Zebre contro Leoni, cosa ci lascia il secondo derby celtico della stagione

Dopo il match di parma a sorridere sono le Zebre, che portano a casa punti fondamentali per la classifica e per il morale

COMMENTI DEI LETTORI
  1. malpensante 6 Gennaio 2014, 09:38

    Letta la cronaca: accidenti, chissà cosa mi sono perso.

    • Katmandu 6 Gennaio 2014, 09:42

      @ mal sicuramente lo spettacolo non è stato esaltante ma visogna ricordare che comunque fin quando la pioggia era poca il gioco è stato pure piacevole aumentata d’intensità il pallone pareva una saponetta in doccia! Francamente troppi errori di gestione palla imputabili al meteo (da entrambe le parti)

  2. Katmandu 6 Gennaio 2014, 09:39

    Cosa resta della partita di parma:
    Un bergamauro che oltre a rischiare per un paio di volte il giallo, si può dire che finalmente da quando è rientrato in italia sta facendo molto bene (e non solo per ieri) ho visto un chistolini veramente in palla, ma quello che a mio avviso ha fatto la vera differenza ha giocato dietro col numero 15, ok non è il titolare e ha pure giocato poco questa stagione (e se non era per la moria di 3/4 non vedeva nemmeno la tribuna) ma si vede che lavora tanto e ha un intelligenza rugbystica fuori media (per l’italia) ottimo senso della posizione e buone prese al volo, buon piede e sa pure contrattaccare, quando dicevo che trevisan non da sicurezza al triangolo allargato intendevo questo, buono anche il solito Ghelde
    Continua a non piacermi chillon, e bortolami non so se sente la pressione ma ultimamente fa di quelle quaxxate che potrebbero costare la partita, e soprattutto Ratuvu mobile quanto una credenza
    Tv Goosen non poteva essere la panacea di tutti i mali e lo si sapeva, è una continuità con smith e lo si vede, soprattutto mentalemte non ha dato la scossa all’ambiente, anche se la sua mano fuori si è già vista, mclean che altre a fare l’ala gioca pure alternandosi a berquist
    TV ha fatto il suo fin quando c’era Zanni e Ghira a tenere le fila, una volta usciti han pensato a non prenderle, bene esposito nel marasma generale, soprattitto in difesa e bene pure mclean che il suo lo fa sempre e pure molto bene, maluccio i centri dove si vede che manca un po di fosforo (senza volenmene non è la caratteristica principale di Sgarbi e Luamarassa) Botes non ha mai dato una frustata la match, per intenderci alzare il ritmo a piacimento come fa leonard ma non si può dire che abbia fatto male e questa è la foto / critica peggiore per un allenatore e per un giocatore, nessuno ieri a tv ha giocato male anzi presi singolarmente han pure fatto bene ma nel complesso la sconfitta è giusta, quindi vuol dire che il problema sta quasi ed esclusivamente nella testa dei giocatori che probabilmente non hanno più quel qualcosa in più che avevano l’anno passato

  3. jock 6 Gennaio 2014, 09:47

    Cosa mi sono perso, lo sapevo valeva la pena ed ero previsto a Parma, ma sono dovuto per forza andare a Roma, tre giorni, peccato. Brave Zebre, su Treviso già detto tutto in passato, come pure su Cavinato, che non si è smentito nemmeno stavolta, infatti Casellato va via.

    • gattonero 6 Gennaio 2014, 10:00

      Ho letto bene? Casellato se ne va?

      • jock 6 Gennaio 2014, 12:00

        L’ ho letto proprio qui, giorni fa, gattonero, mi pare subito prima di natale, magari puoi verificare in rete.

      • jock 6 Gennaio 2014, 12:07

        Ti confermo, viene dato in partenza da Parma, leggi On Rugby non di prima di natale, mi correggo, ma del 30/12 u.s., un disastro, rimane il peggio e va via il meglio; sono convinto che se le Zebre giocano così, andando ad occupare tutto il campo al largo, oltre che di Leonard il merito è molto, molto di Umberto Casellato. vedi mogliano dell’ ano scorso.

