Dan Biggar: “Il Galles può essere la sorpresa del mondiale”

Il mediano di apertura del Tolone e dei Dragoni è fiducioso nonostante l’anno negativo del Galles

Galles v Australia

Dan Biggar con il Galles ph. Sebastiano Pessina

L’ultimo anno di rugby è stato abbastanza avaro di soddisfazioni per il Galles. Se si escludono una bella affermazione in Sudafrica a luglio 2022 e le vittorie con l’Argentina a novembre e l’Italia a marzo, emergono più aspetti negativi che positivi.

Il ritorno di Warren Gatland ha parzialmente riportato ordine in una squadra attanagliata dal caos organizzativo e finanziario della federazione, costringendo lo staff tecnico ad operare in un quadro di incertezza generale.

Il coach neozelandese nel frattempo ha allargato il ventaglio di opzioni a sua disposizione, così da arrivare all’appuntamento mondiale con un numero congruo di giocatori pronti alla ribalta internazionale.

Fra questi c’è anche l’eterno Dan Biggar, uno dei leader principali della squadra che sembra aver trovato nuova linfa vitale a Tolone. Intervistato dal Podcast BBC Scrum, il mediano di apertura con più caps nella storia del Galles ha parlato delle prospettive gallesi in vista della rassegna iridata.

Dan Biggar: “Il Galles può essere la sorpresa del mondiale”

“Siamo in un girone duro e siamo consapevoli che saremo presi di mira, ma vogliamo entrare nella competizione e riservare qualche sorpresa”, ha dichiarato Biggar riferendosi alla pool che li vede coinvolti con Australia, Fiji, Portogallo e Georgia.

Il carico di aspettative sui Dragoni è decisamente diverso rispetto a quello del 2019, quando Alun Wyn Jones e compagni arrivarano in Giappone dopo essere stati anche al primo posto del ranking mondiale.

Oggi le cose sono cambiate, la squadra è alla ricerca di una nuova identità e molti giocatori si apprestano a concludere definitivamente la carriera. Tutti aspetti che possono diventere delle criticità, ma anche delle opportunità.

“Nessuno parlerà di noi per la Coppa del Mondo, quindi possiamo uscire dal paese e allontanarci dalla pentola a pressione del Galles, lavorare sodo e provare a costruire qualche sorpresa fra settembre e ottobre”, ha poi proseguito Biggar che ha spiegato nel dettaglio cosa li aspetterà.

“Probabilmente non ci piace avere quel tipo di aspettativa su di noi. È strano perché anche noi siamo un nazione che nel rugby ha avuto successo. Oggi siamo diversi se paragonati a quattro anni fa e infatti abbiamo scelto una squadra di 54 giocatori rispetto ai 42 dell’ultima volta. Sono tranquillamente fiducioso che se lavoreremo a testa bassa e passeremo molto tempo insieme, miglioreremo costantemente.”

La chiave per una campagna mondiale di qualità potrebbe essere proprio l’esperienza di Warren Gatland che nelle 3 edizioni passate alla guida del Galles è sempre riuscito a portare i suoi a competere al meglio, ottenendo due semifinali nel 2019 e nel 2011 e sfiorando i primi quattro posti nel 2015, fermato per un soffio nei quarti di finale dal Sudafrica.

“Ecco perché abbiamo sempre fatto abbastanza bene alle Coppe del Mondo perché abbiamo lavorato insieme quasi come si fa in una pre-season di club. Gats ha promesso che ci saranno alcune settimane piuttosto estenuanti in Svizzera e Turchia e con il suo lavoro ci ha messo in buona posizione nelle ultime due Coppe del Mondo”.

Il futuro dopo la RWC

Biggar ha spesso accennato che France 2023 potrebbe essere il suo ultimo coinvolgimento internazionale, anche se il fuoco della competizione non sembra essere del tutto sopito. “Non lo so, vedremo cosa succederà”, ha dichiarato Biggar in merito all’ipotesi del ritiro.

“Sto molto bene a Tolone, ma ciò che ti dà l’esperienza del giorno della partita, le emozioni di giocare per il Galles, sono qualcosa che non potrà mai essere replicato.”

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Sam Cane: “Sento ancora lo shock dell’espulsione nella finale del Mondiale”

Per l'ex capitano degli All Blacks quell'episodio resterà un incubo a vita, come raccontato nella serie "All Blacks In Their Own Words"

5 Giugno 2024 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

La Rugby World Cup 2023 è stato l’evento di rugby più visto di sempre

I dati sui mercati emergenti confermano un trend positivo anche in Italia

30 Gennaio 2024 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Dan Biggar: “Fuggo a Dubai per stare lontano dal rugby. La sconfitta con l’Argentina? Scioccante”

Il mediano d'apertura gallese: "Non voglio saperne per un po'. Speravo che la mia carriera finisse in modo diverso"

4 Gennaio 2024 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Scozia, Finn Russell: “La delusione della Rugby World Cup è ancora tutta lì”

Il mediano di apertura ha confidato in una lunga intervista la sua frustrazione per l'avventura iridata e i suoi pensieri sul futuro

16 Dicembre 2023 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

RWC, Damian Willemse: “Perché ho chiamato una mischia da quel mark”

L'estremo campione del mondo torna su uno dei momenti chiave del mondiale, nel match contro la Francia

14 Dicembre 2023 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Richie McCaw: “La finale del Mondiale? Persa così fa ancora più male…”

La leggenda degli All Blacks dice la sua sulla Rugby World Cup 2023

27 Novembre 2023 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023