La Scozia sbuffa e ringhia, l’Inghilterra la doma e vince 38-18

Pronostici rispettati a Twickenham dove l’Inghilterra non incanta ma che quando spinge sull’acceleratore mette paura

 

ph. Andrew Boyers/Action Images

Per un tempo c’è la Scozia che non ti aspetti: reattiva, combattiva, quasi sfrontata, che vede marcare la prima meta con il debuttante Maitland dopo soli 9 minuti. I padroni di casa sono nella loro versione meno scintillante, ma sempre quadrati e determinati, anche se commettono un po’ troppi errori di handling. I primi 40 minuti si chiudono sul 19 a 11 per i padroni di casa, che negli ultimi 10-15 minuti danno l’impressione di aver preso le misure dell’avversario.
Sensazioni confermate dalla ripresa che è praticamente un monologo del XV in maglia bianca. Inghilterra magari non bellissima ma davvero tosta: le sfide con Irlanda e Francia saranno imperdibili. Sugli scudi soprattutto un Farrell sempre più maturo, bene anche Barritt e Twelvetrees (per lui anche una meta).

 

A QUESTO LINK TUTTI GLI HIGHLIGHTS DELLA PARTITA

 

Inghilterra: 15 Alex Goode, 14 Chris Ashton, 13 Brad Barritt, 12 Billy Twelvetrees, 11 Mike Brown, 10 Owen Farrell, 9 Ben Youngs, 8 Ben Morgan, 7 Chris Robshaw (capt), 6 Tom Wood, 5 Geoff Parling, 4 Joe Launchbury, 3 Dan Cole, 2 Tom Youngs, 1 Joe Marler.

Riserve: 16 Dylan Hartley, 17 David Wilson, 18 Mako Vunipola, 19 Courtney Lawes 20 James Haskell, 21 Danny Care, 22 Toby Flood, 23 David Strettle.

 

Scozia: 15 Stuart Hogg, 14 Sean Maitland, 13 Sean Lamont, 12 Matt Scott, 11 Tim Visser, 10 Ruaridh Jackson, 9 Greig Laidlaw, 8 Johnnie Beattie, 7 Kelly Brown (capt), 6 Alasdair Strokosch, 5 Jim Hamilton, 4 Richie Gray, 3 Euan Murray, 2 Dougie Hall, 1 Ryan Grant.
Riserve: 16 Ross Ford, 17 Moray Low, 18 Geoff Cross, 19 Alastair Kellock, 20 David Denton, 21 Henry Pyrgos, 22 Duncan Weir, 23 Max Evans.

 

Marcatori
Per l’Inghilterra, mete: Ashton (30), Twelvetrees (42), Parling (53), Care (80)
Conversioni: Farrell (31, 43)
Punizioni: Farrell (2, 13, 18, 37, 80)

 

Per la Scozia, mete: Maitland (9), Hogg (70)
Conversioni:
Punizioni: Laidlaw (19, 39, 71)

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Perché Rory Best non canta mai gli inni irlandesi

Il capitano della nazionale irlandese, senza mancare d'ironia, ha spiegato il motivo per cui rimane sempre in silenzio

14 Agosto 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il Sei Nazioni è vicino ad un accordo da 500 milioni di sterline con CVC

la società d’investimento starebbe per acquisire una quota di minoranza (attorno al 15%)

13 Luglio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

“La retrocessione al Sei Nazioni? Per ora è impraticabile”

Lo dice Bill Sweeney, il nuovo CEO della federazione inglese, al debriefing stagionale a Twickenham

14 Giugno 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento