Il dopo All Blacks, alla soddisfazione azzurra manca un quarto d’ora

Soddisfazione e orgoglio: questi sentimenti azzurri post-Nuova Zelanda. E rabbia per quei 13 minuti finali costati tre mete

 

ph. Sebastiano Pessina

Il dopo Italia-All Blacks nello spogliatoio azzurro è fatto di sorrisi, soddisfazione e un po’ di amaro in bocca per gli ultimi 13 minuti che hanno ampliato a dismisura il divario sul tabellone, in maniera davvero eccessiva. Ma quelle tre mete finali non cancellano l’orgoglio di quanto fatto prima, con un gruppo azzurro capace di mettere in difficoltà i campioni del mondo.
I complimenti alla prova dell’Italia arrivano anche dal ct dei tuttineri Steve Hansen (protagonista di un misunderstanding in tribuna stampa con alcuni colleghi): ”Complimenti all’Italia: ha giocato una grande partita dal punto di vista dell’attitudine, dell’impatto fisico e dell’impegno. Ci hanno affrontato a viso aperto, ed è un chiaro segno che questa Italia vuole imporsi a livello internazionale”.
Jacques Brunel è soddisfattissimo, ovviamente: ”Fa bene vedere un’Italia che gioca bene a rugby, abbiamo mostrato una bella immagine e cercato d’imporre qualcosa, facendo il nostro gioco in rapporto alla qualità che abbiamo. Alla fine non siamo crollati fisicamente ma è venuta fuori la qualità dei giocatori che avevamo di fronte, che sanno approfittare degli errori altrui ed essere molto efficaci”. E tra i tanti che meriterebbero un plauso, il ct azzurro fa i complimenti all’esordiente Minto, autore di una prova davvero maiuscola: ”Ha giocato una bella partita e mostrato volontà e presenza, ha placcato e portato palloni”.
Infine le parole del capitano, Sergio Parisse: “Negli ultimi dieci minuti eravamo stanchissimi, è venuta fuori tutta la stanchezza. Perdere non è mai piacevole, ma ci sono diversi aspetti da prendere in considerazione, a cominciare dai grandissimi avversari che avevamo davanti. Il punteggio è troppo pesante, ma purtroppo è la differenza che c’e’ tra noi e loro. Con un ritmo di gioco cosi’ intenso, con 40′ di gioco effettivo, alla fine il conto lo paghi e ci è successo questo”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

L’Italia verso il Sei Nazioni, parla Bortolami: “La mancanza di leader è un problema, ma anche un’opportunità”

Le parole dell'ex seconda linea azzurra e una domanda che si ripresenta: chi sarà il capitano della squadra di Franco Smith?

14 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: i convocati dell’Italia

Franco Smith ha selezionato 35 atleti. Tornano Alberto Sgarbi e Pietro Ceccarelli. Tanti ragazzi giovani in prima linea

13 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

L’addio internazionale di Sergio Parisse sta interessando tutta Ovalia

Il primo dei tanti tributi che riceverà in questi mesi il giocatore simbolo di un'epoca in azzurro

8 Gennaio 2020 Foto e video
item-thumbnail

La lunga risalita di Tommaso Castello

Il centro delle Zebre ci ha parlato del recupero dal suo infortunio, analizzando anche il momento di Zebre e Nazionale

7 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: un 13 per gli Azzurri

Con Michele Campagnaro fuori dai giochi, diamo un'occhiata alle alternative sul tavolo di Franco Smith

7 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sergio Parisse, Sei Nazioni 2020: “Voglio chiudere all’Olimpico. Non sarò più capitano”

Il numero 8 non giocherà tutto il torneo, mentre nel futuro si vede con un ruolo da allenatore

6 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale