Dan Carter e la Francia, è di nuovo flirt. Questa volta si andrà oltre?

Una intervista a Midi Olympique, alcune dichiarazioni che lasciano aperta la porta. E il circo riparte

Se ne parla ciclicamente, ma alla fine non succede mai nulla. Magari sarà così anche questa volta, o forse il futuro ci riserverà sorprese. vedremo. Intanto però bisogna registrare le parole che Dan Carter ha rilasciato a Midi Olympique: “Io di nuovo in Francia? Perché no, è la mia seconda casa. Il mio contratto scade nel 215, ma ci sono anche clausole liberatorie”. Difficile capire le reali intenzioni del giocatore: lasciare la Nuova Zelanda prima del 2015 potrebbe precludere all’apertura il Mondiale inglese proprio del 2015. Certo potrebbe approfittare di una finestra di qualche mese e venire nel Vecchio Mondo per il breve periodo che intercorre tra il tardo autunno e la primavera.
C’è però probabilmente un problema in più: Carter è un simbolo All Blacks, paradossalmente a lui non verrà mai concessa la libertà di movimento che invece si è preso – ad esempio – Sonny Bill Williams.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Quattro stelle di Tolone per i Barbarians

Inizia a definirsi la squadra per la sfida all'Inghilterra XV del 2 giugno prossimo, in cui ci sarà anche l'esordio delle ragazze

item-thumbnail

E se fosse Warren Gatland il nuovo allenatore della Francia?

Il tecnico neozelandese è ambito da molte squadre fra cui anche i Bleus, che intanto pensano a O'Gara per la RWC

item-thumbnail

British & Irish Lions: la scelta del prossimo tecnico passa del Sei Nazioni, ma attenzione a Hansen

Gatland, Schmidt e Jones sono in lizza. All'orizzonte però ci potrebbe essere un clamoroso accordo col tecnico degli All Blacks

item-thumbnail

Americas Rugby Championship: l’Argentina XV fa en plein

Grande Slam per la seconda selezione argentina, che ha battuto nettamente il Cile nell'ultima giornata del torneo delle Americhe

item-thumbnail

La partita più importante nella storia del rugby olandese

Sabato si gioca la partita decisiva del Rugby Europe Trophy, seconda divisione dell'ovale europeo fuori dal Sei Nazioni