Lettera a un figlio: “Tu oggi mi hai insegnato come si vive una sconfitta”

Il papà di un giocatore della Rugby Experience L’Aquila scrive un profondo messaggio dopo la sconfitta nella finale scudetto U18

ph. L’Aquila Rugby

Lo scorso sabato a Calvisano è andata in scena la finale del Campionato Italiano Under 18 tra Benetton Rugby e Rugby Experience L’Aquila.

La formazione giovanile aquilana, reduce da una grande stagione fatta di 23 successi e un pareggio in 24 partite, era stata accompagnata nella trasferta da 400 tra parenti e tifosi entusiasti e giustamente orgogliosi per aver conquistato una finale che mancava da tanti anni in un territorio che rappresenta qualcosa di davvero importante e speciale per il rugby italiano.

Al termine degli 80 minuti però la vittoria e il titolo di Campione d’Italia è andato alla Benetton Rugby che ha superato i pari età abruzzesi per 28-17.

Leggi anche, Campionato U18: la Benetton batte Rugby Experience L’Aquila 28-17 ed è campione d’Italia

Il papà di uno dei giocatori della formazione abruzzese ci ha tenuto a far sapere al figlio quanto fosse orgoglioso di lui, del percorso fatto e di come, nonostante la sconfitta, abbia tenuto un atteggiamento eccezionale di fronte a una delusione. Una lettera piena di sentimento, di sincerità e di amore che non potevamo non pubblicare.

La lettera di un padre al figlio dopo la sconfitta nella finale del Campionato Under 18

“Ciao…, non è facile per me scriverti queste parole, ma sento nel cuore una necessità impellente di farlo perché tu possa riflettere su quanto hai vissuto e su quanto abbiamo vissuto anche noi, dal di fuori. Non è semplice il percorso che hai fatto, non è stato semplice arrivare al culmine di quanto il rugby a livello giovanile possa esprimere. Lo hai fatto con le caratteristiche che ti contraddistinguono. Lo hai fatto con la generosità, con il coraggio e con il cuore. Lo hai fatto pensando a chi non c’era più; forse lo avrai fatto anche per tutti i tuoi compagni che hai perso durante il percorso, lo avrai fatto anche per chi ti ha supportato dagli spalti. Così come chi è venuto a vederti ha sopportato un viaggio lungo, duro e a tratti assurdo”.

“Hai imparato tanto, ne sono sicuro. Hai imparato cosa significhi giocare sotto pressione, hai imparato cosa significhi stare nell’occhio del ciclone, hai imparato l’onta di un errore, hai conosciuto la durezza di avversari leali, di tutti gli avversari leali che hai incontrato fino a questo momento. Forse nelle più belle favole c’era scritto che avresti dovuto sollevare la coppa grande, non quella piccola. Ma forse era scritto anche nelle storie dei ragazzi delle Fiamme Oro, o in quelle dei ragazzi di Rovigo, o di quelle dei ragazzi di Verona, o di Padova, o di Livorno, o di Firenze. Anche loro, ne sono sicuro, hanno lottato come te su ogni pallone, non hanno indietreggiato mai davanti ai propri avversari. E allora oggi te ne andrai con un bagaglio in più. Forse le tue notti saranno popolate dei fantasmi della partita; forse ti ripeterai quanto tu sia stato sciocco a fare quella scelta, che avresti potuto fare un’altra cosa: un passaggio più preciso, un calcio più lungo, un placcaggio più duro. Forse ti ripeterai che in quell’ultima touche avresti dovuto saltare più in alto, o lanciarla meglio. Forse quel cambio di passo non era necessario, meglio calciare la palla fuori che inzuccare, forse, forse, forse…”

