Italrugby, la strada che porta alla RWC2015 parte da Bormio

La preparazione per il tour in Sudafrica, ma per la nazionale il raduno in Valtellina è un primo passo che porta più lontano

ph. Sebastiano Pessina

Una pioggerella incostante ed una temperatura tutt’altro che primaverile hanno fatto da cornice alla prima giornata di raduno valtellinese della Nazionale Italiana Rugby, da domenica a Bormio per preparare il tour sudafricano di giugno.

Gli Azzurri convocati dal CT Brunel – assenti gli “inglesi” Castrogiovanni e Masi e Gonzalo Canale, in attesa della nascita del primogenito prevista a giorni – hanno lavorato dapprima divisi per reparto, alternandosi tra campo e palestra, per poi svolgere una prima seduta collettiva sul campo di Bormio.

Nel pomeriggio, foto in maglia ufficiale per i quattro esordienti convocati da Brunel per il quadrangolare sudafricano e per quegli Azzurri che ancora non avevano avuto modo di indossare le maglie da gioco lanciate dallo sponsor tecnico adidas nel giugno scorso e, prima di cena, una finestra individuale in palestra o sul lettino della fisioterapia per smaltire le fatiche della ripresa.

Sergio Parisse e compagni sono attesi oggi da una mattinata analoga, mentre nel pomeriggio i calciatori saranno impegnati intorno alle 17 sul campo del Sondrio Rugby per una seduta specifica al termine della quale il team manager Troiani ed i kickers azzurri incontreranno la prima squadra del Club del capoluogo valtellinese, il Sindaco di Sondrio Alcide Molteni e le autorità locali per un brindisi.

L’incontro con il movimento di base valtellinese vivrà poi un nuovo momento mercoledì sera al campo d’allenamento di Bormio, quando la Nazionale riceverà l’abbraccio di tutte le Società rugbystiche, dal Sondrio al  Delebio, dal Valtellina 200 al Livigno, con i giovani rugbisti della zona che avranno la possibilità di incontrare di persona i propri beniamini a partire dalle 18.30. All’appuntamento saranno presenti, insieme ai club della valle, il Sindaco di Bormio ed i rappresentanti della Comunità Alta Valtellina.

“La scelta di Bormio quale sede del raduno di preparazione al tour – ha detto il Manager della Nazionale, Luigi Troiani – è di fatto la prima tappa di avvicinamento alla Rugby World Cup 2015. Vogliamo preparare al meglio la prossima edizione dei Mondiali e vogliamo sfruttare questo raduno per conoscere le strutture candidate ad ospitare quella che, tra due anni, sarà una preparazione estiva lunga ed impegnativa. Bormio è una cittadina dalla grande vocazione sportiva, conosciuta ed apprezzata per le proprie infrastrutture e già utilizzata in passato da importanti realtà di altre discipline di primo piano: è sicuramente l’ideale per preparare questo tour ed ha tutte le potenzialità per essere una delle sedi del raduno pre-Mondiale”

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

La risposta di Maxime Mbandà a un insulto razzista

Al giocatore delle Zebre e della nazionale vanno tutto il nostro sostegno e la nostra solidarietà

29 Novembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: Franco Smith sarà l’allenatore ad interim per il Sei Nazioni 2020

Il sudafricano sarà a capo dello staff tecnico per il prossimo torneo, affiancato da De Carli e Goosen

21 Novembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: Conor O’Shea si è dimesso con effetto immediato

L'allenatore irlandese non guiderà gli azzurri al Sei Nazioni 2020. "Spero di aver lasciato il rugby italiano in una posizione migliore"

16 Novembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Come sarà l’Italia della Rugby World Cup 2023?

Abbiamo provato a immaginare delle liste di 31 convocati per il prossimo Mondiale. Ecco cosa ne è uscito fuori

13 Novembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Test Match 2020: il probabile calendario dell’Italia, tra luglio e novembre

Per gli azzuri, tour americano in estate e sfide di lusso a novembre

7 Novembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

80° minuto: la Rugby World Cup dell’Italia vista con gli occhi di Mattia Bellini

Intervista all'ala che nella rassegna iridata giapponese è stato uno dei migliori del gruppo azzurro

1 Novembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale