Sei Nazioni: la Francia fa e disfa. La Francia alla fine vince 26-24

Nel primo tempo galletti davvero belli, nel secondo sono quelli di un anno fa. E gli inglesi vengono beffati al 78′

ph. Paul Harding/Action Images

L’Inghilterra nel primo tempo non gioca neppure male ma se la Francia gioca da Francia (anche se non la migliore Francia)… beh, al mondo sono poche le squadre che possono metterla sotto. E solo se giocano molto bene. Gli inglesi commettono molti errori allo Stade de France ma hanno il grande merito di non mollare mai e riescono così sempre a tenere viva la gara anche se a menare le danze sono quasi sempre i padroni casa. Galletti che dopo 17 minuti hanno già nel fienile due mete di Huget, la marcatura di Brown tiene però a galla gli ospiti e il primo tempo si chiude sul 16 a 8.
E questa è la prima frazione, perché nella seconda si rivede ancora la Francia timida e impacciata di un anno fa. Gli inglesi sentono l’odore del sangue e l’azzannano al collo e al 56′ il XV di Sua Maestà è avanti 16-21. I padroni di casa si riavvicinano ma a risistemare le distanze ci pensa Goode. Finità? Francesi ko? Macché, Fickou, appena entrato marca la meta che porta il risultato sul 24 a 24. Machenaud realizza e si va sul 26-24 finale.
Gli inglesi hanno un bellissimo aggettivo da noi poco usato: mercurial. Perfetto per questa Francia.

 

Francia: 15 Brice Dulin, 14 Yoann Huget, 13 Mathieu Bastareaud, 12 Wesley Fofana, 11 Maxime Médard, 10 Jules Plisson, 9 Jean-Marc Doussain, 8 Louis Picamoles, 7 Bernard Le Roux, 6 Yannick Nyanga, 5 Pascal Papé (c), 4 Alexandre Flanquart, 3 Nicolas Mas, 2 Benjamin Kayser, 1 Thomas Domingo
Riserve: 16 Dimitri Szarzewski, 17 Yannick Forestier, 18 Rabah Slimani, 19 Yoann Maestri, 20 Antoine Burban, 21 Damien Chouly, 22 Maxime Machenaud, 23 Gael Fickou

 

Inghilterra: 15 Mike Brown, 14 Jack Nowell, 13 Luther Burrell, 12 Billy Twelvetrees, 11 Jonny May, 10 Owen Farrell, 9 Danny Care, 8 Billy Vunipola, 7 Chris Robshaw (c), 6 Tom Wood, 5 Courtney Lawes, 4 Joe Launchbury, 3 Dan Cole, 2 Dylan Hartley, 1 Joe Marler
Riserve: 16 Tom Youngs, 17 Mako Vunipola, 18 Henry Thomas, 19 Dave Attwood, 20 Ben Morgan, 21 Lee Dickson, 22 Brad Barritt, 23 Alex Goode

 

Marcatori per la Francia
Mete: Huget (1, 17), Fickou (77)
Conversioni: Machenaud (78)
Punizioni: Doussain (10, 22), Machenaud (69)

 

Marcatori per l’Inghilterra
Mete: Brown (36), Burrell (47)
Conversioni: Farrell (48)
Punizioni: Farrell (5, 42), Goode (72)
Drop: Care (56)

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Perché Rory Best non canta mai gli inni irlandesi

Il capitano della nazionale irlandese, senza mancare d'ironia, ha spiegato il motivo per cui rimane sempre in silenzio

14 Agosto 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il Sei Nazioni è vicino ad un accordo da 500 milioni di sterline con CVC

la società d’investimento starebbe per acquisire una quota di minoranza (attorno al 15%)

13 Luglio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

“La retrocessione al Sei Nazioni? Per ora è impraticabile”

Lo dice Bill Sweeney, il nuovo CEO della federazione inglese, al debriefing stagionale a Twickenham

14 Giugno 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento