Glasgow schianta Treviso, ma a stendere i leoni è un cartellino rosso

Poteva essere la partita della svolta, della maturità, ma l’espulsione di Vosawai dopo appena 6 minuti spariglia le carte a favore degli scozzesi (41 a 7)

COMMENTI DEI LETTORI
  1. aristofane 4 Gennaio 2013, 22:21

    Senza giustificazioni, anche in uno in meno è una brutta sconfitta, non sono sicuro che le Zebre, di cui si parla tanto male, abbiano mai subito, in Celtic, sconfitte così pesanti…

    • Giulio 4 Gennaio 2013, 22:27

      E’ certo una brutta sconfitta però magari in 15 si sarebbe perso molto meno, per quanto riguarda le zebre hanno perso 37 – 7 contro il Leinster a Dublino e non mi pare che ci fossero stati espulsi (non me lo ricordo).

      • lucio 4 Gennaio 2013, 22:39

        ahime’ hanno sempre giocato ogni partita con 1 o 2 gialli !!

      • massimo 4 Gennaio 2013, 22:49

        bah….lasciamo perdere sti confontri dai, anche perchè dal risultato le Zebre hanno sorpreso in positivo stasera.
        Vorrei tanto sapere cosa ha combinato Wosawai per farsi mandare fuori dopo 6 minuti piuttosto

    • speartakle 4 Gennaio 2013, 22:28

      Almeno avessi visto la partita prima di commentare…

      • aristofane 4 Gennaio 2013, 22:51

        non ho commentato la partita, ho solo detto che non si devono cercare alibi, è una brutta sconfitta. Il confronto con le Zebre era più sul piano mentale, ho come l’impressione che abbiano mollato, e questo non deve mai accadere, è uno dei peggiori vizi delle squadre italiane, pessimo per il morale e anche per il pubblico.

        • speartakle 4 Gennaio 2013, 22:58

          Dico solo che è un risultato poco valutabile, la sconfitta ci poteva stare contro glasgow, il rosso ha appesantito il risultato… Se nella prossima partita il trend non cambia (non dico che debbano vincere, ma dimostrare di poter stare in partita) allora ti darò ragione…

          • aristofane 4 Gennaio 2013, 23:04

            Speriamo davvero non sia la solita preparazione 1000 all’inizio 10 a metà stagione… vedremo, soprattutto in ottica nazionale. Ma una programmazione congiunta, che permetta di avere al meglio tutti i nazionali a febbraio-marzo non la possono fare?!

    • Il Mago 4 Gennaio 2013, 23:01

      Che sia una brutta sconfitta, non ci piove, non ne farei un dramma , altre squadre blasonate hanno beccato 5 mete ( vedi Scarlets) . Quello che mi preoccupa di più sono le aspettative mancate e il fatto di cominciare Gennaio in questo modo. Rivedo i soliti spettri di inizio anno. Per le prossime 10 partite ne abbiamo 3 abbordabili, chiudessimo a 9/10 vittorie, sarebbe un successone !!!

    • And 5 Gennaio 2013, 14:38

      come no..il 40 e passa a 0 a Cardiff l’anno scorso dove lo metti? ah già si chiamavano Aironi all’epoca

      • San Isidro 5 Gennaio 2013, 14:43

        correggo: 38-0, fu la prima celtica trasmessa in tv

  2. Katmandu 4 Gennaio 2013, 22:21

    Sempre non avendo visto la partita devo haimè dire ennesima occasione sprecata per tv

    • San Isidro 4 Gennaio 2013, 22:29

      ciao kat, scusa non c’entra qui, volevo sapere se avevi letto la mia delucidazione sui Pretoriani che ti avevo scritto nel primo commento riguardante il caos Crociati (31 Dicembre)

  3. frank 4 Gennaio 2013, 22:21
  4. gsp 4 Gennaio 2013, 22:22

    Su ragazzi, pacca sulla spalla di incoraggiamento e tutti a lavoro.

    • frank 4 Gennaio 2013, 22:30

      gsp lo so che è OT, ma come si a fa a stare sereni pensando che questa squadra è 3/4 di Nazionale e tra meno di un mese c’è il 6 nazioni?!

      • ginomonza 4 Gennaio 2013, 22:34

        Te lo dico io,alla guida della nazionale non c’e’ Smith ma Brunello

        • andreac 4 Gennaio 2013, 22:46

          quoto in pieno

        • frank 4 Gennaio 2013, 22:54

          speriamo, stiamo a vedere.

        • Stefo 4 Gennaio 2013, 22:56

          Scusa gino ma non capisco questa antipatia per Smith…non mi sembra che i suoi risultati con Treviso siano criticabili neanche questa stagione, l’ho scrito la scorsa settimana a mio avviso occupa la posizione che le septta in classifica, non e’ ancora al livello delle prime 6 ma e’ la migliore del secondo gruppo visto anche il croslo Blues.
          In generale Smith con Treviso ha fatto benissimo…ma che e ti stanno sulle balle gli allenatori sud africani?

          • ginomonza 4 Gennaio 2013, 23:00

            Stefo, esprimo solo la mia idea e basta.
            Giudico Brunel un ottimo allenatore migliore di Smith.

          • Stefo 4 Gennaio 2013, 23:05

            Gino non mi riferisco a questo post specifico ma in generale ale critiche che da un po’ rivolgi a Smith in generale…

          • speartakle 4 Gennaio 2013, 23:06

            Concordo, a volte ci dimentichiamo dove eravamo tre anni fa, comunque aspetto di vedere come finisce la stagione, ma c’è una considerazione da fare, Smith ha impostato bene la squadra, ha delle strutture consolidate, ma non credo che potrà migliorare di molto. Penso che dopo il prossimo anno il ciclo Smith alla Benetton dovrebbe concludersi.

          • ginomonza 4 Gennaio 2013, 23:13

            Stefo a me Smith convince poco soprattutto come preparazione; con le Zebre ho visto TV stanca con poche idee e spero che sia solo casuale ma ho i miei dubbi

          • Stefo 4 Gennaio 2013, 23:50

            Gino la preparazione in passato era quella, la preparazione delle piccole partenza pimpante per poi spegnersi sul lungo periodo quando le grandi invece iniziano a salire di intensita’…aggiugngici che sono anche una squadra che durante il 6N perde molti giocatori in NAzionale e non ha la profondita’ delle grandi altrove perche’ tale profondita’ in Italia non esiste…ora non so cosa ci si aspetti da Treviso ma Treviso non e’ il Leinster, l’Ulster, il Munster, gli Ospreys…le artenze lanciate le hanno permesso 9 e 7 vittorie che per me nei primi 2 anni che giochi a certi livelli sono buoni risultati.

      • Da 4 Gennaio 2013, 23:38

        Sai che mi chiedo la stessa cosa per quanto riguarda la Scozia vedendo come si comporta Glasgow. Nel senso, siccome la squadra va bene ed è composta da giocatori che giocano anche in Nazionale, come mai il cardo ottiene pochi risultati positivi?

  5. Maxwell 4 Gennaio 2013, 22:31

    Spero di vedere gli highlights e ‘sto speartackle al 6° ( !!!!! ) minuto.
    2 possibilità :
    – errore arbitrale ( e allora bisognerebbe farsi sentire)
    – ennesima coglionata del ragazzo ( e allora non lo farei giocare più fino al periodo del 6N… e solo perchè la rosa è di 44)

    • Andrea da Treviso 5 Gennaio 2013, 00:08

      Non mi piace parlare male degli arbitri sopratutto se non ho visto la partita!probabilmente wosawai meritava l’espulsione però mi chiedo se il fallo del nostro giocatore lo avesse fatto un giocatore di Glasgow e soppratutto al 6 minuto sarebbe stato espulso?!?

  6. demon1981 4 Gennaio 2013, 22:32

    Sembra una costante che accomuna il rugby italiano in toto..
    questo salto di qualita’ proprio non riusciamo a farlo…C’e’ sempre qualcosa che va storto..e’ qui la sfortuna centra poco.!!!
    La verita’ e’ che non siamo ancora pronti per lottare veramente nei piani alti del rugby che conta.
    Non basta un buon assetto societario..c’e’ bisogna di cash, almeno il doppio di quelli spesi nella scorsa annata…E’ brutto dirlo ma e’ cosi’!
    Altrimenti accontentiamoci..Sia chiaro, ben volentieri!!!

    • And 5 Gennaio 2013, 14:43

      il cash ai Benetton col recente regalo Montiano dell’aumento dei pedaggi delle Autostrade e l’aumento delle tasse aeroportuali a Fiumicino (scalo che verrà potenziato negli anni a seguire) nn manca di certo

  7. franky 4 Gennaio 2013, 22:39

    l’espulsione pare che sia stata giusta e è inutile dire che ha comunque influito pesantemente sulla partita, altri giudizi difficile farli se non si è vista la partita purtroppo il risultato pesante ma una partita non cambia il giudizio che bisogna avere verso treviso, dire che la nazionale andrà male perché treviso oggi ha perso è sbagliato tanto quanto dire che il progetto zebre è giusto e che il movimento è in salute perché oggi le zebre hanno fatto una grande partita

    per quanto riguarda treviso mi preoccupa un po’ il calo di citta e rizzo (da quello che si è capito mischia in sofferenza) che già non avevano fatto bene contro le zebre quando avrebbero dovuto quasi dominare

    ora si torna a lavorare e speriamo bene per le prossime partite

    • ginomonza 4 Gennaio 2013, 22:42

      Speriamo non abbia ragione Stefo

      • Stefo 4 Gennaio 2013, 23:05
        • ginomonza 4 Gennaio 2013, 23:14

          Stefo speravo tu ti ricordassi: calo dopo Natale

          • Stefo 4 Gennaio 2013, 23:55

            Gino mi baso sul passato e su quello che Munari disse nel Tinello dopo la prima con gli Ospreys…poi c’ e’anche il calendario durante il 6N senza probabilmente 16-18 giocatori (e Vosawai avra’ la disciplinare per il rosso) Treviso se la vedra’ con LEinster e Ulster in trasferta e Munster in casa…non proprio rose e fiori.
            Comuqnue e’ quello illoro prossimo step abbinare alle 6-7 vittorie pre-natalizie 4-5 vittorie dopo…

    • lucio 4 Gennaio 2013, 22:45

      le zebre stanno lavorando sui giovani e poco alla volta stanno ottenendo dei risultati all’inizio impensabili.-

      • franky 4 Gennaio 2013, 22:50

        @lucio non c’è dubbio e secondo me non stanno facendo male anche se purtroppo sono un’entità che nasce male (è frutto di una programmazione ?) ma non esaltiamoci per una (grande) partita perché può essere anche frutto del caso (spero di no ovviamente), aspettiamo a valutare e non disperiamo se la prossima partita ne prendono 20

    • demon1981 4 Gennaio 2013, 22:57

      Mischia in sofferenza?
      Questo si che e’ preoccupante…!
      Ma Nieto non e’ convocabile?

      • ginomonza 4 Gennaio 2013, 23:02

        si era reso disponibile per la world cup però mi sembra vecchio e ora sarebbe un ripiego e anche una sconfitta.

        • demon1981 5 Gennaio 2013, 14:47

          L’ ho visto giocare sett. scorsa e’ mi e’ sembrato in ottimo stato…
          Uno in piu’ in prima linea non guasta mai!

      • Hullalla 5 Gennaio 2013, 00:26

        Castrogiovanni e’ convocabile 😉

  8. Rabbidaniel 4 Gennaio 2013, 22:47
  9. maxc 4 Gennaio 2013, 22:48

    14 contro 15 per 74 minuti… credo che la prestazione di Treviso non sia valutabile, è già positivo il fatto che siano riusciti a segnare una meta!

  10. Katmandu 4 Gennaio 2013, 22:54

    @ san Isidro si ho letto la tua disamina sui pretoriani – crociati ma l’impressione che ho avuto, purtroppo, è che se si faceva la CL ok ma dato che non c’è il palcoscenico importante invece che unirci e crescere tutti assieme anche in eccellenza magari per portare lo scudetto a roma dopo 12 anni ognuno si fa i fatti suoi e basta ( tipica tradizione italiaca) tipo borat quando descrive il suo vicino di casa solo che in questo caso nessuno ride 🙁

  11. Rabbidaniel 4 Gennaio 2013, 22:57

    Vosawai via da Treviso, mi ha stufato…

  12. Hrothepert 4 Gennaio 2013, 22:59

    Ragazzi, con tutto il rispetto per Treviso, ma al Firhill anche in 15 contro 15 l’ avrei vista dura.

    • massimo 4 Gennaio 2013, 23:03

      Molto dura..ma in 14 dopo 6 minuti ti cascano gli zebedei.

    • aristofane 4 Gennaio 2013, 23:07

      L’anno scorso se non sbaglio hanno vinto… la vedevo comunque dura anch’io,più che altro per il momento della stagione…

  13. Picco 4 Gennaio 2013, 23:07

    Ma qualcuno dei presenti si è accorto che giocavamo contro la SECONDA in classifica???
    Nulla di irreparabile, almeno per ora.

    • Hullalla 4 Gennaio 2013, 23:53

      Se ben ricordo, prima del fischio d’inizio si giocava contro la QUARTA.
      Adesso, con una partita in piu’ dei diretti avversari, saranno magari passati secondi, ma… aspettiamo che giochino anche le altre: siamo solo al venerdi’ sera…

  14. kinky 4 Gennaio 2013, 23:09

    Una Caporetto nulla da dire! In 14 o al completo stasera avremmo perso lo stesso!! Speriamo nella classica giornata no che a volte capita! Sono curioso di vedere il placcaggio di Vosawai negli Highlights!!

  15. berton gianni 4 Gennaio 2013, 23:36

    Ho ricevuto telefonata dagli amici al seguito.
    Partita falsata da un cartellino rosso che, a loro giudizio, e’ stato eccessivo se non peggio. Ma la critica maggiore, unanime, e’ stata rivolta ai biancoverdi che, per l’ennesima estenuante volta, sono arrivati in treoccasioni ai 5 metri e non hanno saputo ottenere una mazza. Viceversa, ad ogni stupido errore, gli altri hanno subito punito.
    Summa : solita prestazione. Non mi interessa fare la conta tra chi è’ pro o contro il coach, ma di sicuro, questo ritengo sia il limite massimo a cui possono esprimersi i trevigiani. Han ripetutamente dimostrato che non possono ambire ad un livello superiore.
    Non c’è da vergognarsene assolutamente, anzi.
    Pertanto, come riportava oggi il Gazzettino, o si cambia, in meglio, il livello degli strangers o…amen.

    • Rabbidaniel 4 Gennaio 2013, 23:43

      Aironi, Zebre e anche Benetton sono squadre che non possono ambire ai playoff prima di tutto perché non hanno continuità, non sanno vincere e non hanno stranieri che trascinino (tecnicamente e moralmente). Per me ha ragione Stefo, il livello è più o meno quello.
      Non avendo visto la partita non so se il rosso sia eccessivo o no, mi fido di chi era al seguito. In ogni caso Vosawai è del tutto inaffidabile. Si dovrebbe pensare a uno scambio alla pari con le Zebre.

      • malpensante 5 Gennaio 2013, 13:27

        Rabbi, NIck era “lo” straniero. Metà Aironi.

    • massimo 4 Gennaio 2013, 23:58

      Per beccarsi un rosso subito pensavo avesse placcato al collo l’arbrito..cmq anche in 15 cambiava poco mi sembra di capire. Dai speriamo in una immediata ripresa dei Leoni.

    • Picco 5 Gennaio 2013, 01:09

      Sempre d’accordo con Gianni!
      Nulla di cui stupirsi, nulla di cui vergognarsi.
      Ancora e sempre tanto lavoro per i ragazzi e lo staff.

    • kinky 5 Gennaio 2013, 14:44

      Questo è verissimo, lo dico da inizio stagione! Di Roux non ne parliamo ma prendete per esempio Budd: buon giocatore, ottimo rimpiazzo dei nostri migliori ma cavolo è un straniero, se devo andare a pescare fuori casa per un buon panchinaro allora mi metto in franchigia che ne so Scanferla oppure Targa, ma cristo uno straniero deve fare la differenza!! In un budget che inizia ad essere importante per la famiglia Benetton non sono circa 6/700.000 euro in più che gli fanno la differenza!! Se togli tre stipendi degli stranieri e aggiungi i 3 stipendi di altri tre (ma che fanno la differenza) il salto ci potrebbe essere!! Comunque mi ostinò a ripetere…lavoriamo sui giovani del Benetton che c’è tanta qualità da tirar fuori! Due nomi a caso: Ambrosini e Campagnaro!!

  16. xnebiax 4 Gennaio 2013, 23:55

    Mah…
    Non potró mai sapere se ho ragione, ma secondo me c’é una forte componente psicologica e una componente di forma fisica entrambe negative in questo periodo di TV. I giocatori hanno dimostrato di non essere per niente male in nazionale, mentre al club al momento giocano peggio.
    Scegliamo Smith capro espiatorio? Solo lui?
    Essere in 14 contro 15 non giustifica da solo il fatto di prendere 3 mete e 2 punizioni nel primo tempo. Si saranno demoralizzati. E spero sia solo perché dopo il rosso sapevano di non poter vincere… . Spero quindi non si ripeta.

