Alla scoperta di Tonga: forza, fragilità e anarchia al potere

Importanti individualità, ma poco tempo per diventare una squadra. L’analisi di Antonio Raimondi

Per Tonga è l’inizio del percorso verso la Coppa del Mondo del 2015. E’ l’inizio di una nuova gestione, che punta su tre assistenti di vero lusso, per il capo allenatore Mana Otai. Infatti, la federazione tongana ha puntato su Tim Lane, lo ricordiamo anche nello staff dell’Italia, durante la gestione di John Kirwan, e Mark Bakewell australiano che ha allenato in Francia e Inghilterra e nel Super XV; inoltre per la difesa c’è Dave Ellis, già con la Francia di Bernard Laporte.
E’ un percorso complicato perché hanno poco tempo per lavorare insieme, visto che i giocatori sono sparpagliati per il mondo ovale a cercare fortuna. Prevedere oggi quello che i tongani ci faranno vedere a Brescia è davvero difficile. Più semplice provare a decifrarne la forza, partendo dai singoli presenti nella rosa, e dando come valutazione generale quella del ranking mondiale, dove Tonga occupa il dodicesimo posto con 74,79 mentre noi siamo all’undicesimo posto con 76,03. Posizioni di ranking che potrebbero essere ribaltate in caso di vittoria di Tonga ed è una cosa che non possiamo certo permetterci.

 

Nella misurazione del valore di questa selezione tongana, partiamo mettendo sulla bilancia gli avanti. Sono ventuno quelli inseriti nell’elenco diramato, nella speranza di non perderne qualcuno per strada. Pescando qua e là, tra i più famosi, Tonga può schierare un pacchetto di mischia di alto livello nei singoli, che dovrà però trovare in pochi giorni la capacità di lavorare insieme. Non facile, ma guardate alla prima linea dove si può iniziare con Sona Taumalolo: lo ricorderete durante la coppa del mondo, contro la Francia, incitare tutti i compagni per resistere nella mischia decisiva e poi esultare per la storica vittoria, ma chi ha seguito il Super XV quest’anno, lo può ricordare campione con i Chiefs, segnando solo lui, otto mete, avete letto bene, otto, uno sproposito per un pilone. In mischia ordinata ha la capacità di non andare indietro, ma è nel gioco manovrato che dà il meglio di sé. Dopo il Super XV ha raggiunto Perpignan, agli ordini del responsabile della mischia, Ciccio De Carli.
Dall’Inghilterra arriva invece Soane Tonga’uha, che proprio sabato l’abbiamo visto con Northampton contro Castrogiovanni. Potente in mischia ordinata, qualitativo nella capacità di portare avanti il pallone, Tonga’huia a Northampton è un giocatore fondamentale. A proposito di Castro, il pilone azzurro troverà un suo compagno di Leicester, Steve Mafi che con i Tigers sta giocando da terza linea, ma potrebbe anche ricoprire il ruolo di seconda linea. Nel reparto c’è anche l’esperienza di Hale T Pole e Nili Latu che potrebbero renderci le cose molto complicate nel breakdown.

 

Tra i tre quarti c’è forse una qualità individuale inferiore, ma non mancano i giocatori davvero pericolosi a iniziare da Sione Piukala centro capace di aprire le difese, arrivato in questa stagione a Perpignan. Taniela Moa è una vecchia conoscenza del rugby neozelandese, con Auckland e Bay of Plenty, porta la sua qualità e i problemi di peso in Francia alla Section Palois.
In tutto sono quattordici i tre quarti in rosa, tre che giocano ancora a Tonga e undici che invece sono all’estero e tra questi sarà interessante vedere se troveranno impiego due conoscenze italiane. Ci sono, infatti, Fangatapu Apikotoa, che gioca ad Algero in A2, e Viliami Helu, che ha vinto con la Rugby Roma il trofeo Eccellenza 2011. C’è l’esperienza dell’estremo Vunga Lilo e diventa forse banale di che in linea generale sono temibili quando attaccano, anche individualmente, per linee dirette.
L’adattamento degli azzurri dovrà essere fatto con una difesa ben organizzata, ma con
una disponibilità assoluta al placcaggio e l’esperienza di Heineken Cup e RaboPro12 è
importante.

 

Trovarli all’inizio del tour è favorevole per l’Italia, che dovrà imporsi mantenendo l’ordine,
ma anche giocando sul ritmo, il che non significa prendersi dei rischi inutili. I precedenti sono pochi, due in Coppa del Mondo, nel 1999 vittoria di Tonga e nel 2003 dell’Italia, e uno nei test novembrini, netto successo italiano a Prato nel 2005.