“A tutti capita di vivere un’intera esistenza coi propri fantasmi, perché ognuno di noi li ha. Anche chi come me di finali non ne ha giocata nessuna. Ma non serve stare su un campo per giocare, per vincere o perdere. Lo sport non è la vita, è parte della vita; è una metafora della vita. Lo sport praticato con l’impegno e con la dedizione che hai messo in campo è un paradigma della vita. Ti insegna a vivere con la frustrazione, con l’errore, con la sconfitta. Ma la cosa più importante è sentire di essere vivo. Forse non lo sai, la tua spensieratezza da adolescente con un filo di barba ti avrà preservato, ma un’intera città sapeva che avresti disputato questa partita. E si è stretta attorno a te. La partita è stata vista da quasi ventimila persone. Non ti tremavano le gambe al solo pensiero? No, tu te ne stavi lì a correre su quel campo, a fremere in panchina, ad urlare e cantare sugli spalti. Quanto importante è stato questo giorno! E adesso che farai? Me lo chiedo dal momento in cui il fischio finale ha interrotto ogni speranza. Perché la vittoria ti dilata il tempo, fai festa fino a notte fonda, poi fai festa al ritorno, poi fai festa con gli amici. E rivedi mille volte la partita. La sconfitta no, la sconfitta accorcia tutto, ingrigisce tutto e spesso rovina rapporti meravigliosi e storie importanti. Cosa avrei dato per asciugare quelle lacrime che si mescolavano col sudore”.

“Vederti così mi ha ucciso. Sentire il pianto, i singhiozzi mi uccide ancora oggi. Uccide l’orgoglio stupido di un padre o di una madre. Avrei voluto vederti saltare, gioire, ridere, ballare e fare festa. Avrei voluto schierarti io in campo, ti avrei io fatto capitano, io, io, io… E infatti tu hai ballato, hai fatto festa, hai riso. Io, stupido padre orgoglioso, non ho fatto festa, non ho riso, non ho ballato. Anzi ho recriminato, ho inveito contro questo e quello. Ho fatto la figura del padre stupido. Tu oggi mi hai insegnato come si vive una sconfitta, tu oggi mi hai insegnato cosa significhi accettare una delusione così cocente. Sei sceso dall’autobus con la medaglia al collo, con le ciabatte corte, con le ciabatte colorate, sei sceso con un volto scuro come la notte, ma anche con un sorriso meraviglioso”.

“Non lasciare che gli adulti sporchino questa tua attitudine, non lasciare che il retro-pensiero inquini la tua spensieratezza. Lascia queste cose ai grandi. Dimmi solo una cosa: adesso che farai? Io sono sicuro che quel placcaggio lo farai più duro, sono sicuro che quella finta sarà più rapida, sono sicuro che quella presa al volo più coraggiosa. Sono sicuro che imparerai a non piangere più per una sconfitta, per la frustrazione di aver giocato poco o per niente. Sono sicuro che ci saranno momenti migliori di questo, ma dai quali non imparerai nulla. Oggi hai fatto vedere il tuo lato fragile, domani verrà fuori quello vero, quello che fa di te uno che arriva in finale. Quello per il quale è stato suonato l’Inno nazionale. Tutti in piedi e mano sul cuore. Con amore e riconoscenza, papà”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

World Rugby Ranking: la classifica aggiornata dopo i primi test match estivi, e l’Italia spera

Primi cambiamenti dopo le vittorie di Inghilterra e Sudafrica, e nel tour estivo gli Azzurri possono puntare a un grande traguardo

24 Giugno 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: Glasgow e La Rochelle a un passo dal podio, tonfo del Tolone

Anche il Leinster non se la passa al meglio, mentre il Benetton resta stabile nella top 20

21 Giugno 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

Zombie dei Cranberries, ma il ritornello dice: “Rassie!”

Come la canzone di protesta del gruppo rock irlandese è diventata una delle più ascoltate negli stadi della palla ovale, fino ad arrivare in Sudafrica...

18 Giugno 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: i Northampton Saints entrano nel podio, balzo in avanti dei Glasgow Warriors

Il Benetton resta stabile nella top 20 nonostante la sconfitta con i Bulls

12 Giugno 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

Il materasso di Hooper e i “sogni d’oro” olimpici

Quando una piccola cosa può aiutare a raggiungere il massimo obiettivo sportivo: le Olimpiadi

5 Giugno 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: Benetton nelle prime 20 d’Europa

Bath e Tolone entrano nelle prime dieci posizioni grazie alle importanti vittorie domenicali

4 Giugno 2024 Terzo tempo