Challenge Cup: Calvisano cade in Romania, Bucarest vince 42 a 27

Inizia con un ko il fine settimana italiano di Challenge Cup: i bresciani cadono a Bucarest affondati da sei mete

 Niente da fare per i campioni d’Italia in trasferta in Romania: la selezione di Bucarest (unica ammessa nella competizione europea anche se non partecipa a un campionato) vince una partita che l’ha sempre vista in vantaggio, tranne una brevissima parentesi attorno alla mezzora del primo tempo.
Le tre mete italiane non possono nulla contro le sei dei padroni di casa.

 

Bucarest: 15 Catalin Fercu, 14 Madalin Lemnaru, 13 Csaba Gal, 12 Cristian Dinis, 11 Ionut Botezatu, 10 Andrei Filip, 9 Grigoras Diaconescu, 8 Daniel Ianus, 7 Vasile Rus, 6 Alexandru Mitu, 5 Marian Drenceanu, 4 Cristian Munteanu, 3 Horace Pungea, 2 Tura Turashvili, 1 Romulus Boar.
Riserve: 16 Andrei Radoi, 17 Gigi Militaru, 18 Vlad Badalicescu, 19 Adrian Ion, 20 Catalin Dascalu, 21 Florin Surugiu, 22 Mike Wiringi, 23 Dorin Lazar.

Calvisano: 15 Shaun Berne, 14 Alberto Bergamo, 13 Pablo Canavosio, 12 Andy Vilk, 11 Ben De Jager, 10 Paul Griffen, 9 Gullo Palazzani, 8 Samu Vunisa, 7 Gabriele Cicchinelli, 6 Giacomo Brancoli, 5 Alessio Zdrilich, 4 Jaco Erasmus, 3 Gabriele Morelli, 2 Luigi Ferraro, 1 Andrea Lovotti.
Riserve: 16 Andrea Gavazzi, 17 Luca Scarsini, 18 Marco Coletti, 19 Luca Beccaris, 20 Jacopo Salvetti, 21 Simon Picone, 22 Andrea Marcato, 23 Tommy Castello.

 

Marcatori:
Per Bucarest, mete: Rus (1), Botezatu (35), Turashvili (40), Lemnaru (40), Wiringi (40), Filip (51)
Conversioni: Filip (2), Wiringi (40, 40)
Punizioni: Filip (14, 37)

Per Calvisano, mete: Vilk (26), Griffen (40), Lovotti (40)
Conversioni: Vilk (26), Griffen (40), Lovotti (40)
Punizioni: Griffen (16, 34)

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Challenge Cup 2019/2020: il calendario di Zebre e Calvisano

Come lo scorso anno, i ducali inizieranno in Inghilterra contro Bristol. A dicembre doppio confronto con Leicester per Calvisano

23 agosto 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Challenge Cup: sorteggiati gli avversari di Zebre e Calvisano

Per le Zebre ci sono di nuovo i Bristol Bears, per Calvisano ci sono i Leicester Tigers

19 giugno 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Challenge Cup: Calvisano parteciperà alla competizione nel 2019/2020

Il club lombardo si iscriverà al torneo dopo la vittoria dello spareggio playoff in Continental Shield

11 giugno 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Challenge Cup: il Clermont batte La Rochelle 36-16 e trionfa per la terza volta

A Newcastle i jaunards sono sempre in controllo del match, soffrendo solo in parte i rochelais

10 maggio 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Champions Cup: la formazione del Leinster per la sfida ai Saracens

Tadhg Furlong taglia il traguardo dei 100 caps

10 maggio 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Challenge Cup: La Rochelle prova a essere David contro il gigante Clermont

Nella finale della coppa cadetta i pronostici sono tutti per i gialloblu, ma occhio a dare per battuta la squadra di Jono Gibbes

10 maggio 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
  1. ginomonza 20 ottobre 2012, 16:09

    ma un commento su prato?

