Mondiali ancora in Nuova Zelanda? Brett Gosper non dice di no

La RWC potrebbe tornare nella terra dei Maori, anche se non presto. Lo dice il boss dell’IRB

Il Mondiale 2011 era tornato in Nuova Zelanda dopo la primissima edizione del torneo nel lontano 1987. Quasi un obbligo in onore di quella che è la potenza rugbistica per eccellenza ma una scelta lontana da quelli che sono gli standard soprattutto economici resi ormai necessari dal professionismo. Non è un caso che la scelta neozlandese è stata calata in mezzo a due sicuri successi economici: quello francese del 2007  e quello inglese del 2015.
Standard economici che la Nuova Zelanda non poteva garantire per la bassissima “base di partenza” (ha solo 4 milioni di abitanti) e per la sua lontananza geografica che ha impedito un afflusso turistico dall’estero con relative presenze negli stadi paragonabile a quelli europei. La scelta giapponese del 2019, ad esempio, può garantire una base di popolazione di partenza di quasi 130 milioni di persone. E qualche differenza c’è.
Si pensava perciò che un ritorno in Nuova Zelanda per il torneo iridato fosse un qualcosa nemmeno nelle teste dei pezzi grossi dell’IRB. Beh, non è così, almeno a sentire il nuovo CEO Brett Gosper che in una intervista al Sunday Star-Times ha detto che “succederà, non so dire quando ma succederà. Anche se non avverrà per le prossime edizioni”. Per completezza dell’informazione bisogna dire che queste parole Gosper le ha dette durante un viaggio proprio in Nuova Zelanda e il tasso di “imbonimento” poteva quindi essere più elevato.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Eddie Jones: “La nostra Rugby World Cup stava per impolodere”

Ma poi, svela l'head coach, la psicologa della squadra ha risolto la situazione

8 Aprile 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Inghilterra, rivoluzione Eddie Jones: “Al Mondiale 2023 una squadra nuova per il 60%”

Il tecnico pensa già alla Rugby World Cup e ai possibili cambiamenti in rosa

7 Aprile 2020 Emisfero Nord
item-thumbnail

“Il rugby ha bisogno di soldi”: ecco perché la Rugby World Cup si gioca in Francia

Claude Atcher, CEO della RWC 2023, ha raccontato cos'ha spinto il voto delle federazioni a ribaltare il verdetto della commissione

23 Marzo 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: 5 mete incredibili del Mondiale giapponese

Dalla realizzazione di Kenki Fukuoka a quella di George Bridge: la possibilità di rivivere alcuni momenti iridati

20 Marzo 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: come sarebbero oggi le fasce del sorteggio dei gironi?

I raggruppamenti del Mondiale 2023 verranno composti il prossimo novembre

19 Marzo 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: ridotta del 28% l’incidenza delle concussion rispetto al 2018

Lo ha rivelato World Rugby, nell'incontro parigino di inizio settimana

5 Marzo 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup