Summer Nations Series: Argentina-Francia 13-28, Bleus dominanti a Mendoza

Gli uomini di Galthiè si aggiudicano il primo atto della serie con i Pumas

Summer Nations Series: Argentina-Francia 13-28, Bleus dominanti a Mendoza (Ph. Sebastiano Pessina)

A Mendoza si è da poco concluso il primo atto della serie fra Argentina e Francia, valido per il programma delle Summer Series 2024. Ecco come sono andate le cose fra i Pumas di Felipe Contepomi e i Bleus di Fabien Galthiè, nel match terminato con il punteggio di 13-28 con una Francia sperimentale che ha preso il largo nei secondi ’40 ed è stata nettamente dominate in mischia.

Leggi anche, Summer Nations Series: a Pretoria il Sudafrica supera l’Irlanda 27-20

Summer Nations Series: Argentina-Francia, la cronaca

La partita si apre con una fase iniziale di venti minuti fatta di gioco al piede, spostamenti tattici e tanti errori alla mano da entrambe le parti. Poi la partita vive una fase di botta e risposta fatto di due penalità piazzabili: Hastoy e Santiago Carreras non sbagliano dalla piazzola mettendo a referto i punti del 3-3.

Il match, fatta eccezione per un salvataggio di Frisch su Delguy, torna a rallentare il proprio ritmo. A meno di cinque minuti dall’intervallo, Serin si accende: nella metà campo offensiva, il capitano della Francia si auto-innesca con un calcetto che supera la linea difensiva e poi con un ulteriore controllo di piede elude la sorveglianza delle ultime guardie per arrivare a schiacciare l’ovale. E’ meta: Hastoy converte. Si va sul 3-10, che è anche il risultato con cui Argentina e Francia si dirigono verso gli spogliatoi per l’intervallo.

La ripresa viene inaugurata da un tentativo di meta di Colombe: il pilone transalpino avanza in progressione, ma sul più bello non riesce ad arrivare a schiacciare il pallone finendo corto, come rivelato da un’analisi fra l’arbitro e il TMO. E’ il prologo a quanto succede cinque minuti dopo: mischia per gli ospiti appena fuori dai ventidue, avanzamento, gestione dell’ovale, serie di offload e poi passaggio per l’accorrente Frisch che fa suo l’ovale, tiene botta e accelera per andare a marcare pesante. Altra meta e altra conversione. Al 46: Argentina-Francia 3-17.

I Pumas ricorrono immediatamente ai primi cambi dalla panchina per provare a rimescolare le carte: la Francia capisce il momento e per non perdere freschezza, qualche giro di lancette dopo, fa altrettanto. L’Argentina prova a scuotersi, ma non riesce a mettere velocità nei propri ingranaggi e allora la Francia ne approfitta ancora per prendersi una punizione piazzabile: Hastoy non sbaglia, per il 3-20.

Si arriva all’ora di gioco. I padroni di casa sfruttano abilmente una rimessa in attacco con Montoya che insieme a un compagno combina una “furba” per mettersi in moto, superare l’ultima guardia di Etien e andare a schiacciare alla bandierina. Arriva la meta degli uomini di Contepomi, con Albornoz che però non converte. Lo score si sistema sull’8-20.

Le squadre si “avvicinano” nel punteggio, ma per pochissimo, perché al 66′ Attissogbé riesce ad impossessarsi dell’ovale in attacco e a diventare elusivo seminando mezza difesa dell’Argentina prima di andare a marcare una meta incredibile. Non arrivano i punti addizionali dalla piazzola. Si va sull’8-25.

E’ la realizzazione che di fatto pone fine al match. Nel finale lo score si muove ancora, per effetto di un piazzato di Jaminet e di una meta rocambolesca messa a segno dal subentrato Orlando. Arriva la fine del match: Argentina-Francia 13-28, fra una settimana la rivincita.

Summer Nations Series: Argentina-Francia, il tabellino

Argentina: 15 Martin Bogado, 14 Bautista Delguy, 13 Matias Moroni, 12 Jeronimo de la Fuente, 11 Mateo Carreras, 10 Santiago Carreras, 9 Gonzalo Bertranou, 8 Joaquin Oviedo, 7 Marcos Kremer, 6 Pablo Matera, 5 Lucas Paulos, 4 Matias Alemanno, 3 Eduardo Bello, 2 Julian Montoya (c), 1 Thomas Gallo
A disposizione: 16 Ignacio Ruiz, 17 Mayco Vivas, 18 Lucio Sordoni, 19 Franco Molina, 20 Bautista Pedemonte, 21 Lautaro Bazan Velez, 22 Tomas Albornoz, 23 Matias Orlando

Marcatori Argentina
Mete: Julian Montoya (61′), Matias Orlando (77′)
Conversioni:
Punizioni: Santiago Carreras (26′)

Francia: 15 Léo Barré, 14 Théo Attissogbé, 13 Émilien Gailleton, 12 Antoine Frisch, 11 Lester Etien, 10 Antoine Hastoy, 9 Baptiste Serin (c), 8 Jordan Joseph, 7 Oscar Jegou, 6 Judicael Cancoriet, 5 Baptiste Pesenti, 4 Hugo Auradou, 3 Georgs-Henri Colombe, 2 Gaetan Barlot, 1 Jean-Baptiste Gros
A disposizione: 16 Teddy Baubigny, 17 Sebastián Taofifenua, 18 Demba Bamba, 19 Posolo Tuilagi, 20 Mikael Guillard, 21 Lenni Nouchi, 22 Baptiste Couilloud, 23 Melvyn Jaminet

Marcatori Francia
Mete: Baptiste Serin (36′), Antoine Frisch (46′), Théo Attissogbé (66′)
Conversioni: Antoine Hastoy (37′, 46′)
Punizioni: Antoine Hastoy (23′, 55′), Melvyn Jaminet (76′)

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Ben 3 italiani nel XV della settimana di Planet Rugby

La prestazione degli Azzurri ha avuto importanti riscontri anche all'estero: altri 3 Azzurri, inoltre, sono stati citati pur non essendo inseriti in f...

item-thumbnail

A Chicago sarà ancora All Blacks-Irlanda: la rivincita del 2016

Al Soldier Field dovrebbe andare in scena il remake della storica vittoria degli Irish sui Tuttineri

item-thumbnail

Eddie Jones fa i complimenti all’Italia e chiede tempo per il suo Giappone

Il tecnico elogia Lamaro e compagni "rimandando" i suoi giocatori alle prossime sfide internazionali

item-thumbnail

Summer Series: l’estate della Scozia prosegue in scioltezza, Cile battuto 11-52

La squadra di Gregor Townsend ci mette 30' per iniziare a ingranare, ma poi non si ferma più

item-thumbnail

Italia, come sta Paolo Garbisi?

Il mediano di apertura azzurro è uscito al 67', durante il test match col Giappone, per un forte impatto alla testa contro l'anca di un avversario. Ag...

item-thumbnail

L’Italia chiude le Summer Series nel modo migliore, bel successo sul Giappone di Eddie Jones

Azzurri che partono e chiudono forte con un netto 14-42, soltanto un po' troppa indisciplina ha tenuto a galla i nipponici a cavallo dell'intervallo