  17. Marco89 5 Gennaio 2013, 00:08

    è vabbè capita , peccato comunque. servirà di lezione ai nostri

  18. San Isidro 5 Gennaio 2013, 01:09

    Ragazzi premesso che come voi non ho visto la partita e premesso che ognuno di noi si sente sempre un pò allenatore quando fa i suoi commenti, allora azzardo a dire la mia opinione: al di là del fatto che ci sono giornate che vanno storte comunque a prescindere da tutto (e poi oggi nonostante le giuste aspettative si andava sempre a giocare in casa dei terzi in classifica), per me uno dei problemi che hanno portato alla sconfitta del Treviso sta nell’affaticamento dei giocatori dovuto al poco rodaggio, al poco ricambio (problema che sottolineato altre volte per quel che riguarda casa Benetton).
    Non capisco perchè due giocatori come Bernabò e Derbyshire, che lo scorso match hanno fatto prestazioni straordinarie, oggi non siano stati convocati.
    Per carità, ci sono stati dei cambi, sono stato contento per il rientro di Andrea Pratichetti, e, dopo qualche turno saltato, si sono rivisti anche capitan Pavanello, Alberto De Marchi, Sbaraglini, Vosawai (che in una partita del genere un ball carrier come lui ci voleva, peccato il rosso, e di sicuro giocare in 14 quasi tutta la partita ha indubbiamente iniciso) e poi c’èra anche Van Zyl, che la scorsa partita era stato l’unico biancoverde non entrato in campo. Il resto del gruppo però è sempre lo stesso da diverse partite, e se non si fanno dei cambi, se non si fanno riposare gli atleti dopo un pò finisce la benzina. Oggi era una partita importante e capisco la scelta di Smith di schierare una formazione solida e con elementi che sono in forma e in sintonia da alcune partite, ma è ovvio che se i giocatori giocano troppo poi si affaticano. Zanni è un monumento, ma se lo fai giocare sempre da titolare, dopo quattro partite di seguito non ti rende più come prima. Oggi avrei visto una terza con Vosawai, Derbyshire e Barbieri, con Favaro e Zanni (o Budd) in panchina. Inoltre fin dalla scorsa partita non ho visto un Rizzo proprio al top, ci avrei visto un De Marchi fin da subito, e magari avrei portato tra le riserve un Fernadez-Rouyet, ma, come ho già detto, siamo tutti bravi a fare gli allenatori. E in tema rodaggio la linea dei trequarti nelle ultime tre partite è stata sempre uguale per 4/5 (McLean, Nitoglia, Sgarbi e il “luamaro”), indubbiamente giocatori fortissimi e ben collaudati se giocano sempre, ma, come ho detto, se li utilizzi troppo non è detto che rendano sempre al 100%. Dove sono Toniolatti e Williams? Qual è l’enigma sul grande Benvenuti? Non è che questa situazione gli stia compromettendo anche la nazionale? E Iannone sono già due partite che non si vede più…perchè Smith non porta mai un trequarti in più in panchina? (a parte Di Bernardo che può giocare sia estremo che apertura). E tra i talenti di cui dispone la società biancoverde perchè non far giocare giovani atleti di calibro come Fuser, Maistri ed Esposito? Hanno poca esperienza ok, ma se non li fai mai giocare? (magari facendoli entrare anche gli ultimi minuti, solo per fargli provare il livello).
    Certo, il Treviso oggi poteva perdere per mille altre questioni, ma sicuramente un pò di rodaggio avrebbe fatto meglio. Gioca chi se lo merita? Ok, però non è che tanti altri devono aspettare il loro turno quando i più “forti” sono impeganti con la nazionale…in questo senso le Zebre si stanno muovendo meglio, a mio avviso, facendo sempre rodaggio e cercando di far fare minutaggio ad alto livello anche a chi ha giocato poco, e, al di là che ogni partita è a se, guardate oggi che hanno fatto contro gli Ospreys schierando una formazione molto rivoluzionata…

    per i trevigiani (o per chi lo sa): ma Di Santo e Filippucci sono ancora out per infortunio? E Ambrosini per quanto ne avrà?

    • Picco 5 Gennaio 2013, 01:15

      Analisi abbastanza corretta secondo me, tranne che:
      Bernabò e Derbyshire probabilmente serviranno a Tolosa, Budd è poco utilizzato perché pare che sia l’unico che non si è “integrato” a Treviso (ma sono solo voci!!!).
      E a breve finalmente recupereremo La Grange.

      • San Isidro 5 Gennaio 2013, 01:28

        grazie della condivisione, non avevo mai sentito queste voci su Budd..comunque da quello che ho sentito e letto La Grange terminerà il suo recupero a Febbraio, ma secondo me prima di Marzo/Aprile non lo vedremo..e lo stesso vale per Campagnaro..

      • And 5 Gennaio 2013, 14:48

        Budd è poco utilizzato per l’affollamento in terza linea altro che storie, giocherà quando c’è il 6N

    • San Isidro 5 Gennaio 2013, 04:15

      Nel mio lungo commento ho dimenticato di citare Morisi…perchè il forte giocatore milanese, nonchè nazionale italiano, è stato tenuto fuori in queste ultime partite? La sua potenza si sarebbe fatta senz’altro sentire…

  19. malamatita 5 Gennaio 2013, 03:21

    Ciao a tutti
    é un po tardi per scrivere il mio commento alla partita, ma sono rientrato solo ora.
    Com’è possibile che Il Gigante-tonto WOSA sia riuscito a farsi espellere così presto?
    Cosa può portare al 6 minuto un giocatore ad un gesto così forte?
    Forse c’era troppa tensione nel gruppo, o anche solo la tensione sbagliata?
    Le colpe sono un pò di tutti, stiamo parlando del lavoro di un’intera società, ma i giocatori in ultima istanza è l’allenatore che li fa scendere in campo.
    Oggi, prima ancora che il Treviso, la grossa sconfitta l’ha ricevuta Smith. Come allenatore non è stato in grado di mettere in campo una squadra solida oltre che sulla carta anche in campo per i fatti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • San Isidro 5 Gennaio 2013, 03:54

      io invece non ho sonno…se smith fa giocare sempre gli stessi è normale che la benzina finsisca! l’ho scritto anche sopra…

    • malpensante 5 Gennaio 2013, 13:29

      Vosawai, dove vai, cosa fai.

      • ginomonza 5 Gennaio 2013, 22:07

        sembra la poesia ED E’ SUBITO SERA di Quasimodo

  20. Il Mago 5 Gennaio 2013, 03:36

    Treviso quest’anno farà bene se chiuderà con 9/10 vittorie. É sconfortante, ma allo stesso tempo interessante che sia statisticamente una delle squadre che ha il maggior possesso palla ! Un piccolo problema non riesce a concretizzare. Se a livello dei primi otto però ha fatto vedere dei progressi , il gioco dei 3/4 latita ancora, vorrei la Vs opinione .

    • San Isidro 5 Gennaio 2013, 04:11

      la mia opinione puoi leggerla subito sopra..comunque 10 vittorie celtiche sarebbero un gran successo non solo per il Treviso, ma per tutto il movimento…il primo anno Treviso ne ha fatte nove (compresi i due derby con gli Aironi), anche se, a parte a Viadana, non ha mai vinto fuori casa (in compenso rimarranno nella storia quel 29-13 al Leinster e il 19-18 al Munster)..mentre gli Aironi ne hanno vinta una sola (con il Connacht in casa..)…il secondo anno Treviso è sceso a sette (compreso il derby casalingo con gli Aironi), ma ne ha vinte ben quattro fuori (Newport, Glasgow, Galway e Belfast), e miseramente solo tre in casa (oltre al derby, anche con Dragons-per ben 50-24- e Scarlets)..gli Aironi invece ne hanno fatte ben quattro, tutte casalinghe (il derby con Treviso, la storica 21-17 sul Munster, e poi con Edinburgh e Connacht).
      riguardo ai trequarti Smith dovrebbe fare più rodaggio…

      • Maxwell 5 Gennaio 2013, 08:49

        ……..riguardo ai trequarti Smith dovrebbe fare più rodaggio……..

        Pensa che il Leinster (…il Leinster….!!!!) ha perso il derby con 3 ’91 in campo fra i 3/4.
        Smith non ha avuto il coraggio di metterne neanche 1.

      • malpensante 5 Gennaio 2013, 13:30

        E pelato il Biarritz, primo anno, in HC

    • Stefo 5 Gennaio 2013, 11:08

      @ Mago ma cosa ci sarebbe di sconfortante per la Benetton nel chiudere con 9-10 vittorie?Mi sembra si stia perdendo il contatto con a realta’ qua ma cosa si pensa che la Benetton sia una squadra da semifinali?Da 14-15 vittorie?
      LA Benetton oggi come oggi non e’ una squadra di quel livello, non ne ha la profondita’ e la qualita’ della profondita’ perche’ l’Italia non ce l’ha e la Benetton e’ espressione di quel movmento…facessero 10 vittorie avrebbero fatto una stagione positiva non sconfortante

      • ginomonza 5 Gennaio 2013, 19:32

        Stefo hai frainteso,sconfortante e riferito al possesso palla sterile

        • Il Mago 7 Gennaio 2013, 14:28

          grazie @ginomonza !! era esattamente quello che stavo per scrivere, avevo dimenticato una virgola nel secondo periodo e forse sono stato frainteso.

  21. berton gianni 5 Gennaio 2013, 10:22

    Nessuna critica nei tuoi confronti, Maxwell, ma per caso esiste una legge-norma-regola che imponga di dover mettere per forza, in campo, i ” cosiddetti ” giovani ?? E qualora, malauguratamente ci fosse, sarebbe una cosa positiva, utile e valida ? ( ed istruttiva per i giovani stessi ? )
    Resto dell’idea che il giudice supremo resti sempre e solo il Campo !
    Ed in Campo non ci va la carta d’identità, ma dei giocatori che han lavorato e sudato durante la settimana , alla fine della quale sarà il coach a scegliere.
    A conclusione dell’annata il lavoro di quest ultimo verrà giudicato dalla propria società.

    • Stefo 5 Gennaio 2013, 11:10

      Concordo Gianni, anche perche’ bisognerebbe parlare della qualita’ dei giovani che si hanno a disposizione.

      • berton gianni 5 Gennaio 2013, 11:58

        Stefo.
        Infatti ! Spesso qui si leggono commenti con nomi su nomi di giovani giocatori, magari neanche mai visti in vita loro, ma facenti parte del roster e pertanto nominati con annessa domanda: ma quand’e’ che li fanno giocare ??
        Non credo esista, soprattutto a questi livelli, un solo coach al mondo così ebete da non mettere apposta in campo un giocatore quando questi e’ realmente bravo. E non mi pare che il coach del Benetton si chiami Taffazzi 🙂 🙂

        • Stefo 5 Gennaio 2013, 12:07

          Concordo Gianni, il punto poi e’ che se perdono o il iovane fa una prestazione opaca si critica coach e si boccia il giovane (ricordo diversi commenti negativi su Ambrosini dopo la sua seconda partita).
          L’unico che si puo’ permettere di ruotare i giovani e che lo sta facendo e’ Gajan perche’ le Zebre sono un cantiere agli inizi e quindi sta facendo la cosa piu’ sensata che possa fare nella sua situazione: li prova tutti, a tutti da un buon minutaggio per capire chi c’e’ e chi non c’e’ per il futuro. La maggior parte dei giovani delle Zebre (escludendo infortuni) finiranno la stagione con minutaggi pari a 8-9-10 partite cosa che permettera’ a Gajan di capire su chi puntare andando avanti e chi no.
          Smith ha una rosa diversa ed una situazione diversa, diverse aspettative, diversi obiettivi…come scritto sopra per me sta facendo in generale un buon lavoro, se la Benetton finisse con quelle 10 vittorie sarebbe una stagione positiva.

          • berton gianni 5 Gennaio 2013, 12:29

            Sottoscrivo in toto.
            Smith si ritrova fra le mani il roster più forte che un allenatore abbia mi avuto in Italia.
            A mo’ di battuta si può dire che l’unica sua sfiga sia che la sua squadra non sta disputando l’Eccellenza ( dove vincerebbe a mani basse ) , ma un Pro12 dove son…uccelli per diabetici ad ogni incontro.
            Così le italiche, pallonare, manie vengono fuori ogni week…
            Cmq leggevo che Gavazzi e Zatta si sono visti per finalmente sistemare, in meglio, le questioni legate agli strangers ed agli interscambi con l’Eccellenza…

          • San Isidro 5 Gennaio 2013, 12:39

            assolutamente d’accordo con quello che dici su Gajan e le Zebre, ma, per quanto riguarda Treviso, uno dei motivi del collasso di ieri potrebbe essere legato al poco rodaggio…capisco l’esigenza di schierare una formazione forte e solida, e in sintonia da diverse partite, ma se si usano sempre gli stessi quattro trequarti per tre partite di seguito e si “spremono” giocatori come Zanni e Minto (anche se quest’ultimo è al suo miglior periodo con la Benetton), è normale che tutti questi dopo non ti rendono più al 100%, e la benzina finisce…sarà finita pure ieri? e poi, è giusto che giochi chi se lo merita, ma, a mio avviso, ci sono giocatori di qualità a Treviso che finora sono stati usati pochissimo (Toniolatti, ecc) e le perplessità ci sono. e poi, in questo senso non è neanche giusto che una metà della rosa per giocare debba aspettare che l’altra metà più “forte” sia in nazionale..e ancora in tema giovani, anzitutto se i giovani talenti che il Treviso ha giocano lì un motivo ci sarà (e in questo senso tutti i commenti sulle loro dubbie capacità cadono), e allora perchè non fargli fare un pò di minutaggio? Esposito sarà un pure una promessa, ma, a parte un paio di partite con l’Italia u.20, chi l’ha mai visto giocare?

          • gsp 5 Gennaio 2013, 12:53

            sul minutaggio di Zanni c’e’ poco da commentare. ha giocato quasi quanto N Williams, con a differenza che Zanni ha fatto anche 3 partite in nazionale. potrei sbagliarmi, ma dubito che al 6n ce ne saranno molte terze della altre celtiche con quel minutaggio.

            ed adesso che quella forma malabbozzata di player welfare scheme, cioe’ le liste, non c’e’ piu. Smith e’ liberissimo di schierarlo sempre e cmq e dove gli pare, ma se dovesse arrivare il calo di certo non sara’ una sorpresa.

          • Stefo 5 Gennaio 2013, 12:54

            San Isidro credo che nessuno possa dire cosa sia successo ieri non avendo visto la aprtita dve comuqnue ricordiamoci sono rimasti in 14 dopo 6 minuti ed affrontavano una squadra che e’ piu’ forte di loro in trasferta (perche’ la scorsa stagione e questa stagione dicono che Glasgow e’ superiore come gruppo).
            Sullo spremere i giocatori posso anche essere d’accordo ma avesse messo Smith dei giovani o fatto turnover non mettendo la miglior formazione possibile o quella piu’ collaudata e fosse andata alla stessa maniera o comunque si fosse perso sarebbero piovute critiche su critiche a Smith per avere fatto esperimenti inutili in una partita importante come questa, di non essersi affidato alla squadra collaudata nella partita che poteva dare un senso diverso alla stagione di Treviso ecc ecc (vai a rivedere le critiche a lui ed Ambrosino dopo la trasferta di Leicester)…San Isidro gira e rigira qualsiasi scelta fa un coach ogni week end: se vince e’ un genio se perde e’ un pirla.
            Treviso sui giovani: si sa che ha un certo tipo di gestione, parlando di Esposito (o Fuser, Ambrosini e altri) al primo anno tanto lavoro in allenamento e sviluppo in allenamento del giocatore e pochi minuti in campo…onestamente visti i risultati pluriennali di Treviso non credo che questo metodo sia criticabile o dire che non ha fornito risultati apprezzabili sia per la squadra che per lo sviluppo dei giocatori.
            In realta’ poi visto che si tira in ballo Connacht e LEinster proprio a Galway visto che si giocava durante i TM Treviso schiero’ proprio gli Esposito, Fuser, Ambrosini (dalla panca) ed altri ragazzini e si vide come le seconde scelte di Treviso ed i loro giovani non valevano le prime scelte del Connacht

          • Stefo 5 Gennaio 2013, 13:10

            L’ultima frase per non venir travisata signiica che il alvoro sui giovani di sviluppo e’ ancora in corso e che quando son stati chiamati a giocare non hanno brillato ma hanno mostrato di non essere ancora pronti, a Glasgow contro un avversario piu’ forte in una partita che Treviso poteva vincere ma solo a patto di fare una grande prestazione Smith ha puntato sui giocatori piu’ affidabili ed abituati a certi livelli come qualsiasi allenatore logicamente avrebbe fatto

          • Stefo 6 Gennaio 2013, 01:56

            Kinky guarda io non sono mai stato un grosso estimatore di Bocchino perhce’ secondo me aveva lacune ma allo stesso tempo dopo qualche buona partita nel campionato italiano lo si e’subito indicato come salvatore della patria, come l’apertura che da anni si cercava e lo si e’ lanciato in palcoscenici cui non era pronto (a 21-22 anni non a 25-26).
            Magari lo si fosse gestito meglio, non mettendelo in campo quando non era pronto, evitandogli quindi qualche brutta figura ma lavorando in allenamento migliorandolo si sarebbe potuto sviluppare non un fenomeno per carita’ ma comunque un discreto-buon giocatore.
            E resta che gira e rigira come dice gsp era ldi quell’eta’ il miglior prospetto.
            Kinky si parla tanto di Apperley, Mennito, Ambrosini ma se li prendi oggi li lanci senza paracadute ad un lievllo a cui non son pronti rischi di fargli fare la stessa fine

      • gsp 5 Gennaio 2013, 12:00

        Il problema non e’ tanto i giovani, quanto l’idea forse eccessiva del rodaggio che si applica anche a giocatori esperti come Di bernardo e toniolatti (ma nom favaro).

        Poi come dice Gianni decidera’ la societa’, ma penso la linea sia scelta in modo congiunto da Smith e Munari.