        • gattonero 6 Gennaio 2014, 13:36

          L’ho trovato,quoto,sicuro che dietro al gioco espresso dalle Zebre di quest’anno ci sia il suo zampino,magari una capatina a Treviso nel prossimo futuro!!?!

          • jock 6 Gennaio 2014, 14:29

            Assolutamente auspicabile, quello si è un buon prospetto per allenare ad alto, forse altissimo livello, almeno mi auguro. Altro che agitarsi e dare i numeri, sai che bene fa a una squadra, che sicurezza da vedere l’ head coach sempre nevrastenico?

  4. berton gianni 6 Gennaio 2014, 09:51

    Non entro nel merito se la sconfitta sia giusta per Treviso.
    Piuttosto dico ok alle Zebre che han vinto. Chi vince ha sempre ragione.
    Complimenti a loro, tranne che al bifolco.
    E mi fermo.
    Poi, e non è una critica verso nessuno, ma la vittoria, in tutti i casi risicata, e’ stata decisa da una meta irregolare.
    Senza quella, si può scrivere di tutto e di più, a favore del XV di casa, ma non avrebbero vinto.
    Anzi, fosse stata assegnata al Benetton : apriti cielo !!
    Zebre mai pericolose a ridosso dell’area di meta ; Treviso, con Barbieri da inchiappettare…
    A guardare la classifica, vien persino da ” piangere ” : Treviso, non perdendo sabato e con una partita da recuperare ( non facile, of course ) starebbe meglio dell’anno scorso !

    • Katmandu 6 Gennaio 2014, 10:02

      Mi son perso qualcosa? A me la meta pareva regolare

      • mauro 6 Gennaio 2014, 11:59

        kat, a parte un in avanti di VS di difficile lettura (50 e 50), c’era la trattenuta di Palazzani a Nitoglia senza palla. Nulla di visibile ad occhio nudo, ma visto hce fai intervenire il TMO…
        Purtroppo era un italiano, di quelli che pensano che Pilato fosse un grande politico!

        • xnebiax 6 Gennaio 2014, 17:54

          La trattenuta è stata ininfluente dai. Al massimo diciamo che VS forse ha placcato Nitoglia in anticipo, ma la dovrei rivedere.

    • andreac 6 Gennaio 2014, 10:14

      se vincesse (ma è durissima) con glasgow arriverebbe ad avere tanti punti come gli scarlets…

    • mimi 6 Gennaio 2014, 18:16

      non era meta quella delle zebre come non era meta quella del tolosa,mi sa che ci vogliono 2 tmo ,4 se uno è dordolo

  5. nessuno 6 Gennaio 2014, 10:46

    Cosa mi lascia questo derby? la consapevolezza che rispetto all’europa siamo indietro di 20 anni su tutti gli aspetti del gioco…se i tigers sabato vengono a giocare come hanno fatto ieri contro il bath il Benetton perde di 120 punti…ovviamente si portano metà squadra giovanile…per le zebre? una loro soddisfazione dopo 200 figuracce considerando poi quello che ha detto nel post-partita il loro allenatore si consolano con poco…invece di dire punto di partenza cominciamo a giocare..povera italietta che si applaude per una partita sotto l’aspetto del gioco ridicola….mettete dentro i giovani fate crescere nuove generazioni basta co sti senatori vecchi e lenti…CREARE GIOVANI CARI FEDERALI, CREARE GIOVANI!!!!!!!!!!!

