Tonga e quei cartellini eccessivi che per il ct sanno di razzismo

Una gestione arbitrale contro il Canada nella Pacific Nations Cup che fa perdere la calma al ct tongano. E forse anche un po’ la ragione

ph. Sebastiano Pessina

Secondo Mana Otai, allenatore della selezione tongana, i cartellini rimediati nella sfida persa contro il Canada sarebbero dovuti ad un fastidioso pregiudizio arbitrale. Di più: razziale. Le squadre isolane, come sappiamo, hanno nell’aggressività offensiva e difensiva un punto di forza, ma spesso i loro giocatori faticano a incanalare la potenza fisica entro i binari del regolamento. Sabato scorso a Kingstone il Canada ha battuto Tonga 36-27 nel match valido per la IRB Pacific Nations Cup. Il pilone tongano Eddi Aholelei è stato espulso alla mezzora del primo tempo dopo una zuffa generale che ha coinvolto giocatori di entrambe le squadre, mentre il centro Silone Piukala e l’ala Tevita Halaifouna hanno ricevuto ciascuno un cartellino giallo rispettivamente al minuto 50’ e 56’ entrambi per un placcaggio in ritardo portato con la spalla.
L’allenatore tongano Mana Otai ha parlato di decisioni incomprensibili da parte dell’arbitro (John “JP” Doyle, stabile in Aviva Premiership) ed eccessiva premura nel punire i suoi giocatori. Ma ciò che più colpisce è che egli faccia discendere questo zelo a suo dire eccessivo da una pregiudiziale non di tipo sportivo ma, addirittura, razziale: a suo dire, essi verrebbero puniti in quanto neri (It’s almost like, these days you know, when a black man is tackling harder than the other. Traduciamo: è quasi come quando, soprattutto ai nostri giorni, un giocatore nero placca più forte degli altri […]”).
Per la cronaca, replay alla mano, il secondo cartellino è forse fiscale, gli altri sacrosanti. Tutelare la sicurezza prima di tutto, ed abituare gli atleti isolani al metro di giudizio dei campionati europei, nei quali, sempre più spesso, essi si trovano a competere.

 

di Roberto Avesani

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Inghilterra: Eddie Jones prolunga il suo contratto fino al 2023

Con un record di vittorie eccezionale, Jones si è guadagnato la conferma fino alla prossima Coppa del Mondo

item-thumbnail

World Rugby: i tour estivi restano in bilico

Lo ha chiarito Bernard Laporte, presidente della federazione francese

item-thumbnail

Scozia: Finn Russell e Gregor Townsend, prove di disgelo

L'apertura potrebbe tornare in nazionale. I rapporti col tecnico stanno migliorando

item-thumbnail

Il rugby può rinunciare ai test match di novembre?

Raelene Castle, CEO della federazione aussie, dice che si potrebbe pensare di chiudere il Super Rugby e giocare il Championship, evitando di venire in...

item-thumbnail

British & Irish Lions 2021: si pensa a una modifica del calendario nel tour in Sudafrica

Per gli organizzatori dell'evento c'è un must necessario: non sovrapporsi alla programmazione olimpica di Tokyo 2021