls

La direzione sarà affidata a un fischietto esperto dell'Emisfero Nord

item-thumbnail

Rainbow Cup: la formazione dei Bulls per la finale contro il Benetton Rugby

I sudafricani, capitanati da Marcell Coetzee, si schierano con van Vuren e Hendricks al centro. In prima linea il trio Smith-Grobbelaar-Steenekamp