    • San Isidro 7 Gennaio 2014, 02:49

      mah…ok che le Zebre le hanno perse tutte la stagione passata, ma dire “200 figuracce” è esagerato…l’anno scorso molte partite i federali le hanno giocate bene e hanno perso con uno scarto di pochi punti…quest’anno stanno facendo molto meglio e per ora già sono arrivate due vittorie (una a Cardiff tra l’altro!) e un pareggio…
      nessuno applaude per chissà cosa, i problemi del movimento sono tanti…però non siamo sempre disfattisti…

  6. nessuno 6 Gennaio 2014, 10:55

    Vi faccio una domanda e rispondetemi onestamente: cosa cambia perdere con 7 giovani in campo di 30 punti e cosa cambia perdere con 5 trentacinquenni in campo + 3 stranieri IN RUOLI CHIAVE….CAMBIA POCO O TANTO? TANTO amici miei perché la franchigia deve formare giovani non 2 “promesse” all’anno e poi quando le fai giocare su partite che contano sono pesciolini fuor d’acqua…i 7 giovani quest’anno per le prime 5 partite li freghi poi si formano e fanno il culo agli altri….allargare la BASE creare COMPETIZIONE alzare il RITMO DI GARA con più alternative….Che amarezza andiamo avanti cosi…forse sono giunto alla conclusione che ai federali va bene cosi…e cosi sia

    • Katmandu 6 Gennaio 2014, 11:34

      @ nessuno cosa cambia? Dipende la qualitá dei giovani tutto li se hai 30 con le qualità di palazzani è un discorso se hai 30 con le qualità da massimo serie c è un altro, non ci si può nascondere dietro la parola giovani e dire che è la panacea di tutti i mali e te lo dice uno che è stato giovane da poco (ho 29 anni)

      • luis 6 Gennaio 2014, 12:12

        scusa @kat, ma Pallanzani mi pare un buon prospetto, da far giocare ancora sicuramente, ma non mi sembra un fenomeno al momento; oppure lo è se confrontato al resto in Italia.

        • Katmandu 6 Gennaio 2014, 12:27

          Appunto se hai 30 giovani con le qualità di palazzani non avremmo tutti sti problemi…

      • Hrothepert 6 Gennaio 2014, 12:45

        Kat, rugbysticamente non sarai più giovane ma in assoluto, per fortuna tua, ancora si, li avessi io…29 anni!! 🙂

  7. nessuno 6 Gennaio 2014, 11:42

    ma logico Katmandu….ma cosa pensi che sia sprovveduto? non guardiamo troppo lontano…basta guardare le panchine…gli altri 5 derby io li ho guardati tutti e avevano in campo il 60% dei giovani perché è cosi che allarghi la base…Katmandu capiscimi…come fai a giocare con 4 seconde linee per 70 minuti che se non questo o il prossimo anno lasciano il rugby giocato…

    • Katmandu 6 Gennaio 2014, 11:48

      Comunque c’è da dire un altra cosa il campionato irlandese-gallese-scozzese (solo per restare nel mondo CL) di prima divisione penso che formi meglio i giovani e lo si vede anche sul campo basta vedere i bimbi che da cardiff son venuti al monigo quanto erano più sgamati
      Sempre per restare a casa nostra hai visto ieri la partita “eccellente” tra san donà e Rovigo? Da una parte i bimbi, dall’altra un manipolo di gente che te li raccomando con qualche giovine
      Risultato? Beh una squadra non ha sbagliato nulla e l’altra ha provato ma la differenza si è vista tutta (con pure qualche eccezione)

      • gsp 6 Gennaio 2014, 12:43

        no kat, non fare l’errore di Munari. i giocatori all’estero sono formati dalle giovanili e poi dalle celtiche. questo passaggio intermedio quasi non esiste.