    • Katmandu 5 Gennaio 2013, 11:51

      Quoto berton basta con questa storia che glia altri fanno giocare i giovini
      In campo ci vanno i migliori in quella situazione vedendo anche gli impegni futuri
      E poi gli altri hanno giovanili che fanno maturare megli e più velocemente e quando arrivano alla CL sono più pronti per reggere il ritmo noi no ma non è che facendo giocare solo giovini impreparati si risolva qualcosa

    • Maxwell 5 Gennaio 2013, 12:41

      nessuna regola e nessuna offesa, ci mancherebbe…… 🙂
      dico solo che:
      – anzitutto era una risposta a San Isidro su un discorso leggermente OT rispetto al tuo.
      – in secondo ordine credo che non far fare neanche un minuto nel doppio confronto con le Zebre a uno come Morisi sia stata una fesseria.
      Parlo di Morisi, che io non ho mai visto dal vivo abitando a Milano, ma che si era già guadagnato qualche minutino con uno come Brunel, non il primo pirla che passa per strada.
      Nel momento in cui non ti porti un 3/4 in panca nel doppio confronto ma solo giocatori di mischia + DiBernardo e Botes, io ho il diritto di poter arricciare il naso, soprattutto visto che non sono stati fatti i 10 punti ma 8….. tutto qui, libero diritto di critica non negativa ma costruttiva.
      🙂

      • ginomonza 5 Gennaio 2013, 14:47
      • baffone 5 Gennaio 2013, 15:31

        considerazione più che condivisibile anche dal mio punto di vista.
        A questo punto le scelte del tecnico iniziano ad essere troppo criptiche per un semplice tifoso come me (e vedo anche per qualcun’altro);potessi dare un consiglio a Smith gli direi:individua qualche partita che sei sicuro di non portare a casa e facci vedere qualche faccia nuova….chissà mai.

        • mauro 5 Gennaio 2013, 16:14

          capisco che Morisi sia di Milano e non so se vale la considerazione, ma l’ultima volta che è stato in campo l’hanno portato via con l’ambulanza dopo 1/4 d’ora di imbragatura. Smith sarà anche un coglione (ma Monigo gli dedica un applauso ogni volta che entra in campo), certo è che non ha mai mandato in campo qualcuno per fargli del male (giovani compresi).

          • Maxwell 5 Gennaio 2013, 17:42

            Morisi poteva essere di Catania che non me ne sarebbe fregato una cippalippa…..

            Maistri, Fuser, Ambrosini Esposito Campagnaro …..( so che è infortunato)…..
            Ero il primo a lamentarmi di Gori, l’unico atleta al mondo che aveva più presenze in Nazionale che nel club…. ed era sempre rotto !!!
            Parlo di avere negli 8 in panca 3 piloni, 1 MM,1MA e anzichè 1 seconda e 2 terze di avere 1 seconda, 1 terza ed un 3/4.
            A partita chiusa e con la quasi certezza di non prendere il bonus fai giocare 20 minuti di un derby celtico ad un ragazzo… tutto qui.

  22. william 5 Gennaio 2013, 10:24

    buon anno a tutti

    un po in ritardo il mio commento. però ragazzi io sono tutto sommato contento di Treviso. non mi aspettavo mica di andare ai playoff. la squadra fa buone partite accompagnate da qualche giro a vuoto ma vabbè, non siamo mica il munster.

    si può fare meglio? forse sì, ma di sicuro si potrebbe fare anche molto molto peggio.

    speriamo che il 6N non penalizzi troppo il fine stagione.

  23. kinky 5 Gennaio 2013, 15:13

    Da oggi a fine stagione potremmo vedere sti benedetti giovani di qualità. Mi spiego meglio: secondo me (e appunto quello che mi auguro) la partita di ieri faceva da sparti acque. Se si vinceva non dico che si puntava ai playoff (ricordiamoci che non siamo Leinster o Stade Toulousian) ma ai piani alti di classifica per crescere ulteriormente, mentre se si perdeva la stagione, con il 6nazioni alle porte e le conseguenze che si porta, prendeva la piega delle altre due stagioni. Ecco adesso che la partita con Glasgow è stata persa e con il 6nazioni che sta per iniziare penso proprio che adesso ci sarà più spazio per i ragazzi perchè vincerne o perderne una in più o meno non fa certo differenza. Mi riferisco soprattutto a Maistri, Fuser, Ambrosini e Morisi non per Esposito perché penso che disputerà il 6nazioni U20..ma almeno giocherà 5 partite in un mese e mezzo per poi fare un po’ di minutaglia da Marzo a fine stagione e per Campagnaro che dovrebbe ritornare a breve dal grosso infortunio!!

  24. berton gianni 5 Gennaio 2013, 15:53

    Chiedo scusa se reitero…per giunta assolutamente senza voler criticare nessuno ma : voi che state a ” tifare ” , sempre e costantemente, per sti giovani…siete loro coetanei ?? Cioè, lo fate per spirito di generazione ??
    Auguro tutto il bene possibile ai Morisi, Maistri, Ambrosini ecc., per loro, per Treviso e per l’Italia ma, fatemi capire : tutti gli altri del roster trevigiano che hanno solo qualche annetto in più, son proprio dei cazzi ??
    Per quale ostia di disposizione divina non possono giocare ?
    Da che esiste lo sport a squadre, chi è arrivato per ultimo deve cercar di mangiare in testa a quelli che già ci sono e questi ultimi devono evitar di farsi spodestare.
    Mi piace pensare che, soprattutto i giovani ( ma anche i vari Pratie Tonio ) , si devono conquistare, prima di tutto e SOPRATTUTTO, la stima dello spogliatoio.
    Dei veterani, prima ancora che dei coaches.

    • kinky 5 Gennaio 2013, 16:12

      Si ho la stessa età ho 40 anni!!

      • kinky 5 Gennaio 2013, 16:21

        I ragazzi che sono nella rosa sono lì perché considerati di meritare quel posto soprattutto per le potenzialità che possono avere, ma se non giocano non le esprimeranno mai! Ecco perché dico che da qui a fine anno potranno giocare di più!! In più aggiungo che era da un bel po’ di tempo che non si vedevano dei giovani così interessanti!! Maistri, Fuser, Ambrosini, Campagnaro, Esposito, Morisi, Sarto, Odiete Benettin gente da far crescere bene!!

        • Stefo 5 Gennaio 2013, 17:59

          Kinky con a gestione dei giovani molto “conservativa” se vogliamo o a mio avviso attenta e non popensa a mettere uno in campo se non lo si reputa pronto quanti giovani ha bruciato Treviso negli ultimi anni?
          E quanti invece ha portato a giocare quando fossero effettivamente pronti sia tecnicamente che fiscamente che (cosa importantissima) psicologicamente?
          Ci saranno dei motivi se giovani come Favaro o Iannone (un ’90 che gia’ lo scorso anno ha giocato tanto) vengono impiegati piu’ o meno regolarmente ed altri li si gestisce in maniera piu’ attenta?

          • kinky 5 Gennaio 2013, 18:48

            Ma infatti io non ho detto che volevo i giovani in campo per forza (vai a vedere vari post precedenti che difendevo la scelta di non far giocare Gori il primo anno di Celtic) ma, con la situazione di classifica del Benetton in cui si trova oggi, è nella situazione ottimale per farli giocare..o per lo meno fargli fare un po’ di minutaggio importante. Non mi dirai che contro i Dragons è preferibile Ceccato a Maistri o meglio che il Benetton perderà contro i Dragons perché gioca Maistri e non Ceccato!!

          • Stefo 5 Gennaio 2013, 19:09

            kinky non credo che a Treviso facciano solo una questione di vincere o perdere ma che valutino di schierare uno quando e’ pronto sotto tutti i punti di vista…Iannone un ’90 ha giocato tanto lo scorso anno (tantissimo per gli standard di Munari-Smith sui giovani) evidentemente c’erano i presupposti tecnici, fisici e psicologici nel ragazzo per farlo giocare.
            Munari mesi fa quando ha parato di Ambrosini ha ben espresso il perche’ di certe scelte.
            Mettere in campo uno tanto perche’ non c’e’ piu’ nulla da perdere per me mica significa curarne la crescita, se non e’ pronto non e’ pronto

        • Stefo 5 Gennaio 2013, 18:02

          Aggiungo kinky un controesempio: forse se Bocchino fosse stato gestito in maniera piu’ attenta e “conservativa” non lo si sarebbe bruciato come invece e’ stato fatto mettendogli addosso tutte le speranze, aspettative e pressioni da “salvatore della patria” che gli sono state messe…

          • kinky 5 Gennaio 2013, 18:55

            Ma guarda su Bocchino c’è tutto un altro discorso da fare: è stato l’unico giocatore che finalmente ha avuto l’occasione di giocare ad alti livelli fin da giovanissimo, il problema è che è stato sopravalutato. Tranquillo Bocchino non si è bruciato e non è stato bruciato…semplicemente non può giocare a quei livelli! Poi lo sai perché è andato al mondiale nel 2011?!? Gower ha chiesto più soldi alla federazione per fare il mondiale, la federazione ( giustamente secondo me) gli ha risposto picche, Mallet (che ovviamente guardava solo agli interessi della squadra) si infuriò con la federazione ed allora come seconda apertura, visto che non portava chi voleva lui, portò il prodotto dell’Accademia!!

          • Stefo 5 Gennaio 2013, 20:11

            Kinky io ho fatto un discorso ben reciso su Bcchino e cioe’ che lo si e’ messo in campo con mltissime attese e pressioni prematuramente, ed ho detto che “forse se” lo si fosse gestito diversamente non lo si sarebbe bruciato com’e’ stato fatto…non ho detto che di sicuro sarebbe diventato un fenomeno o altro ho detto che forse con una estione diverso non si sarebbe bruciato un ragazz che comunque alcune buone cose le aveva e lo dico da non grande estimatre di Bocchino.

