La Scozia del Sei Nazioni, dieci esordienti per voltare pagina

Invertire la rotta e ripartire in pochi mesi. Un compito difficile, ma se c’è una cosa che non manca agli scozzesi è il cuore

Il ct ad interim Scott Johnson ha diramato le convocazioni per il torneo che  inizia il 2 febbraio. Il debutto è a Twickenham, dove vedremo una Scozia mai vista: dieci infatti i giocatori alla prima chiamata assoluta. Tra questi spicca il neozelandese (ma con nonni di Glasgow) Sean Maitland. Oltre a lui i nuovi volti sono Alex Dunbar, Peter Horne, Sean Kennedy, Peter Murchie, Tommy Seymour, PatMacArthur, Grant Gilchrist, Ryan Wilson e Chris Fusaro.
Ecco l’elenco completo:

 

Trequarti: Peter Murchie, Stuart Hogg, Sean Maitland, Tommy Seymour, Sean Lamont, Tim Visser, Max Evans, Matt Scott, Alex Dunbar, Peter Horne, Duncan Weir, Ruaridh Jackson, Tom Heathcote, Henry Pyrgos, Sean Kennedy, Greig Laidlaw
Avanti: Alasdair Dickinson, Ryan Grant, Dougie Hall, Pat MacArthur, Ross Ford, Euan Murray, Geoff Cross, Moray Low, Alastair Kellock, Richie Gray, Jim Hamilton, Grant Gilchrist, Kelly Brown, Robert Harley, Ryan Wilson, Johnnie Beattie, David Denton, Richie Vernon, Chris Fusaro.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Perché Rory Best non canta mai gli inni irlandesi

Il capitano della nazionale irlandese, senza mancare d'ironia, ha spiegato il motivo per cui rimane sempre in silenzio

14 Agosto 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il Sei Nazioni è vicino ad un accordo da 500 milioni di sterline con CVC

la società d’investimento starebbe per acquisire una quota di minoranza (attorno al 15%)

13 Luglio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

“La retrocessione al Sei Nazioni? Per ora è impraticabile”

Lo dice Bill Sweeney, il nuovo CEO della federazione inglese, al debriefing stagionale a Twickenham

14 Giugno 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento

  1. Stefo 14 Gennaio 2013, 14:59

    Dalla lista direi che puntano su Prgos come nuovo MM a eno che non riportino nel ruolo Laidlaw con Jackson o Weir apertura.

    Contento per Glichrist che mi piace molto, gran lavoratore in campo.

  2. Da 14 Gennaio 2013, 15:46

    Per me, come squadra, non sono male. Son curioso di vedere come si comporteranno nel torneo..

  3. Giompy 14 Gennaio 2013, 16:01

    Se non sbaglio, ce ne sono ben 16 di Glasgow, e pochini di Edinburgh. Una situazione similare alla nostra con mezza squadra di Treviso, e qualche Zebra qua e là. Comunque seconde e terze linee di grande spessore, qualche ottimo trequarti (Visser su tutti), e per il resto niente più (o niente in meno) rispetto ai nostri. Non dico che dobbiamo vincere a Murrayfield, ma almeno giocarcela fino alla fine, cosa che non è avvenuta nè nel 2011, nè nel 2009.

  4. Full Back 14 Gennaio 2013, 16:40

    Quest’anno l’Italia sarà molto tosto, (specialmente per noi Irlandesi a Roma) e potrebbe finire 3° o 4°.
    Penso però che l’idea più giusto è quello della Scozia, 10 nuovi giocatori, così magari saranno in 6 o 7 che avranno le gambe giovane e 4anni di esperienza per la prossima mondiale. Vorrei vedere un comportamento simile nella mia Irlanda!

    • Stefo 14 Gennaio 2013, 16:49

      James onestamente gran parte del ringiovanimento dove si poteva e’ stato fatto.
      Healy, Cronin, Strauss,Kilcoyne,O’Brien, O’Mahony, Murray, Sexton, Jackson, Zebo, McFadden, Kearney, Gilroy credo siano ormai tutti inseriti nel grupo.
      Gente come Heaslip, Bowe, Earls, Trimble, Felix Jones son tutti sotto i 30 con Earls e Jones 25 anni.
      Ci sono ruoli con problemi specifici: tighthead…dietro Ross e’ il vuoto, c’e’ poco da girarci intorno.
      Lock: Ryan e McCarty son forti ma hanno 29 e 31 anni, si doveva usare di piu’ Tuhoy ma Kiddinme non lo vede, Henderson e’ anche nel giro ma lo usano molto a flanker.
      MM: penso che Marhsall debba entrare nel giro lo merita
      Centri: qui il grosso problema dietro D’Arcy e BOD c’e’ poco, Cave e Marshall a nvembre non mi son dispiaciuti speriamo continino a chiamari.

      Insomma la squadra non e’ piu’ cosi’ vecchia.

  5. leipheimer 14 Gennaio 2013, 16:42

    tristi di default, manca il panzone di Jacobsen. Sarebbe stato bello vedere la croce di Sant’Andrea attillata sull’ombelico

  6. Emanuele 14 Gennaio 2013, 21:13

    finalmente si vedrà maitland a livello internazionale 🙂

    • roky 15 Gennaio 2013, 00:18

      Sono d’accordo! Per me è fortissimo! Certo che giocare ala nella line di 3/4 dei crusaders è un conto, pero lo stesso sono convinto che mostrerà grandi cose

  7. ernesto 15 Gennaio 2013, 11:22

    Jon Welsh è in via di recupero (speriamo!!), sarebbe un OTTIMO elemento.
    Ansbro risulta (purtroppo!!!) indisponibile.
    Qualcuno ha notizie fresche dei due?
    GRAZIE!

Lascia un commento