        @nessuno, capisco il pessimismo ma non esigeriamo. se paragoni i nostri ai tigers sei proprio furoi strada, puoi gardare anche centinaia di partite all’anno.

        i giovani e’ un discorso molto pericoloso se non usato con perizia. per i giovani c’e’ oggetivamente un problema di qualita’.

        ma in termini di quantita’ due novita’ all’anno bastano ed avanzano, anche perche’ una squadra deve fisicamente smaltirli e deve smaltire anche quelli dell’anno prima e due anni prima. ci vuole tempo, se non capisci questo, meglio non parlare di giovani. venditti, gori, giazzon, chillon, de marchi, minto, favaro, manici, sarto, odiete, trevisan, morisi, campagnaro, chistolini sono tutti giovani (o novita’, ricambi) ed hanno tutti bisogno di cura e dedizione (solo alla seconda stagione in CL, quindi in eccellenza si puo’ pescare un po’). aggiungi poi che oggetivamente c’e’ una maturazione lenta, ma forse una carriera piu’ lunga.

        aggiungo, l’anno scorso le zebre facevano un turnover quasi totale per far giocare proprio tutti, soprattutto i giovani. non mi sembra ti sia spellato le mani a difenderle quando venivano perse per i fondelli perche’ non vincevano, o ricordo male?

        hai ragione sulle seconde linee ma queste faranno proabilmente tutti il mondiale, e quindi fino ad allora devono giocare.

        • Katmandu 6 Gennaio 2014, 13:29

          E no gsp molti giocatori son formati dalle accademy delle varie squadre ma poi vengono dirottate in squadre amiche per svezzarli e vedere sul campo quanto valgono, leggevo proprio un paio di mesetti fa che duncan weir dopo il suo infortunio era tornato nel club in “serie a” per mettrgli minuti nelle gambe e fiato nei polmoni, quindi la faccenda funge da scambio con l’obbiettivo dell’alto livello
          Gsp un accademy a regime quanti giocagori può sfornare ogni anno (teoricamente una squadra completa quandi almeno due dozzine di giocatori) quanti arrivano all’alto livello diretamemte? Quasi nessuno a meno che non siano fenomeni (uno ogni 10 anni?) e il resto? Beh il resto scende di categoria fino a quando non interessa all’alto livello
          Quindi il discorso è dobbiamo far si che le celtiche abbiano un accademy funzionante (e nessuna delle due ne ha una) e in secondo luogo legare queste accademy a club eccellenti in maniera tale che
          1 alziamo il livello eccellente
          2 mettono minuti nelle gambe

          • gsp 6 Gennaio 2014, 13:37

            no kat, non e’ cosi’. gli altri campionati domestic sono quasi assenti dalle filiere.

            lo stesso caso che fai di weir non significa certo che si forma, ma che inizia a giocare e prende il ritmo partito, non che si sia formato li.

            l’idea che ha munari che va in eccellenza a prendere giocatori pronti, magari anche a meta’ stagione, non esiste e non e’ cosi’ in nessun altro campionato celtico.

            i minutaggi alle novita’ devi darlitu celtica facendoli giocare ed allenandoli.

            alzare il livello dell’eccellenza? certo che vi cuole ma non spendendo di piu’, perche’ non cambierebbe molto e costerebbe di piu’. lo puoi alzare in 5/10 anni facendo bene la formazione.

          • gsp 6 Gennaio 2014, 13:43

            kat, la storia di weir e’ un ritorno dall’inofrtunio che e’ cosa ben diversa.

          • Katmandu 6 Gennaio 2014, 13:51

            ok gsp ma i fuori usciti dalle accademy (perchè non staranno nelle accademy a vita) dove se ne vanno?
            nel campionato sottostante, e non alzano il livello?
            comunque ci siamo capiti servono accademy produttive e un eccellenza in grado di reggere il livello della CL

          • Katmandu 6 Gennaio 2014, 13:55

            e comunque gsp per citare wiki (che non è certo la bibbia ma un idea ce la si può fare)
            “The Scarlets are affiliated with a number of semi-professional and amateur clubs throughout the area, including Welsh Premier Division sides Llanelli RFC, Carmarthen Quins RFC and Llandovery RFC.”

