Portogallo, le reazioni dopo il Galles: “Nel 2007 non eravamo competitivi. Ora sì, ma volevamo vincere”

Il tecnico Lagisquet: “Bello aver dato fastidio al Galles, ma non abbiamo giocato il rugby che volevamo”

Portogallo, le reazioni dopo il Galles: "Nel 2007 non eravamo competitivi. Ora sì, ma volevamo vincere"

Portogallo, le reazioni dopo il Galles: “Nel 2007 non eravamo competitivi. Ora sì, ma volevamo vincere”

La notizia della giornata di ieri è stata sicuramente la prestazione del Portogallo, che ha messo in grande difficoltà il Galles nella seconda sfida della Rugby World Cup 2023, vinta dai gallesi 28-8 raggiungendo il bonus solo a tempo scaduto: “È stato incredibile. Giocare per la prima volta davanti a 30.000 persone è qualcosa di speciale. “Non siamo un paese di rugby, quindi è davvero importante per noi dimostrare che possiamo stare ad alto livello e competere con squadre come Galles, Australia, Georgia” ha detto Nicolas Martins, terza linea del Portogallo e grande protagonista del match.

“Abbiamo mostrato un’immagine diversa rispetto al 2007. Lì non eravamo davvero competitivi, prendevamo anche 90 punti e oltre (riferimento a All Blacks-Portogallo 108-13), ora abbiamo dimostrato che questa generazione può competere a un Mondiale. È importante per il nostro futuro”.

Guarda anche: Rugby World Cup 2023: gli highlights di Samoa-Cile, Galles-Portogallo e Irlanda-Tonga

“Volevamo dimostrare che il rugby portoghese è vivo e vegeto” ha raccontato il mediano di mischia Samuel Marques: “C’è anche frustrazione, perché avremmo potuto fare ancora meglio. Siamo stati in partita fino al 60′ ma abbiamo preso due mete nei finali del primo e del secondo tempo, lì abbiamo fatto male. Sulla prestazione personale: “Ho preso una botta la settimana scorsa. Mi avevano detto che sarebbe stato complicato giocare, ma quando ti dicono che sei a un Mondiale ti mordi il labbro e giochi come puoi. Mi dispiace per i calci, non sono abituato a sbagliarne così tanti”.

Leggi anche: Rugby World Cup 2023: Galles, che fatica! Bonus solo a tempo scaduto: Portogallo battuto 28-8

Tra i protagonisti del match c’è stato anche Nuno Guedes, estremo sempre pericoloso in attacco: “Volevamo davvero vincere questa partita. Abbiamo lavorato davvero duro per questo. Abbiamo perso in molte aree del gioco, non abbiamo avuto una mischia solida e abbiamo commesso degli errori nella difesa, e a questo livello non possiamo permettercelo. Non siamo qui per fare solo una presenza, siamo qui per competere e vincere. Abbiamo lasciato che le emozioni prendessero il sopravvento: quando giochi a questo livello devi essere freddo, e quando non lo siamo stati abbiamo preso decisioni sbagliate”

Soddisfatto, ma contrariato per gli errori, anche il tecnico Patrice Lagisquet: “Per una Nazione come il Portogallo dire di aver dato fastidio al Galles è una cosa bella, ma sono frustrato perché abbiamo fatto dei regali e non abbiamo giocato a rugby come siamo abituati. Nel secondo tempo abbiamo mostrato carattere ma ci è mancata un po’ di fortuna”.

“Orgoglio? Tanto, ma sapevo che questi ragazzi non avrebbero deluso. Non sono sorpreso di aver finito così vicino al Galles, anzi, speravo di arrivarci ancora più vicino. Se Samuel (Marques, ndr) non avesse avuto quel problema al polpaccio forse sarebbe andata diversamente” ha proseguito il tecnico: “Abbiamo mancato tante occasioni, ci è mancata l’esperienza a questo livello. Dobbiamo avere pazienza”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Francia: Antoine Dupont, si teme una frattura al volto

Fabien Galthié ha confermato in conferenza stampa che il giocatore è andato in ospedale per sottoporsi ad accertamenti. Novità attese nella giornata d...

22 Settembre 2023 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: la Francia travolge la Namibia. A Marsiglia è show dei Bleus, finisce 96-0

Primo tempo totalmente dilagante dei padroni di casa. Dupont esce per un colpo al volto, esami in ospedale per una possibile frattura

21 Settembre 2023 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023, la formazione dell’Irlanda per la sfida al Sudafrica

Un solo cambio nei XV per coach Andy Farrell che in panchina opta per il 5 + 3

21 Settembre 2023 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023, le formazioni di Georgia-Portogallo

Due squadre in cerca della prima vittoria

21 Settembre 2023 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: l’Uruguay spaventa l’Italia, poi gli Azzurri dilagano 38 a 17

A Nizza la squadra di Crowley soffre nel primo tempo, va sotto di 10 punti e ribalta il match nella ripresa. Arriva anche il punto di bonus offensivo

20 Settembre 2023 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023