Cosa c’è dietro la “rivoluzione/involuzione” del Sei Nazioni femminile

Scozia e Galles: sono questi i due “nemici” del Sei Nazioni delle ragazze così come lo conosciamo. Altro che Seven…

ph. Sebastiano Pessina

Su OnRugby torna – o meglio, arriva – Il Grillotalpa. Firmerà alcuni corsivi su temi che fanno discutere il popolo di Ovalia. Nessuna scadenza precisa, quando vorrà scrivere lo farà. Voi rimanete da queste parti…

 

Della “rivoluzione” – ma sarebbe più corretto chiamarla involuzione – del Sei Nazioni femminile abbiamo detto alcune settimane fa. Il torneo così come lo conosciamo verrebbe sostituito da due Tier: nella prima Inghilterra, Francia e Irlanda, nella seconda Galles, Scozia e Italia. La prima giocherebbe gare di andata/ritorno, la seconda invece rimarrebbe con il sistema attuale e cioè con gara secca alternando un anno con l’altro la sede delle partita. Non si capisce se e con quali eventuali regole sarebbero previste promozioni/retrocessioni. Una vera schifezza, diciamolo chiaramente.
Il Board si riunirà il 10 di aprile per discutere la questione ma incontri informali già ci sono stati. Si è detto che le modifiche sarebbero state spinte per una questione di contenimento dei costi e della crescita esponenziale che il Seven sta registrando anche tra le ragazze. Sembrano alibi. No, sono alibi, poche balle.

 

La verità è un’altra: Scozia e Galles vogliono affossare il Sei Nazioni così com’è. I motivi? Andrebbero in realtà cercati negli anni addietro, nei soldi male investiti o non spesi dalle rispettive federazioni nel settore femminile. Nella loro difficoltà di gestire il movimento, di farlo crescere nei numeri. Anche a dispetto dei risultati del campo che nel caso del Galles sono più che dignitosi. Oggi però si decide diversamente, qualcosa continua a sfuggire alla nostra comprensione. Si dice che i conti sono quelli che sono e si taglia, tanto – appunto – c’è il Seven, che costa meno e ha prospettive di crescita maggiori.
Si dirà che Inghilterra, Irlanda, Francia e Italia sono invece favorevoli a mantenere lo status quo, anzi, a rinvigorirlo.  Si dirà che sono la maggioranza numerica. Si dirà che Inghilterra e Francia sono anche le federazioni più politicamente “pesanti”. Tutto vero, ma se uno decide che no, che così non va bene c’è poco da fare. Un po’ come quando tra i bambini c’è quello che non vuole più giocare a calcio in cortile e costringe tutti a fermarsi perché si porta la via la palla. Si può probabilmente “lavorare” sul Galles, più difficile sulla Scozia. Ma anche a Cardiff il panorama economico/politico non è dei migliori. E se da qualche parte bisogna usare l’accetta, duole dirlo, lo si fa con il settore femminile. Quello maschile non si tocca.
Il 10 aprile l’involuzione è probabile, molto probabile. A meno che i fautori del Sei Nazioni così com’è non decidano di allargare i cordoni della borsa e metterci magari dentro anche dei “benefit”. E potrebbe non bastare.

 

Il Grillotalpa

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

World Rugby Ranking: il primo weekend di Sei Nazioni può sconvolgere la classifica femminile

Lo scorso fine settimana, la vittoria scozzese in Spagna ha rivoluzionato il panorama per quanto concerne il torneo di qualificazione mondiale

23 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Sei Nazioni femminile 2020, Giada Franco: “Sapere che le altre ci temono fa piacere”

La terza linea azzurra ed il CT Andrea Di Giandomenico hanno parlato ai nostri microfoni al lancio londinese del torneo

22 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Sei Nazioni Femminile: le 23 convocate azzurre per il Galles

Andrea Di Giandomenico ha ristretto la lista al massimo: ecco le 23 atlete pronte per l'Arms Park di Cardiff

22 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Sei Nazioni femminile, l’Italia nelle parole di Beatrice Rigoni: “Obiettivo? Ripetere l’anno scorso”

Le ambizioni, l'analisi e il gruppo: la fotografia "interna" della trequarti della nazionale azzurra

21 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: le convocate dell’Italia femminile

Trenta atlete chiamate da Di Giandomenico: "Un mix fra atlete giovani ed esperte"

15 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Veronica Madia è pronta al rientro e vede il Sei Nazioni 2020

Dopo tre mesi di stop per un problema alla caviglia, l'apertura di Colorno dovrebbe tornare in campo domenica a Ferrara

9 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / Nazionale femminile