          • gsp 6 Gennaio 2014, 14:02

            kat ma che siano affiliati non significa molto. in nessuna delle nazioni celtiche i giocatori arrivano in CL pronti a scendere in campo, o anche peggio pronti a scendere in campo a meta’ stagione. devi prenderli dal domestic allenarli e farli giocare un po’ alla volta. tipo giazzon ad esempio.

            quello che trovo assurdo e’ la stata la non riconferma di Giusti per esempio. l’hai visto, ha giocato, ha segnato che altra dimostrazione ti deve dare?

            per treviso l’estate scorsa e’ stata difficile anche dovuta alle incertezze. ma davvero non s’e’ pensato troppo alla sostenibilita’ futura della squadra. e l’anno prox invece che rinnovare devi rivoluzionare.

          • mezeena10 6 Gennaio 2014, 14:30

            anche clerc ha ripreso giocando la squadra espoir

  8. Hrothepert 6 Gennaio 2014, 13:02

    Il secondo derby, qui sul blog, ci lascia la solita disgustosa striscia di sterili, inutili e stucchevoli…polemiche!!

  9. gsp 6 Gennaio 2014, 13:12

    la situazione delle celtiche;

    le zebre sono al livello che mi sarei aspettato a questo punto della stagione. hanno lasciato qualche vittoria per strada purtroppo, ma anche quella fa parte della learning curve per ogni squadra. se non finisce ultima sara’ un successo, ma dubito, perche’ connacht cmq carbura con l’andare della stagione. edinburgo ha massimizzato quello che ha avuto, pochissimi bonus difensivi, vediamo se e’ squadra davvero superiore o se e’ solo girata bene fino ad oggi. cmq viste le aspettative molto basse, se fanno 4 vittorie sara’ una buona stagione, piu’ al fatto di far giocare molti giovani a buon livello, con buon minutaggio e magari con buona qualita’.

    treviso, idem e forse anche piu’ il discorso bonus che c’e’ per le zebre, piu’ la differenza punti fanno intravedere che ci sono delle cose su cui costruire, una certa solidita’ di squadra da rivalutare, una base da cui ripartire. adesso c’e’ da vedere se segue la fase post natalizia oppure se se la squadra riparte un po’ come l’anno scorso.

    si sono perse molte cose rispetto all’anno scorso pero’, fasi statiche (pero’ in ripresa), il gioco abrasivo del pacchetto di mischia ed i ricicli rapidi e veloci, che l’anno scorso erano il punto di forza delle squadre e funziona quasi in ogni condizione di campo.

    alcuni ammettono che l’errore principale della societa’ sono state le dichiarazioni pre stagione, che anche se sbagliate, non cambiano le prestazioni della squadra. sono errori di forma piu’ che di sostanza.

    c’e’ un problema di motivazione, condizione fisica, rinnovamento della squadra e della rosa, di mercato. alcune si possono ancora risolvere, altre meno. ma si dara’ sempre la colpa a situazione esterne e non interne, quindi non si puo’ cambiare niente, ed allora tenetevi la squadra cosi’.

Lascia un commento

item-thumbnail

Come stanno le Zebre Rugby dal punto di vista fisico?

Ne ha parlato il responsabile dello staff fisico-atletico Giovanni Biondi

18 Settembre 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Le Zebre tornano a lavorare al completo in vista del Pro14 2020/21

Da questa settimana il gruppo è formato: sono 42 i giocatori che Michael Bradley sta allenando a Parma

15 Settembre 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre Rugby, De Rossi: “Mai così tanta qualità negli italiani”

Il team manager della franchigia multicolor fa il punto della situazione fra permit player, staff tecnico e futuro

11 Settembre 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre Rugby, Andrea Dalledonne: “Più sinergia nel nostro territorio”

L'amministratore della franchigia ducale fa il punto in casa Zebre a pochi giorni dalla chiusura della stagione del Pro14

5 Settembre 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre Rugby: il programma per la ripresa degli allenamenti

La franchigia multicolor tornerà a lavorare molto presto in vista della prossima stagione

4 Settembre 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Nel mondo di Jacopo Trulla

Intervista a 360° all'estremo azzurro che ci ha tracciato la mappa dei suoi obiettivi per il futuro

4 Settembre 2020 Pro 14 / Zebre Rugby