L’Irlanda, la Francia e le altre: la RWC 2015, girone per girone

Analisi delle quattro Pool uscite dall’urna di Londra, partendo naturalmente da quella dell’Italia. Senza dimenticare però le altre

Francia, Irlanda, Europa 2, America 1. La carta di identità del nostro girone – la Pool D – al Mondiale inglese del 2015 è questa. A voler essere più precisi si può cercare di individuare anche le due squadre che ancora mancano all’appello e che otterranno il passaporto per la perfida Albione entro il 2014: dal continente americano dovrebbe arrivare – a meno di clamorose sorprese – una tra Stati Uniti e Canada, mentre dall’Europa Romania, Portogallo o Georgia. Nel complesso un girone non semplicissimo, dovremo fare molta attenzione anche alle nostre spalle, ma abbiamo evitato l’Inghilterra. I padroni di casa erano in seconda fascia e potevano abbinarsi in maniera per noi letale a una delle quattro big. Abbiamo invece pescato l’Irlanda e la Francia: bisognerà vedere come si arriverà all’appuntamento iridato, tre anni sono lunghi, ma si può dire sin da ora che probabilmente i galletti saranno fuori dalla nostra portata. Potrebbe essere più equilibrata la sfida con l’Irlanda, ma appunto tre anni sono lunghi. La nostra speranza è che pure il gruppo Brunel prosegua con continuità nella fase di crescita e chissà mai… Non portiamo favoriti, ma potremmo diventare una vera mina vagante.
Forse trovare Samoa sarebbe stato meglio, ma è anche vero che l’Irlanda è meno imprevedibile dei pacifici. Insomma, quella con il XV in maglia verde può essere una partita dalla maggiora levatura tecnica ma che può essere paradossalmente preparata meglio. Avrà infine un peso anche il calendario: il gioco delle sfide incrociate potrebbe anche metterci in condizione di favore all’ultima giornata.
POOL A: Australia, Inghilterra, Galles, Playoff winner, Oceania 1
E’ già stata definito come il “girone della morte”. Azzeccatissimo. Una delle protagoniste più attese lascerà per forza di cose il torneo già alla fine del primo turno. Oggi scommetteremmo un po’ tutti sul Galles come più probabile estromesso, ma anche qui vale quello che si diceva dell’Italia: mancano 36 mesi al kick-off. A rendere ancora più imprevedibile e non pronosticabile questo gruppo c’è anche la più che probabile “aggiunta” di Fiji... Insomma, tutto si può dire tranne che il sorteggio sia stato benevole con i padroni di casa.

 

POOL B: Sudafrica, Samoa, Scozia, America 2, Asia 1
Girone di facile lettura. Il Sudafrica non dovrebbe avere problemi, con Samoa e Scozia a lottare per l’altro biglietto per i quarti di finale. Il ranking oggi dice che Samoa ha qualche chance in più, ma la contesa sembra molto equilibrata. Se la sfida tra queste due pretendenti dovesse livellarsi verso il basso potrebbe togliersi qualche soddisfazione anche la squadra americana che ancora deve qualificarsi: Usa o Canada (senza però ambire al passaggio del turno).

 

POOL C: Nuova Zelanda, Argentina, Tonga, Africa 1, Europe 1
Vale un po’ il discorso fatto  per la Pool B: c’è un superfavorito – gli All Blacks – e una coppia di pretendenti per l’altro posto libero. Saranno Argentina e Tonga a giocarsela, ma qui le cose sono un po’ meno equilibrate e la bilancia pesa più dalla parte dei Pumas che sembrano decisamente più attrezzati e che hanno tre edizioni di Rugby Championship per crescere (e lo faranno).

 

Un’ultima cosa: i quarti di finale sono organizzati a mo’ di tabellone tennistico, con le prime due del girone A che incroceranno quelle della pool B, e quelle della C con il raggruppamento dell’Italia. Questo significa che in caso di uno storico passaggio ai quarti di finale gli azzurri dovranno poi vedersela con ogni probabilità con gli All Blacks.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Sam Cane: “Sento ancora lo shock dell’espulsione nella finale del Mondiale”

Per l'ex capitano degli All Blacks quell'episodio resterà un incubo a vita, come raccontato nella serie "All Blacks In Their Own Words"

5 Giugno 2024 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

La Rugby World Cup 2023 è stato l’evento di rugby più visto di sempre

I dati sui mercati emergenti confermano un trend positivo anche in Italia

30 Gennaio 2024 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Dan Biggar: “Fuggo a Dubai per stare lontano dal rugby. La sconfitta con l’Argentina? Scioccante”

Il mediano d'apertura gallese: "Non voglio saperne per un po'. Speravo che la mia carriera finisse in modo diverso"

4 Gennaio 2024 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Scozia, Finn Russell: “La delusione della Rugby World Cup è ancora tutta lì”

Il mediano di apertura ha confidato in una lunga intervista la sua frustrazione per l'avventura iridata e i suoi pensieri sul futuro

16 Dicembre 2023 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

RWC, Damian Willemse: “Perché ho chiamato una mischia da quel mark”

L'estremo campione del mondo torna su uno dei momenti chiave del mondiale, nel match contro la Francia

14 Dicembre 2023 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Richie McCaw: “La finale del Mondiale? Persa così fa ancora più male…”

La leggenda degli All Blacks dice la sua sulla Rugby World Cup 2023

27 Novembre 2023 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023