    • Maxwell 5 Gennaio 2013, 16:27

      Non essendo tifoso Benetton sarei stato contento se Zanni, ad esempio, fosse stato venduto…. soldi freschi in cassa, ingaggio importante risparmiato , più spazio a Favaro ,Minto e Derbyshire, più possibilità di vittoria in periodo di 6N.
      Poi proprio per la profondità del roster mi chiedo se fosse stato così indispensabile mantenere 4/5 dei nazionali nei backs nella doppia sfida con le Zebre….. credo che Smith stia sbagliando per i motivi già sopra elencati e per la tanto temuta ( da tutti) crisi del post panettone.
      Poi…. diamine…… 20 minuti su 180 ad un giovane centro visto che Benvenuti è in castigo……

    • gsp 5 Gennaio 2013, 16:31

      @gianni, hai fatto bene a spiegarla perche’ l’idea di Munari e Smith e’ poprio quella, ci sono altri club tipo leicester ad avere approcci simili.

      E’ un’idea di rugby, ma non l’unica (e forse sono piu’ club professionistici che non ce l’hanno che quelli ce l’hanno). e finche’ funziona va tutto bene.

      • Stefo 5 Gennaio 2013, 18:07

        gsp
        pongo a te le stesse domande che pongo a kinky: quanti giovani ha bruciato la Benetton con la sua gesione?E quanti invece ha portato a giocare quando fossero effettivamente pronti?
        Se Iannone gia’ lo scorso anno a 21 anni ha avuto piu’ di 900 minuti in campo tra CL ed HC ed altri giovani vengono invece gestii diversamente ci sarann dei motivi, tecnici, fisici, psicologici che magari Smith e Munari che ci avorano giornamente prendono in considerazione?
        So che tu come me pensi che Bocchino sia stato gestito male e di fatto bruciato, non e’ che magari fosse sato gestito alla “Munari-Smith” non lo si sarebbe bruciato in 1-2 anni come invece e’ stato fatto?

        • kinky 5 Gennaio 2013, 18:57

          Fidati, Munari Bocchino non se l’è filato neanche di striscio!!

          • kinky 5 Gennaio 2013, 19:06

            Altra cosa, il Benetton il primo anno non fa giocare i giocatori giovanissimi ma li ‘prepara’ per la stagione successiva perché non li ritiene ancora adatti alla Celtic. Questo fa capire che i nostri ragazzi più interessanti arrivano alle franchigie ancora non pronti del tutto sia dal punto di vista tecnico che attitudinale!!! Però ripeto visto che ci sono alcuni elementi veramente interessanti e visto che la classifica non è allarmante da oggi in poi io gli darei più spazio!!

        • Stefo 5 Gennaio 2013, 19:14

          Kinky su Bocchino io ho la mia idea, non era pronto aveva bisogno di tempo e di venir gestito con intelligenza, invece siccome si era e si e’ alla ricerca di un’apertura italiana da dcenni lo si e’ subito lanciato quando non era pronto tecnicamente e sprattutto psicologicamente e sotto il peso delle attese e pressioni messe su di lui e’ crollato…queste sono le cose che Smith, Munari ma anche chi dirige le Accademie altrove valuta…a 20 anni due giocatori tecnicamente dello stesso livello non sono necessariamente psicologicamente allo stesso livello, uno puo’ essere piu’ pronto di un atro, e queste valutazioni sono quelle che ti permettono di sciluppare un giovane correttamente e fargli esprimere il suo potenziale o meno.

          La classifica non sara’ importante ma se uno non e’ pronto non e’ pronto…ripeto mi si faccia la ista dei giovani che Munari e Smith con la loro gestione hanno rovinato e poi parliamone…

          • San Isidro 5 Gennaio 2013, 19:47

            Ciao Stefo è precisamente vero quello che dici su Bocchino, però non è che è proprio crollato psicologicamente. Sono di Roma e ho sentito molte voci al riguardo, e poi ho letto diverse interviste, pubblicate anche su siti di rugby. Bocchino, essendo viterbese, ha fatto una sua scelta di vita: vista l’esperienza internazionale non proprio positiva, ha deciso di condurre una vita più tranquilla per poter continuare i suoi studi universitari di economia vicino casa. Così ha scelto di andare all’Unione Capitolina in serie A (dove per altro sta facendo una grandissima stagione). Uno dei motivi che lo hanno allontanato da Prato è stato, a suo dire, il fatto che non riceveva lo stipendio da diversi mesi. Lo stesso giocatore ha detto che non aveva senso allenarsi due volte al giorno per poi non essere gestiti al massimo della professionalità (cosa giustissima), addirittura in una società di quel calibro. Il Prato lo voleva riconfermare e tra l’altro era tra i papabili delle Zebre, ma ha fatto la sua scelta (come la fece Nitoglia anni fa) e va rispettata. Spero che con la Capitolina ritrovi la giusta forma per essere rilanciato ad alto livello. Personalmente ho sempre visto in Bocchino grandi potenzialità, anche se lo vedevo più un giocatore da Eccellenza che da Pro12, ma chissà, forse con la gestione di Gajan alle Zebre sarebbe migliorato…

        • gsp 5 Gennaio 2013, 21:44

          stefo, non ho una idea o un giudizio conclusivo sulla gestione dei giovani. ci vuole tempo per vedere se e come queste politiche funzionano, ed in quali aree funzionino. parliamone a fine stagione.

          Bocchino sarebbe stato di certo gestito meglio da Munari e Smith. senza dubbio. ma lascia bocchino da parte, io da due anni penso che il metro di paragone di treviso non sia l’italia, ma l’estero.

          io quello su cui ho dubbi gia’ oggi e’ se sia proprio necessario aspettare sei mesi/un anno anche per giocatori maturi, alcuni con esperienza internazionali come DiB.

          @kinky, Bocchino anche l’anno scorso ha dimostrato di essere la migliore apertura italiana in eccelleza (Griffen e Wakarua a parte). il migliore di formazione italiana. semplice.

          • Stefo 5 Gennaio 2013, 22:07

            Di Bernardo non so come mai sia stat gestito cosi’ e concordo che su giocatori magari piu’ esperti potrebbe essere diverso.

            Sui giovani parliamo di quello che e’ successo ad oggi e ripeto la domanda: quanti giovani hanno risentito/sono stati rovinati da questo tipo di gestione?
            Maxwell ricorda Gori prima in Nazionale che con la Benetton, vero ma bisognerebbe ricordare che appena schierato in Nazionale si infortuno’ di nuovo alla spalla…a questo punto uno dovrebbe avere il dubbio che forse a Treviso avevano valutato che il giocatore non fosse fisicamente pronto (recupero non al 100% o necessita’ di un lavoro di potenziamento fisico specifico) per giocare…e fatalita’ parliamo di un MM atro ruolo in Nazionale in cui si era alla ricerca di un giocatore valido dopo che Tebaldi non aveva convinto.

            Non penso che la Benetton perche’ Benetton debba conforntarsi al riguardo con l’estero, a conti fatti lavorano sui giovani che il sistema italiano forma ed i giovani italiani non sono paragonabili a quelli esteri perche’ a 19-20 anni non sono allo stesso livello come i risultati della U20 ala JWC ma anche al 6N di categoria ad oggi dicono.

          • gsp 5 Gennaio 2013, 22:27

            e’ vero che puoi solo lavorare con quello che hai. pero’ a volte mi chiedo, e penso sia una domanda legittima, che avrebbe fatto la staff dei warriors ad esempio con questa squadra. o magari quello di connacht. di certo non posso fare il paragone con lo staff dell’eccellenza italiana.

            tu che ne pensi della gestione benvenuti?

          • Stefo 5 Gennaio 2013, 23:18

            gsp io credo che non sia una domanda corretta quella su Warriors e Connacht per via del diverso livello dei giovani a disposizione…sul Connacht poi guarda che hanno fior fior di giocatori esperti soprattutto da quando li hanno resi indipendeti…guarda il mercato che hanno fatto nelle ultime stagioni Parks, Faloon, White, il ritorno di Naopu, Vainikolo…poi ovvio il budget e’ quello e devono investire anche sui giovani in particolare sulla loro Accademia.

            Benvenuti: non so difficile capire cosa stia succedendo, era uno lanciato “presto” per i loro standard e sembrava ci avessero visto giusto ma al momento ha difficolta’ a proseguire in crescita…non so cosa pensare perche’ non capisco dove sia bloccato il ragazzo…pero’ una cosa e’ certa cn lui hanno usato un metodo opposto al solito lanciandolo da giovanissimo…

          • gsp 5 Gennaio 2013, 23:55

            stefo, non mi hai capito. io mi chiedo se lo staff warriors potrebbe fare qualcosa diverso con lo stesso materiale, o se vuoi all’inverso, se Munari e Smith farebbero lo stesso lavoro con gli uomini Warriors.

            ai maturi che non giocano aggiungo Toniolatti e per certi versi De Marchi.

