Il dopo All Blacks, alla soddisfazione azzurra manca un quarto d’ora

Soddisfazione e orgoglio: questi sentimenti azzurri post-Nuova Zelanda. E rabbia per quei 13 minuti finali costati tre mete

 

ph. Sebastiano Pessina

Il dopo Italia-All Blacks nello spogliatoio azzurro è fatto di sorrisi, soddisfazione e un po’ di amaro in bocca per gli ultimi 13 minuti che hanno ampliato a dismisura il divario sul tabellone, in maniera davvero eccessiva. Ma quelle tre mete finali non cancellano l’orgoglio di quanto fatto prima, con un gruppo azzurro capace di mettere in difficoltà i campioni del mondo.
I complimenti alla prova dell’Italia arrivano anche dal ct dei tuttineri Steve Hansen (protagonista di un misunderstanding in tribuna stampa con alcuni colleghi): ”Complimenti all’Italia: ha giocato una grande partita dal punto di vista dell’attitudine, dell’impatto fisico e dell’impegno. Ci hanno affrontato a viso aperto, ed è un chiaro segno che questa Italia vuole imporsi a livello internazionale”.
Jacques Brunel è soddisfattissimo, ovviamente: ”Fa bene vedere un’Italia che gioca bene a rugby, abbiamo mostrato una bella immagine e cercato d’imporre qualcosa, facendo il nostro gioco in rapporto alla qualità che abbiamo. Alla fine non siamo crollati fisicamente ma è venuta fuori la qualità dei giocatori che avevamo di fronte, che sanno approfittare degli errori altrui ed essere molto efficaci”. E tra i tanti che meriterebbero un plauso, il ct azzurro fa i complimenti all’esordiente Minto, autore di una prova davvero maiuscola: ”Ha giocato una bella partita e mostrato volontà e presenza, ha placcato e portato palloni”.
Infine le parole del capitano, Sergio Parisse: “Negli ultimi dieci minuti eravamo stanchissimi, è venuta fuori tutta la stanchezza. Perdere non è mai piacevole, ma ci sono diversi aspetti da prendere in considerazione, a cominciare dai grandissimi avversari che avevamo davanti. Il punteggio è troppo pesante, ma purtroppo è la differenza che c’e’ tra noi e loro. Con un ritmo di gioco cosi’ intenso, con 40′ di gioco effettivo, alla fine il conto lo paghi e ci è successo questo”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Italia, il pragmatismo di capitan Parisse: “Il nostro primo obiettivo si chiama Namibia”

A meno di una settimana dall'esordio iridato, il leader azzurro stringe il focus sui primi avversari da affrontare

16 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Italia, il punto della situazione da Sugadaira

Le parole di Minozzi, Ghiraldini (che sta recuperando) e Tebaldi, a nove giorni dall'esordio mondiale. Gli azzurri intanto si sono spostati a Osaka

14 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Nuovi dettagli sull’addio di O’Shea alla panchina dell’Italrugby

Dopo la notizia dell'avvicendamento tra il tecnico irlandese e Rob Howley emergono nuovi particolari

12 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Guglielmo Palazzani: “Abbiamo ricevuto una grande accoglienza in Giappone”

Il mediano di mischia azzurro ha parlato dell'ambientamento in terra nipponica e dell'imminente gara contro la Namibia

10 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: Rob Howley sarà il nuovo ct della nazionale a partire dal 2020

Il tecnico gallese siederà sulla panchina degli Azzurri, da capire se prima o dopo il prossimo Sei Nazioni

10 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: Negri, Budd e Sisi hanno alzato la competizione in seconda linea

Per l'Italia mondiale tante scelte sembrano ormai fatte, ma forse venerdì abbiamo scoperto qualcosa in più

10 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale