Il XV migliore della storia del Sei Nazioni secondo ChatGPT. Compare anche un italiano

L’intelligenza artificiale ha risposto alla domanda sulla formazione ideale del torneo europeo più iconico

ChatGPT si è espressa sul XV migliore della storia del Sei Nazioni. Compare anche un italiano

Chat GPT, un’intelligenza artificiale in grado di compiere molte azioni, tra le quali rispondere alle più svariate domande poste dagli utenti, si è sbilanciata su uno degli interrogativi più comuni tra gli appassionati di rugby. La domanda, tanto semplice da formulare quanto quasi impossibile da replicare, è: ‘qual è il XV ideale nella storia del Sei Nazioni?’. Ebbene, il sito ChatGPT ha provato a dare la stellare formazioni che potrebbe essere sicuramente una valida risposta, visto i nomi delle leggende che compaiono.

Nella formazione è da sottolineare una prevalenza irlandese, con ben cinque giocatori della nazionale del trifoglio; secondo per rappresentatività il Galles, che schiera 4 leggende in maglia rossa. Dal XV della Rosa sono stati selezionati due avanti e un trequarti, mentre Francia, Italia e Scozia si vedono rappresentate da un giocatore ciascuno.

Leggi anche: World Rugby XV: date, programma e sedi del nuovo torneo femminile. Italia costretta allo spareggio

Il pacchetto degli avanti vede in prima linea il tallonatore Dylan Hartley tra Cian Healy con la maglia numero 1 e Adam Jones, il pilone destro storico del Galles. In seconda linea figurano Paul O’Connell e il capitano dell’Inghilterra campione del mondo nel 2003 Martin Johnson. A chiudere il pacchetto di mischia, in terza linea come ‘blind-side flanker’ vediamo il francese Thierry Dusautoir, mentre in veste di ‘open-side’ il gallese Sam Warburton. A rappresentare l’Italia, per la posizione di terza linea centro, l’intelligenza artificiale ha scelto Sergio Parisse, il giocatore con più caps nel torneo (69 presenze).

Nella cabina di regia di questo XV stellare, compaiono Mike Phillips numero 9, mentre il mediano di apertura è l’altro campione del mondo del 2003, autore del drop decisivo, Johnny Wilkinson. In mezzo al campo, ChatGPT si è affidata alla storica coppia di centri tutta irlandese Gordon D’Arcy-Brian O’Driscoll, mentre il triangolo allargato vede alle ali Shane Williams e Tommy Bowe. A chiudere la formazione, che prevede come allenatore niente meno che Warren Gatland, l’estremo scozzese, l’unico ancora in attività con la nazionale, Stuart Hogg.

La formazione migliore della storia del 6 Nazioni per ChatGPT

1. Cian Healy
2. Dylan Hartley
3. Adam Jones
4. Paul O’Connell
5. Martin Johnson
6. Thierry Dusautoir
7. Sam Warburton
8. Sergio Parisse
9. Mike Phillips
10. Johnny Wilkinson
11. Shane Williams
12. Gordon D’Arcy
13. Brian O’Driscoll
14. Tommy Bowe
15. Stuart Hogg
HC. Warren Gatland

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Sei Nazioni, si pensa a un cambiamento: disputare tutti gli incontri il sabato

In futuro potrebbero non esserci più partite al venerdì sera e alla domenica

10 Luglio 2024 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

L’inglese Henry Pollock eletto Miglior giocatore del Sei Nazioni U20

Il terza linea inglese è un giovane di grande prospettiva

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: Inghilterra ancora rullo compressore, l’Irlanda si rialza

Red Roses mai in difficoltà contro la Scozia malgrado un altro cartellino rosso, il Galles cade a Cork

14 Aprile 2024 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Due Azzurri nel XV ideale del Sei Nazioni 2024

Reso noto il Team of the Championship, dove l'Irlanda la fa da padrona e l'Italia ha più giocatori dell'Inghilterra