            Su Benvenuti, il fatto che si faccia qualche partita in tribuna non lo vedo neanche come un problema.

            quello che mi preoccupa e’ che l’anno scorso ha fatto una sola meta in CL se sono sbaglio. una miseria per uno con quelle gambe, velocita’ e visione. di certo fa quello che gli chiede smith, altriment penso che difficilemtne l’avremmo visto in campo cosi’ tanto. Pero’ a volte mi chiedo se non si stia cercando di farlo diventae come sgarbi. ed allora ti tenevi garcia.

            ho la sensazione che manchi la formazione continua su certi aspetti del gioco dei i 3/4 (mentre quella tra i primi 8 e’ oggettivamente brillante), qualcuno da cui i giovani possano imparare. prendere la grange e’ un tentativo in quella direzione, che magari si poteva anticipare prendendo Gower due anni fa (scusami, pallino mio). io non vedrei male una integrazione dello staff con un allentore dei 3/4 un po’ diverso.

            per completezza ed onesta’ invece, Sgarbi quest’anno m’e’ paiciuto piu’ che in passato ed e’ piu’ maturo, determinante e con molta piu’ leadership.

            ho sempre detto che non mi interessa se giocano alla SAF o alla francese purche funzioni. Pero’, ognittanto uno switch, qualche decoy runner in piu’ non sarebbero malaccio. pero’, gusti personali.

            per quanto riguarda Iannone, io lo ammiro molto come giocatore e lo vedo sempe decisivo. pero’ gioca anche in un modo assolutamente consono al modulo Smith ma poco trasferibile. fa quello e quello e basta. faccio fatica ad immaginarlo giocare ala in altri moduli.

            questo da aggiungere chiaramente all’intensita’ del gioco della squadra, che per essere stata costruita in due anni secondo me e’ piu’ che notevole.

            mi sembra anche che non funzioni come dovrebbe il ricambio. sono sicuro che durante il 6n vedremo giocatori che fino ad oggi abbamo visto poco. pero’ se non hanno visto il campo per mesi lo vedo complicassimo che riescano a raggiungere la sufficienza dalla prima partita, e fose neanche dalla seconda.

          • Stefo 6 Gennaio 2013, 01:00

            Gsp ok capisco meglio quello che intendi ma resta che e’ difficile da dire e’ difficile scindere le decisioni dal materiale a disposizione…poi c’e’ da dire che i Warriors devono anche fare di necessita’ virtu’ perche’ quando uno sale troppo di livello non riescono a tenerlo economicamente vedi anche il solo Gray volenti o nolenti i soldi per tenerlo non li avrebbero avuti (discorso uguale l’Edinburgh dove sono curioso ora che Visser e’ “scozzese” quanto a lungo riusciranno a tenerlo).
            Benvenuti: inizio col dire che sicuramente c’e’ il discorso che secondo me giustamente facevi la scorsa settimana sulle non 4 mete della Benetton alle Zebre: se giochi con Burton apertura e Sgarbi primo centro sei votato ad un certo tipo di gioco…non credo pero’ lo stiano “sgarbizzando”, mi sembra piu’ che stiano puntando piu a trasformarlo in ala e si stia faticando su quello… forse e’ pero’ un giocatore che avrebbe bisogno di cambiare aria e di andare in una squadra diversa…ripeto non so e’ una situazione che faccio fatica a capire cosa stia succedendo.
            Sgarbi: sta giocando bene ma se dici che Iannone quello fa anche Sgarbi alla fin fine fa quello e poco piu’, lo fa meglio ma non mi sembra abbia aggiunto novita’ al suo gioco…su Iannone condivido ma se lo fa bene in un ruolo dove non ci sono tante alternative.
            Sul ricambio o gestione della rosa…si torna al discorso profondita’ o meglio qualita’ di essa: Treviso perdera’ 16-18 giocatori in NAzionale, tantissimi piu’ di chiunque in CL, in certi ruoli perderanno tutti…gestire il turnover in una situazione simile e’ difficile secondo me anche perche’ comunque ci sono degli obiettivi per la squadra e dato che perdendo 16-18 giocatori durante le finestre della NAzionale quelle partite diventano impossibil da vincere deve puntare grosso sulle altre partite…riscrivo quanto detto sopra avesse ieri schierato una squadra con molti cambi e perso Smith sarebbe stato crocefisso per non aver messo la miglior squadra in una partita come questa.
            Profondita’: chiariamo cosa intendiamo con questa parole, io parlo di qualita’ di profondita’…ora Keatley e MAdigan sarebbero non solo titolari a Treviso ma anche in NAzionale (e si metterebbe il primo apertura ed il secondo primo centro o estremo per farli giocare entrambi)…nel Munster e nel Leinster sono le seconde scelte…si e’ rotto Bowe nell’Ulster giocano Gilroy e Trimble ali…e si puo’ andare avanti…per fare un certo tipo di turnover serve la qualita’ se no va male e Treviso quella profondita’ non ce l’ha se non in certi ruoli.
            Smith ad oggi non ha mai schierato una formazione “perdente” (se non il primo tempo a Leicester ed ovviamente non si possono prendere in considerazione le partite durante i TM) per me cosa corretta (anche eprche’ come detto sopra durante le finestre della NAzionale si trova senza quasi meta’ squadra) ed ad essere sinceri degli avversari nessuno ha fatto grandi regali sulla formazione a Treviso…insomma non e’ proprio cosi’ facile per Smith dire ok lascio fuori 5-6 titolari.
            Aggiungo poi che son sicuro che il calendario lo tengano ben d’occhio, se durante il 6N hai Leinster e Ulster fuori casa e Munster in casa come avra’ Treviso cerchi di vincere mettendo la miglior formazione, quella piu’ colladata nelle partite dove puoi farlo.

            Io non dico siano perfetti pero’ onestamente guardando a quello che hanno come materiale e quello che hanno fatto non mi sento neanche di criticarli molto.

          • kinky 6 Gennaio 2013, 01:23

            Ok, opinione vostra! Per me Bocchino scarso fin dalla prima volta che l’ho visto! Tra l’altro l’anno scorso ha giocato inizialmante da titolare perché imposto ma alla fine della stagione mi pare che abbia fatto più panca che il titolare!!

          • gsp 6 Gennaio 2013, 01:44

            @stefo, io non me la sento di criticare Smith e Munari assolutamente. solo un folle negherebbe l’ottimo lavoro fatto.

            per certi versi il modulo e’ davvero adatto ai giocatori che hanno, ed e’ evidente che si compra con giudizio. ed anche la capacita’ di trovare soluzioni come Minto in 2 e Iannone all’ala dimostrano l’abbondanza di cervello. la scelta di luamaro e’ anche azzeccata, ma non per le mete che segnera’ dall’ala, o su set plays, ma per quelle dalla base della ruck. e’ un gioco dove tolta la prima linea, il mm, ed uno che calcia le altre potrebbe essre tranqullamente tutte terze linee (passami l’esagerazione).

            pero’ tutto ha lati positivi e negativi, e quindi la difficolta per un rifinitore come benvenuti a trovare posto. c’e’ che trovo difficolta’ ad immaginare a) un playmaker b) come un playmaker si inserisce in questo contesto. passi per l’anno scorso, ma quest’anno, se fossi un’ala, un playmaker o anche un estremo avrei serie difficolta’ a decidere se andare a giocare a treviso o alle zebre.

            da un certo punto di vista, nella creazione, educazione e gestione di playmakers Treviso purtroppo condivide gli stessi problemi italiani. E’ assurdo che una societa’ cosi’ radicata, esperta, in una regione rugbystica cosi’, non produce un playmaker da 20 anni. E Treviso e’ oggettivamente il top, figurarsi gli altri. Tu dirai l’accademia, ed e’ vero. ma prima dell’accademia dovranno andare da qualche parte i giocatori che nascono e giocano vicino Treviso. e’ impossibile che non ce ne sia uno con quelle qualita’.

            pero’ parlo di aree migliorabili, a patto di tenermi i punti forti. e’ oggettivamente c’e’ una learning curve per tutti, anche per Munari e Smith.

            c’e’ anche il problema piu’ complesso che ci manca sempre il termine di paragone, qualcosa di simile contro cui valutare progressi e regressi.

            sono daccordissimo sul discorso Irlanda. sulla line arretrata, oggi tolti Masi, Gori le terze e quarte scelte irlandesi probabilmente giocherebbero titolari. Pero’ non me la sento di estendere lo stesso discorso alla Scozia. per questo il risultato di Glasgow (ma anche ediburgo l’anno scorso in HC) mi mettono dubbi. so che non sei daccordo su questo, pero’ con le dovute differenze per ruoli, la differenza nel parco giocatori tra Italia e Scozia io non la vedo eccessiva. do un vantaggio alla Scozia ma davvero minimo.

          • gsp 6 Gennaio 2013, 01:46

            @kinky, ha giocato moltissimo l’anno scorso, ha giocato e fatto segnare. se mi dici che e’ scarso non me la sento neanche di darti torto. ma se vai per esclusione, davvero e’ stato il migliore l’anno scorso di formazione italiana.

