Il rugby, Bologna, il calcio e un’occasione da ripensare per placcare il terremoto

Il 24 novembre l’Italia affronterà l’Australia a Firenze, ma la sede designata era Bologna. E le polemiche non si placano

Paolo Mulazzi per Qui Modena torna sulla vicenda che ha portato al “no” di Bologna per il test-match di novembre contro l’Australia. E alle sue conseguenze.

Dici Emilia-Romagna e dici una delle regioni più importanti a livello rugbystico, sia come numero di praticanti che a livello di storia. Quella storia che racconta di Bologna come
una delle culle del rugby italiano: era il 1928. Se dici Emilia-Romagna, la storia di oggi fa venire in mente, per prima cosa, il sisma del maggio scorso. Il rugby, nella figura della Fir e del suo presidente emiliano, il parmigiano Giancarlo Dondi, si mobilitò subito stanziando 50.000 euro e istituendo altresì un conto corrente dedicato presso lo sponsor azzurro Cariparma per chiunque volesse contribuire. E qui entra in gioco di nuovo Bologna. Prima che si verificasse la tragedia, la Fir aveva designato lo stadio Dall’Ara quale sede del Cariparma test match tra Italia ed Australia del 24 novembre. E qualora chi di dovere avesse dato conferma per il Dall’Ara, la Fir avrebbe provveduto a versare una quota dell’incasso a favore dei terremotati. Ma come spesso capita sul suolo italico, la palla tonda si mette di traverso ed il Bologna football club disse no con la solita scusa: si rovina il campo.
(…)col trasferimento del test match da Bologna a Firenze, si è persa per strada la quota sull’incasso da devolvere.
Bologna sarebbe stata strategica: gli azzurri si sarebbero allenati in quel territorio martoriato dalla forza della natura con tutto quello che ne poteva conseguire a livello di sensibilizzazione e di ‘spot light’. Era un’occasione non solo per intervenire con un altro bonus economico ma di contatto con quel mondo sempre preso a modello per valori, principi, forza, coraggio, indomita perseveranza.
Cancellata(si) Bologna, cancellato tutto. Così è, se vi pare.
Giancarlo Dondi terminerà a giorni ed in modo definitivo la sua lunga parentesi da presidente federale per cui la domanda che gli abbiamo posto sarebbe da riformulare al suo successore ovvero se vi può essere la possibilità, se non di un’amichevole, di un’iniziativa che coinvolga in qualche modo la nazionale che possa ridare un po’ di ‘sostegno’ a quelle popolazioni che ancora vivono in disagio. «Purtroppo durante il mese dei test-match non sarà possibile fare allenamenti in zona per ovvi motivi ma non vogliamo nemmeno fare una semplice passerella. Bologna sarebbe caduta a fagiolo», commenta Dondi. «Si può pensare a quei giocatori che non sono considerati per i test, tipo per infortunio. In ogni caso per iniziative o se si può essere utili per sensibilizzare ulteriormente credo non ci saranno problemi». Ai posteri, o meglio al suo postero, l’ardua sentenza.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

L’Italia verso il Sei Nazioni, parla Bortolami: “La mancanza di leader è un problema, ma anche un’opportunità”

Le parole dell'ex seconda linea azzurra e una domanda che si ripresenta: chi sarà il capitano della squadra di Franco Smith?

14 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: i convocati dell’Italia

Franco Smith ha selezionato 35 atleti. Tornano Alberto Sgarbi e Pietro Ceccarelli. Tanti ragazzi giovani in prima linea

13 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

L’addio internazionale di Sergio Parisse sta interessando tutta Ovalia

Il primo dei tanti tributi che riceverà in questi mesi il giocatore simbolo di un'epoca in azzurro

8 Gennaio 2020 Foto e video
item-thumbnail

La lunga risalita di Tommaso Castello

Il centro delle Zebre ci ha parlato del recupero dal suo infortunio, analizzando anche il momento di Zebre e Nazionale

7 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: un 13 per gli Azzurri

Con Michele Campagnaro fuori dai giochi, diamo un'occhiata alle alternative sul tavolo di Franco Smith

7 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sergio Parisse, Sei Nazioni 2020: “Voglio chiudere all’Olimpico. Non sarò più capitano”

Il numero 8 non giocherà tutto il torneo, mentre nel futuro si vede con un ruolo da allenatore

6 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale