Verona, una città Tant’Ovale

Il resoconto del torneo organizzato dal CUS Verona domenica scorsa in memoria di Renzo Leso

Bellissima giornata al Gavagnin per la quarta edizione del torneo Tant’Ovale: buon gioco collettivo e tanto divertimento per un torneo diventato un appuntamento fisso di gran qualità. Il Rugby Valsugana ha trionfato in tutte e due le categorie battendo la Benetton e si è aggiudicato il Trofeo Renzo Leso, intitolato al mitico pilone cussino degli anni Ottanta e appassionato educatore di minirugby, recentemente scomparso.  Le due formazioni del CUS Verona Rugby si sono piazzate al terzo posto in entrambe le categorie, risultato lusinghiero visti qualità e prestigio delle squadre partecipanti.

Queste la classifica finale, identica per entrambe le categorie Under 13 e Under 14:

1)Valsugana
2) Benetton
3) CUS Verona Rugby
4) Monti Rovigo
5) Vicenza
6) Villorba

Questi i risultati delle formazioni verdeblù:

Categoria Under 13
CUS Verona – Benetton:1-2
CUS Verona-Villorba: 1-0
CUS Verona – Monti Rovigo: 2-1

Categoria Under 14
CUS Verona – Valsugana: 0-4
CUS Verona-Villorba: 4-0
CUS Verona – Monti Rovigo: 5-0

“La giornata è stata fantastica – commenta Loris Renica, responsabile del settore giovanile del CUS Verona Rugby – e i giocatori sono stati encomiabili sotto l’aspetto del gioco, dandosi battaglia in ogni partita. Il livello tecnico delle squadre è stato molto buono, soprattutto considerando che per molte si trattava della prima uscita stagionale. Valsugana ha fatto la voce grossa, ha vinto entrambe le categorie e anche il premio come miglior società, dopo tre anni di predominio Benetton. Le partite sono state di alto livello, bene gli arbitri che a livello educativo continuavano a parlare ai giocatori per spiegare le regole e le decisioni prese.

La filosofia del torneo, inventato da Marco Rangone, è quella di agevolare i ragazzi delle Under 13 che escono dal Minirugby e si ritrovano a dover confrontarsi con i primi contatti e situazioni di gioco del rugby Juniores”.

Non manca il ricordo di Renzo Leso. “Il suo ricordo è ancora molto vivo in tutti i dirigenti, giocatori e tifosi del CUS Verona Rugby – conclude Renica -. Lui è stato un giocatore e una persona che ha dedicato una vita al rugby, da giocatore prima e da allenatore poi. Iniziative come queste sono il minimo che possiamo fare per ricordare tutto quello che ha fatto. Renzo Leso era un pilone che ha giocato negli anni Ottanta e inizio anni Novanta. Era uno che in mischia si sentiva eccome, per la sua mole e prestanza fisica. Inoltre aveva un modo di interpretare il rugby goliardico, impostato sui valori dell’amicizia e della lealtà. Principi e valori che ha trasferito ai giovani quando ha cominciato la carriera di allenatore”.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Una giovane atleta della Partenope Rugby scelta come mascotte di Land Rover Italia alla RWC 2015

Giusy Ambrosio il prossimo 4 ottobre volerà a Londra per assistere a Italia-Irlanda

6 Luglio 2015 Club
item-thumbnail

A scuola di rugby e di valori con un maestro d’eccezione: Diego Dominguez

Concluso il Gruppo Mediobanca Rugby Camp, lunedì inizia il Diego Dominguez Rugby Camp

4 Luglio 2015 Club
item-thumbnail

Land Rover Cup: Domenica 21 a Roma seconda tappa del torneo Under 12

Dopo il successo di Padova nuovo appuntamento sul campo della Capitolina

16 Giugno 2015 Club
item-thumbnail

ASD Rugby Sambuceto 2008 cerca tecnici per la stagione 2015/2016

La società abruzzese attende candidature

28 Maggio 2015 Club
item-thumbnail

Land Rover Cup: domenica a Padova in campo le under-12 venete

Si replica domenica 21 giugno a Roma alla Capitolina

27 Maggio 2015 Club
item-thumbnail

Torneo old Maledetti Toscani: scendono in campo agonismo e goliardia

Appuntamento sabato 16 allo stadio Chersoni di Iolo

12 Maggio 2015 Club