Mondiali ancora in Nuova Zelanda? Brett Gosper non dice di no

La RWC potrebbe tornare nella terra dei Maori, anche se non presto. Lo dice il boss dell’IRB

Il Mondiale 2011 era tornato in Nuova Zelanda dopo la primissima edizione del torneo nel lontano 1987. Quasi un obbligo in onore di quella che è la potenza rugbistica per eccellenza ma una scelta lontana da quelli che sono gli standard soprattutto economici resi ormai necessari dal professionismo. Non è un caso che la scelta neozlandese è stata calata in mezzo a due sicuri successi economici: quello francese del 2007  e quello inglese del 2015.
Standard economici che la Nuova Zelanda non poteva garantire per la bassissima “base di partenza” (ha solo 4 milioni di abitanti) e per la sua lontananza geografica che ha impedito un afflusso turistico dall’estero con relative presenze negli stadi paragonabile a quelli europei. La scelta giapponese del 2019, ad esempio, può garantire una base di popolazione di partenza di quasi 130 milioni di persone. E qualche differenza c’è.
Si pensava perciò che un ritorno in Nuova Zelanda per il torneo iridato fosse un qualcosa nemmeno nelle teste dei pezzi grossi dell’IRB. Beh, non è così, almeno a sentire il nuovo CEO Brett Gosper che in una intervista al Sunday Star-Times ha detto che “succederà, non so dire quando ma succederà. Anche se non avverrà per le prossime edizioni”. Per completezza dell’informazione bisogna dire che queste parole Gosper le ha dette durante un viaggio proprio in Nuova Zelanda e il tasso di “imbonimento” poteva quindi essere più elevato.

onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

La curiosa storia di Byron McGuigan, avversario dell’Italia con la Scozia e la Namibia

Le nuove regole sull'eleggibilità consentiranno al giocatore di iniziare la sua nuova carriera internazionale in modo singolare

24 Gennaio 2023 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: una seconda opportunità per ottenere i biglietti

Aprirà il 24 gennaio la piattaforma di rivendita ufficiale dei tagliandi

19 Gennaio 2023 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Brodie Retallick lascerà gli All Blacks dopo la Coppa del Mondo 2023

La leggenda neozelandese, che ha raggiunto i 100 caps a novembre, ha firmato con i giapponesi Kobelco Kobe Steelers

18 Gennaio 2023 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Eddie Jones è il nuovo allenatore dell’Australia, esonerato Rennie

Il contratto entrerà in vigore dal 29 gennaio e arriverà fino al 2027. Il tecnico avrà anche un ruolo di supervisione del rugby femminile australiano ...

16 Gennaio 2023 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: il mondiale francese avrà diverse novità

Rose più ampie e più giorni di recupero per i giocatori, il torneo durerà una settimana in più

13 Gennaio 2023 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: nell’inchiesta per corruzione ci vanno di mezzo anche i biglietti

Centinaia di tagliandi tolti dal circuito normale d'acquisto per essere ceduti a un dirigente della federazione francese

9 Gennaio 2023 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023