  2. Rabbidaniel 20 ottobre 2012, 16:56

    Dopo le due vittorie su Parma l’anno scorso i Lupi rumeni sono a 3 vittorie su 3 contro le italiane. Brutta questa sconfitta. Dovrebbe farci riflettere. Se ce ne fosse ulteriore bisogno…

    • Katmandu 20 ottobre 2012, 16:58

      E allora ci sono gli 80.000 dell’olimpico………

      • ginomonza 20 ottobre 2012, 17:02

        io vado a Firenze a vedere la tua Australia.
        Oggi poteva vincere ma ha rischiato di perdere

  3. nagan90 20 ottobre 2012, 17:00

    “Il rugby rumeno ha dato una lezione al rugby italiano”…con questa frase è terminata la telecronaca della partita(ovviamente in rumeno).Io non so se Calvisano ha fatto giocare molte riserve….di sicuro ha perso contro una selezione di un campionato appena concluso(molti dei giocatori dei lupii si sono lamentati di non avere avuto tempo per riposare)….di sicuro ha perso contro una selezione che rappresenta ben 24 squadre…dimenticavo di specificare che non hanno un campionato di eccelenza da 24 squadre…ci sono proprio solo 24 squadre in tutta la Romania divise in 3 campionati.
    Passi per i Crociati dell anno scorso…erano in crisi….ma Calvisano è campione d Italia…e mi risulta che anche quest anno sia tra i favoriti.
    Comunque c è sempre il ritorno…..per poter fare peggio!!!!!

  4. crostolo 20 ottobre 2012, 17:01
  5. Emanuele 20 ottobre 2012, 20:41

    sarei curioso di vede bucarest vs zebre

  6. GCMars 20 ottobre 2012, 21:56

    Senza parole, menomale che questa era la partita “abbordabile”…

  7. Hrothepert 20 ottobre 2012, 22:22

    Per fortuna c’ era chi parlava, tra questi l'”Onnisciente” e l’ “Impiegato” del “Magliettaro”,di abbandonare il progetto franchigie per approntare un campionato nazionale di livello, mi sembra una castroneria grossa pari a quella di Brunel che dice di voler vincere il 6Ns in 4 anni!!

    • Katmandu 20 ottobre 2012, 22:54

      @hrothepert Senza fare l’avvocato del diavolo ,anche perchè non ne ha bisogno, ma io conosco abbastanza la mentalità slava (lo so i rumeni non sono propriamente slavi ….) e sono stato anche in quei posti ma quello che è diverso è la mentalità corporativa e associativa
      Traduco quì ci sono una montagna di campanili e se vengo nella tua socetà di appartenenza e ti dico ti prendo i tuoi giocatori più forti (tipo una sedicina) e dico di fare una “franchigia” a casa mia e io porto quattro giocatori tu che fai? Mi diresti col cavolo anche perchè questa è stata una storia vera di una socetà giovanile (dove giocavo io) e di una vicina di casa ma aveva “strutture migliori” 6 docce al posto di 4 per spogliatoio
      Il pres ha provato a chiedere il contrario anche perchè spostare 16 ragazzini è più complicato che far fare 30 km a 6 bocia ci è stato risposto picche
      Morale della favola noi ci siamo iscritti al campionato e in media in campo eravamo 12/13 e loro hanno saltato una giovanile quindi abbiamo troppi campanili e non siamo pronti mentalmente e culturalmente a fare questa cosa

      • Katmandu 20 ottobre 2012, 22:55

        Ps
        Cavolo mi scuso col sig Munari non volevo darle del diavolo

      • Hrothepert 20 ottobre 2012, 23:08

        Capisco ciò che intendi, ma questo lo posso giustificare per il “Popolino ignorante”, non per autorità del settore così illuminate come quelle che ho citato sopra.

        • Katmandu 20 ottobre 2012, 23:15

          Il rugby è fatto e gestito (e mi ci metto dentro anch’io) da populino ignorante che si indigna davanti alle ingiustizie ma se gli chiedi di fare qualcosa trova mille scuse per lasciare le cose come stanno non c’entra col rugby ma è possibile che i fracesi metto a ferro e fuoco parigi per un’inezia (vedi come è nata l’insurrezione della sorbonna) e noi per imagna magna dei politici in genere non facciamo praticamente niente

          • Hrothepert 20 ottobre 2012, 23:34

            Allora il rugby italiano si merita queste figure e questa, per chi non se ne fosse accorto, è la stessa politica, contraria come indirizzo ma identica nei risultati, di quelii per cui l’importante è portare 80000 persone a vedere l’ haka!!

Lascia un commento