Italia-Australia, inizia la vera corsa al biglietto

In parte “oscurata” dagli All Blacks, la sfida con i wallabies inizia ad attirare i tifosi di tutta Italia: staccati quasi 16mila biglietti

E’ una partita dall’altissimo valore tecnico, ma ha il “difetto” di arrivare una settimana dopo la sfida con gli All Blacks. Media e tifosi perciò sono distratti dalla partita del 17 novembre dell’Olimpico di Roma, mentre si parla molto meno di Italia-Australia di Firenze di sette giorni più tardi. Ma anche qui sale l’attesa per il Cariparma Test Match che si giocherà il 24 novembre allo stadio Artemio Franchi. Al momento sono stati staccati 15.400 biglietti e sono ancora disponibili posti a sedere.

Si tratta di un evento unico nel suo genere, in cui la presenza di un pubblico in festa, a sostegno degli Azzurri, può rivelarsi fondamentale anche per le sorti del match. I tifosi devono essere il sedicesimo uomo in campo.

La sfida contro i Wallabies, secondi nel ranking mondiale dietro alla Nuova Zelanda, rappresenta un test importante per Parisse e compagni. Si tratta infatti dell’ultimo impegno prima dell’RBS Sei Nazioni, che si svolgerà tra febbraio e marzo 2013, e può essere interpretato come una rivincita, visto che due anni fa, proprio al Franchi contro l’Australia, l’Italia uscì sconfitta col punteggio di 32 – 14.

Mauro Bergamasco ai tifosi: “Venite allo stadio, sarete l’uomo in più”

Mauro Bergamasco, dall’alto dei suoi 92 caps, racconta cos’è cambiato dall’ultimo match tra Italia – Australia giocato al Franchi di Firenze due anni fa: “Da allora il gruppo si è evoluto, è cambiato in alcune sue parti, ma ha sempre cercato di rimanere ad altissimo livello e competere con squadre che sono ai vertici del rugby mondiale.

Quello che ci preme – ha puntualizzato la terza flanker delle Zebre – è sviluppare e proporre il nostro gioco, essere protagonisti dal punto di vista della presenza fisica e scenica: vogliamo essere utili ed efficaci per 80 minuti”. Per Bergamasco i traguardi da raggiungere sono due: “Il primo obiettivo, più ambizioso, è quello di preparare il prossimo Mondiale e rafforzare strada facendo il gruppo. Poi ci sono gli obiettivi a “breve termine”, come i tre test match di novembre. Niente rivincite o colpi di testa, ma la presa di coscienza di un gruppo che deve riconfermarsi all’altezza delle aspettative”.

Gli Azzurri guidati del Commissario Tecnico Jacques Brunel affronteranno le Tonga il 10 novembre a Brescia, la Nuova Zelanda campione del mondo in carica a Roma il 17 novembre, e l’Australia il 24 novembre allo stadio Artemio Franchi di Firenze. Per Mauro Bergamasco si tratta di tre partite molto utili: “Questi tre test match, come ogni impegno che l’Italia affronta, sono importanti per il seguito. Servono a riprendere contatto con un gruppo di 31 giocatori che andrà a consolidarsi sia per queste partite che per il futuro, dall’RBS 6 Nazioni 2013 alla prossima Coppa del Mondo”.

Per il campione padovano il pubblico è sempre stato il sedicesimo uomo in campo: “Per noi il pubblico è l’uomo in più, una cosa fondamentale. Io ho la fortuna di conoscere il pubblico italiano dal ’98 e devo riconoscere che è cresciuto tantissimo. È una forza azzurra che ci spinge in avanti, ci è a fianco nelle mischie e nelle ruck. È una magia che si ripete in tutti gli stadi in cui giochiamo, sia in casa che all’estero. Anche per questo novembre speriamo di avere molta gente al nostro fianco”. L’appello di Bergamasco ai tifosi è quindi: “Venite allo stadio, sarete l’uomo in più che ci aiuterà a spingere la l’ovale in meta”.

I biglietti per Italia – Australia

I biglietti possono essere acquistati tramite i consueti canali messi a disposizione dalla Federazione Italiana Rugby oppure al Fiorentina Point, in Viale Fanti 85/A a Firenze. Tutte le informazioni sull’acquisto dei biglietti sono disponibili su siti www.federugby.it e www.listicket.it

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Quattro stelle di Tolone per i Barbarians

Inizia a definirsi la squadra per la sfida all'Inghilterra XV del 2 giugno prossimo, in cui ci sarà anche l'esordio delle ragazze

item-thumbnail

E se fosse Warren Gatland il nuovo allenatore della Francia?

Il tecnico neozelandese è ambito da molte squadre fra cui anche i Bleus, che intanto pensano a O'Gara per la RWC

item-thumbnail

British & Irish Lions: la scelta del prossimo tecnico passa del Sei Nazioni, ma attenzione a Hansen

Gatland, Schmidt e Jones sono in lizza. All'orizzonte però ci potrebbe essere un clamoroso accordo col tecnico degli All Blacks

item-thumbnail

Americas Rugby Championship: l’Argentina XV fa en plein

Grande Slam per la seconda selezione argentina, che ha battuto nettamente il Cile nell'ultima giornata del torneo delle Americhe

item-thumbnail

La partita più importante nella storia del rugby olandese

Sabato si gioca la partita decisiva del Rugby Europe Trophy, seconda divisione dell'ovale europeo fuori dal Sei Nazioni