          • gsp 6 Gennaio 2013, 01:51

            stefo, dimenticavo su Iannone v Sgarbi. nel panorama Europeo qualche squadra che gioca con centri molto ruvidi e diretti la trovi anche quindi Sgabri e’ piu’ vendibile. squadra che gioca con una ala come Iannone un po’ meno.

            questo non toglie che nel gioco di treviso ha un perche’, funziona ed a volte Iannone e’ davvero decisivo. quindi plauso per Iannone e per Smith che lo mette li.

          • Stefo 6 Gennaio 2013, 02:18

            gsp sulla formazione di playmaker sono d’accordissimo con te, ma si torna al solito discorso che servirebbe un’analisi seria e senza pregiudizi da parte di chi di dovere su chi, come e cosa viene insegnato ai ragazzi in eta’ giovanissima perche’ se non se ne tira fuori uno che sia uno in 10 anni (ed in Italia e’ come giustamente dici tu da piu’ tempo) qualcosa per forza non funziona.
            Gsp penso che siamo d’accordo che la Benetton non e’ altro che l’espressione del movimento come ogni franchigia celtica esprime il suo movimento?Certo anche la Benetton facendo parte del movimento deve chiedersi come mai non si producono certi tipi di giocatori ma e’ un’analisi che va ben oltre i Munari e Smith questa…e senza dubbio neanche loro son perfetti non penso questo.

            Sul discorso Scozia: parto dicendo che l’Edinburgh e la sua cavalcata in HC ha come motivo fondamentale la pool di basso livello in cui furono per loro fortuna pescati…in CL andarono male arrivando dietro Treviso e questa stagione dove non hanno una pool di HC facile i nodi vengono al pettine.
            Glasgow sta lavorando bene da anni ma anche qui si ritorna al discorso della formazione ed in particolare dei 3/4 …perche’ in Italia non si formano gli Hogg e Weir?E via si ritorna al punto di partenza chi, cosa e come si insegna…gira e rigira si ritorna sempre a questo, perche’ loro (irlandesi, gallesi, scozzesi, inglesi, francesi) maturano prima e perche’ loro hanno comunque una certa continuita’ nella produzione dei giocatori?La Scozia come aperture ha Laidlaw (’85), Jackson (’88) e Weir (’91) (toh uno ogni 3 anni non me ne ero mai accorto)…per carita’ nessuno di loro e’ Carter o Wilkinson ma ce ne fossero 3 come loro e della loro eta’ in Italia…

  25. mauro 6 Gennaio 2013, 09:59

    Buongiono a stefo e gsp, bello il vostro dialogo, offre molti spunti di riflessione. Non voglio intromettermi con scarsa competenza, ma alla domanda perchè da noi non si producano certi tipi giocatore vorrei contribuire con la mia esperienza.
    Ho seguito, da appassionato, per qualche anno una squadra di minirugby fino al primo campionato adulti, dai 10 ai 16 anni. Molti di quei ragazzi avevano talento naturale, buone skills, sapevano correre ed erano anche intelliggenti (il che non guasta a rugby) difatti avevano un palmares di tutto rispeto: 2 Topolino e secondi a livello nazionale in campionato. Quanti arriveranno al rugby maggiore? Pochi e forse i meno dotati. La legge Ascione non fa sconti. Badate bene non è un semplificare le cose, nè rimasticare cose già dette su questo od altri blog. La nostra gioventù, anche se migliorata molto geneticamente, fatica a generare atleti (ovvero gente dotata di corsa naturale, gestualità e potenza fisica) da 1.80 e più. E’ più semplice offra qualche taglia in meno nel talento e qualche taglia in più nel settore dei Vosawai. Per cui la sintesi, molto generica, di tutto ciò e che buttiamo nel cesso molti ragazzi in gamba e ci teniamo le mezze calze. Ricordo solo che Troncon non rispondeva ai parametri Ascione e, per chi lo ricorda prima della cura Clermont, era anche un pò normale… non parliamo poi di Rino, Nello, Ivan e tutta la dinastia Francescato

    • kinky 6 Gennaio 2013, 12:19

      Contro Troncon ho giocato contro fin dai pulcini visto che siamo della stessa età!! Ha sempre fatto la differenza fin da piccolo e la federazione non ha mai avuto dubbi su di lui!!

      • mauro 6 Gennaio 2013, 12:36

        nessun dubbio su ciò; ma a 16 anni non era alto 1.80 nè pesava come un bue. Era fortunatamente l’era precedente, ma sono convinto che oggi un talento così avrebbe maggiori difficoltà ad arrivare all’alto livello. Ti ricordo anche che con le attuali regole c’è un buco tra l’under 20 e l’under 16, dove vanno i ragazzi a quell’età secondo te? Al campo senza speranza di giocare o in piazza dei signori a bere lo spritz con le ragazze?

        • kinky 6 Gennaio 2013, 19:12

          Anche Iannone e Gori non erano (non sono) dei super fisici però in federazione sono sempre stati tenuti in considerazione! Perché?!?…semplicemente perché sapevano giocare a rugby!!

          • Stefo 6 Gennaio 2013, 19:20

            kinky i progetti statura federali di Ascione non sono opinioni dei formisti sono progetti veri e proprio messi in piedi dalla Federazione…se non sei x cm per y kg non ti prednevan in considerazione

    • gsp 6 Gennaio 2013, 13:19

      mauro, sei piu’ che benvenuto, e’ una discusione apertissima.

      daccordo che la teoria Ascione, applicata cosi’ a tutti i ruoli e’ abbastana folle.

      Pero’ quelli che non vanno in accademia cmq continuano la formazione nel club, alcuni dei quali hanno tradizione enorme. e prima delle accademie, senza teoria ascione la situazione non era troppo diversa.

      o basta guardare all’under20, dove nel’ultima WC un terzo dei giocatori, se non sbaglio non erano accademici.

      il problema e’ tristemente trasversale a tutto il movimento. e su quello bisognerebbe lavorare e mettersi tutti in discussione, club, accademie e federazione. in modo specifico sulla formazione dei playmaker prima, ed allo stesso tempo insegnare agli altri a corrergli intorno. perche’ un playmaker senza corridori e’ un po’ inutile.

  26. franky 6 Gennaio 2013, 10:45

    io penso che tanto la gestione smith munari non cambierà, il modo di gestire i giocatori è quello, magari si potrà cambiare qualcosa nel modo di giocare perché come dice gsp tra i trequarti c’è veramente poca cosa rapportato alle altre squadre ma smith sa che il modo per fare risultato al momento è il gioco che sta attuando oppure sta aspettando dei plamaker (ambrosini e morisi ? due giocatori a caso ce ne possono essere altri) per fare un gioco diverso; il primo anno mi ricordo belle prestazioni e belle azioni anche tra i trequarti ma le differenze sono due : 1) le altre squadre ci mettono molta più pressione 2) burton e williams erano due giocatori al top della loro forma completamente diversi da oggi

    benvenuti a differenza degli altri ragazzi era già alla benetton prima dell’inizio celtic, era già titolare in super 10 e indubbiamente era molto più dotato dei suoi coetanei quindi penso che fosse normale trovarlo un po’ più avanti rispetto ad altri giocatori; l’unico tra i giovani che è entrato subito nelle rotazioni di smith è iannone ma penso che se chiedi a esposito di fare quello che fa lui non è ancora in grado (iannone è molto intelligente tatticamente e mentalmente mi sembra abbastanza solido) anche se esposito può/potrà dare di più in altre fasi del gioco
    minto (che non è più un giovane) anche per il cambio di ruolo ha avuto una crescita particolare però il primo anno ha fatto le sue poche presenze, il secondo ne ha giocate un bel po’ e ora è titolare in nazionale; favaro (più giovane di minto) obbiettivamente arrivava già pronto dagli aironi

Lascia un commento

item-thumbnail

Padovani dopo Lione-Benetton: “A tratti superiori, ci è mancato il breakdown”

L'estremo dei leoni dopo il match di Challenge: "Dovevamo portare a casa più punti, ma sono orgoglioso della squadra e della prestazione"

item-thumbnail

Benetton, Bortolami: “orgoglioso della squadra per 80′”

L'analisi a caldo dell'head coach trevigiano

item-thumbnail

Challenge Cup: non basta un bel Benetton, Lione passa 25-10

Niente da fare per i leoni, che dopo 70 minuti di battaglia cedono nel finale, complice anche un discutibile cartellino giallo

item-thumbnail

Challenge Cup: esame di francese a Lione per il Benetton

Leoni a caccia di punti preziosi in terra transalpina

item-thumbnail

Benetton: la formazione per la sfida di Challenge Cup contro Lione

Negri sarà il capitano di giornata. In mediana spazio a Braley e Marin dal primo minuto, mentre in panchina ritorna Albornoz dopo un lungo infortunio

item-thumbnail

Benetton Rugby: dal mercato arrivano due rinforzi per il resto della stagione

La compagine veneta innesta nel proprio roster un utility back e un terza linea