Alessandro Troncon sprona l’Italia: “Passare ai quarti deve essere un obiettivo”

Per l’allenatore dei trequarti del Benetton, l’innalzamento dell’asticella deve essere un punto fermo della nazionale

Alessandro Troncon compie 50 anni. L’attuale allenatore dei trequarti del Benetton si appresta a vivere una stagione intensa con la sua squadra, guardando con curiosità e fiducia anche a ciò che accade fuori, in primis al mondiale francese.

Per lui, 101 caps con l’Italia e 4 RWC nel curriculum, si tratta sempre di un momento speciale. Inoltre, la possibilità di lavorare costantemente sul campo con tanti Azzurri gli consente di avere una visione d’insieme sullo stato di salute della nazionale.

A pochi giorni dall’esordio con la Namibia, Troncon è stato intervistato dal Corriere del Veneto, con cui ha approfondito i temi della kermesse francese in partenza venerdì 8 settembre.

Molti spunti di interesse, tra cui la grande pattuglia del Benetton che si presenta ai nastri di partenza con 19 atleti coinvolti tra Italia, Argentina e Tonga.

Leggi anche Il nuovo palinsesto di Sky Sport: c’è anche lo United Rugby Championship

Alessandro Troncon sprona l’Italia: “Passare ai quarti deve essere un obiettivo”

«Arriviamo bene al Mondiale. Confidenti, preparati, tonici. A Monigo contro il Giappone abbiamo giocato un bel test match, i segnali e le risposte sono state tutte positive» esordisce l’ex mediano Azzurro, che poi aggiunge «le prime due partite sono alla portata ma non da sottovalutare. Sono quelle per noi fondamentali. Arrivare a trovare Francia e All Blacks con due vittorie sarà di vitale importanza, poi si vedrà».

Le auspicate due vittorie con gli avversari più abbordabili però non sono sufficienti per passare il turno, servirebbe almeno un’impresa con Nuova Zelanda o Francia.

«Devi assolutamente pensare che sia nelle tue corde, deve essere un obiettivo. Il passaggio ai quarti, alla seconda fase del torneo, deve essere un punto fermo per gli Azzurri. E comunque, senza obiettivi, a un Mondiale di rugby non puoi proprio andarci».

La nazionale a trazione Benetton

«Ho visto tutti carichi e motivati come deve essere – ha spiegato Alessandro Troncon a proposito della folta delagazione biancoverde in nazionale – Mi sembra che stiamo prendendo piacere nel giocare, nel fare bene le cose,insomma ci crediamo davvero. Non sarà semplice, a questi livelli qui non esistono avversari facili. Ma la testa giusta c’è».

Interpellato poi su quale può essere il valore aggiunto dell’Italia, il coach dei biancoverdi ha risposto: «Il fatto di avere un gruppo dove per la maggior parte i giocatori arrivano da due franchigie, cioè Benetton e Zebre. Si conoscono, hanno confidenza nel gioco, hanno una serie di automatismi efficaci. Un aspetto che invece ad altri, penso ad esempio alla Francia, manca. E i risultati e le prestazioni del Benetton in Europa, penso alla semifinale di Challenge Cup, servono moltissimo alla Nazionale. E serve moltissimo avere anche le Zebre in Urc».

Infine una considerazione ottimista sul prossimo futuro, auspicata per il bene dell’intero movimento italiano.

«Secondo me non ci manca niente. Abbiamo fatti passi da gigante negli ultimi anni, solo che li hanno fatti anche gli altri. E spesso ci confrontiamo con realtà rugbistiche più evolute di noi, almeno dal punto di vista “culturale”. Sono sempre fiducioso basandomi su quello che ho visto e capito. Francia e Nuova Zelanda restano evidentemente due partite durissime in tuttoma l’Italia del basket ha battuto la Serbia. Perché non dovrei crederci?»

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

URC Awards: il Benetton Rugby è il club più innovativo della stagione 2023/24

Il club biancoverde è stato premiato per gli ottimi risultati raggiunti fuori dal campo

item-thumbnail

Marco Bortolami racconta i rapporti con Quesada, il mercato del Benetton e la difficoltà di “tagliare” i giocatori

Il tecnico dei biancoverdi nella seconda parte dell'intervista rilasciata a OnRugby: "Lasciar andare via o tagliare dei ragazzi che stimi è dolorissim...

item-thumbnail

Bortolami: “Benetton, stagione da 8. Il successo più bello è la crescita di Izekor, Spagnolo, Marin e gli altri”

Nella prima parte della lunga intervista rilasciata a OnRugby il tecnico traccia un bilancio della stagione: "I Bulls ci hanno fatto i complimenti. La...

item-thumbnail

Benetton, Pavanello: “Miglior torneo celtico di sempre. I Bulls? Ho più rimpianti per Gloucester”

Il direttore generale dei biancoverdi: "A Pretoria la squadra ha dato tutto. Il mercato? Un altro paio di arrivi e saremo a posto"

item-thumbnail

URC: Alessandro Izekor conquista un prestigioso premio individuale

Il flanker del Benetton Rugby e della Nazionale si è messo in luce accumulando percentuali difensive rilevanti

item-thumbnail

URC: il Benetton sfiora l’impresa. A Pretoria vincono i Bulls 30-23

Non basta un secondo tempo positivo per entrare in semifinale. Per Treviso in meta Ratave, Albornoz e Fekitoa