 

di Antonio Raimondi

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Cosa è successo in Francia-Scozia

I Bleus hanno dominato come poche volte negli ultimi tempi. Esordio con meta per Alivereti Raka

item-thumbnail

Test Match: il Sudafrica doma 24-18 l’Argentina al termine di una partita combattuta

Gli Springboks continuano nella loro serie positiva verso il Mondiale

item-thumbnail

Test Match: il Galles supera 13-6 l’Inghilterra e si prende il primo posto nel ranking mondiale

A Cardiff decidono la contesa i calci di Biggar, Halfpenny e la meta di North

item-thumbnail

A Nizza prima uscita nel premondiale per Francia e Scozia

Si gioca alle 20:55 il test match fra le due potenze europee, con in palio il settimo posto nel ranking mondiale

item-thumbnail

Bledisloe Cup 2019: gli All Blacks si prendono una netta rivincita. Australia battuta 36-0

I campioni del mondo conservano il trofeo andando in meta cinque volte nella sfida disputata a Auckland

item-thumbnail

Il Galles prepara la vendetta e riprova la scalata

Inghilterra a Cardiff, secondo match in sei giorni fra le due squadre per preparare la Rugby World Cup

  1. Katmandu 5 novembre 2012, 14:39

    Diciamo che i titolari sono veramente forti (e se come diceva munari l’altro giorno tonga é l’opzione b) ma hanno poca profondità nelle seconde scelte credo che in questo, soprattutto in mischia, siamo messi meglio almeno supla carta comunque rimane una partita rognosa però in cui bisogna vincerea prevedo una partita che un pó la tensione un pó la qualità dei singoli la palla non uscirà dalla mischia se non raramente

  2. kinky 5 novembre 2012, 14:58

    Mamma mia che presentazione, sarebbe meglio evitarli altrimenti ci fanno un mazzo così!!! p.s. quando presenterà Australia e Nuova Zelanda ci toccherà scappare!!

    • mistral 6 novembre 2012, 08:45

      se quello che divide l’italia da tonga nel ranking è una sola posizione, e per un misero punticino, considerando le potenzialità rugbistiche (come dice giustamente rabbidaniel) espresse da una popolazione pari a quella di treviso (e senza considerare i tongani già “naturalizzati” in altre nazionali… anche un certo jonah lomu è di origine tongana…) i motivi per affrontare la partita con il massimo rispetto ci sono tutti… gli isolani sono sempre brutte rogne, la cosa che più li può infastidire è il clima (remember italia-fiji a monza di qualche anno fa) non certo la squadra che hanno davanti…

  3. gsp 5 novembre 2012, 15:00

    Nel 2010 c’e’ stata italia A – Tonga, 9-16. E nel 2011 ci abbiamo giocatpo per il bowl alla churchill cup vincendo 27-18, sempre con l’italia A.

  4. Rabbidaniel 5 novembre 2012, 15:24

    Aldilà del fatto che per l’Italia c’è un solo risultato (la vittoria), altrimenti saranno verze acide nel ranking e nel sorteggio mondiale, io ammiro la capacità dei Tongani, ma degli isolani in generale, di produrre giocatori. Tonga ha una popolazione di 100mila abitanti, poco più di Treviso, eppure riesce ad avere una continuità a livello da tier1.
    Tanto rispetto e attenzione (paura no).

  5. chicodelrodeo 5 novembre 2012, 15:36

    Nili Latu, una fortuna vederlo per chi andrà allo stadio. Un grande campione.. ma veramente ancora gioca?

  6. gian 5 novembre 2012, 16:07

    gli isolani sono sempre un osso duro da rosicchiare, l’unica grande attenzione contro di loro è di non fargli prendere confidenza, non buttarla in confusione (su quel piano loro sono imbattibili tirando fuori dalla spazzatura l’impossibile) ed impegnare la loro mischia nel gioco chiuso. è vero che fanno disastri nelle squadre di nazioni avanzate, ma spesso è perchè operano in un contesto organizzato a prescindere da loro in cui le loro indubbie qualità “istintive” possono emergere al meglio.
    rimangono comunque rognosi non poco, bisogna rimanere concentrati

  7. cicciopasticcio 5 novembre 2012, 16:36

    per batterli basta invitarli a cena la sera prima..menu a base di incudini in umido!

    • giobart 5 novembre 2012, 19:18

      Ahahaha concordo!

    • gian 5 novembre 2012, 19:23

      con quello che ingurgitano questi, ci conviene direttamente comprarci le isole e naturalizzarli tutti!!!!:-)

  8. kinky 5 novembre 2012, 17:24

    grande ciccio!!

Lascia un commento