Sei Nazioni Femminile 2023, storica vittoria delle Azzurre contro l’Irlanda

L’Italia batte le irlandesi dopo 4 anni e festeggia i primi punti del Sei Nazioni 2023

Sei Nazioni femminile 2023, Italia-Irlanda, Sillari (ph Sebastiano Pessina)

Grandissima prestazione delle Azzurre allenate da Raineri che battono nettamente l’Irlanda al Lanfrachi di Parma, forti di una grande difesa e di ottime soluzioni offensive orchestrate da Stefan e Madia, come da Barattin, che hanno saputo innescare le le sontuose giocate di D’Incà, player of the match, di Rigoni e Muzzo ma anche Duca e Tounesi, granitica anche in difesa. L’Italia si regala così i primi punti in classifica, abbandonando l’ultimo posto e si affaccia con grande fiducia alle prossime giornate contro la Scozia al Dam Health Stadium e infine contro il Galles nuovamente tra le mura amiche del Lanfranchi.

La cronaca del match:

Parte bene l’Italia che si porta nella metà campo avversaria con un ottimo calcio di Stefan che guadagna metri con un 50-22 e dopo la touche le Azzurre macinano fasi. Muzzo e D’Incà fanno la differenza palla in mano. Poi l’azione sfuma al 5′ minuto per un grande tenuto evidenziato dalla difesa irlandese sui propri 5.

Altra grande occasione sprecata dalle Azzurre che al 7′ arrivano ancora sui 5 con Sillari che percuote centralmente liberata da Rigoni dopo una solida mischia chiusa. L’offload della secondo centro casca dalle mani di Madia per la mischia in favore irlandese.

C’è tensione in campo, le due squadre commettono parecchi tocchi in avanti. Gran lavoro in mischia chiusa per le avanti.

Al 13′ prima sortita offensiva delle irlandesi che, forti di un vantaggio per una entrata laterale in ruck, sviluppano fasi nei 22 italiani. La difesa delle Azzurre tiene con la solita generosità e non si concretizza il vantaggio. L’Irlanda va in rimessa laterale ma perde la touche, l’Italia respira.

Le ragazze di Raineri sembrano raccogliere qualche frutto del lavoro fatto al piede, anche per il vento favorevole, in questi primi minuti di gioco hanno messo in difficoltà le avversarie con Rigoni, Stefan e Madia.

Pasticcia un po’ l’Italia in ruck, dopo un’entrata laterale ora una buona carica di Duca viene vanificata dal sealing off di Vecchini. Al 20′ l’Irlanda torna a ridosso dei 22 delle padrone di casa al Lanfranchi.

Sillari al 22′ ruba una gran palla e Stefan libera al piede, il calcio della capitana italiana, in sostituzione di Giordano, non è buono come i primi della gara e l’Irlanda contrattacca, c’è un avanti però. La partita fatica a decollare, sono parecchi gli errori alla mano.

Grandissima meta italiana al 29′, Stefan schiaccia l’ovale dopo una spettacolare giocata al largo orchestrata dalle tre quarti Azzurre. Raddoppio di Rigoni che fissa la difesa e muove palla al largo su Muzzo che avanza alla grande, poi D’Incà brucia Behan e ricicla per Rigoni che dà a Stefan libera in meta. Sillari trasforma il calcio non facile per il 7 a 0.

Al 35′ reagiscono le giocatrici di McWilliams che evidenziano un altro tenuto italiano e si portano nei 22 offensivi. Duca non ci sta però e controbatte facendo commettere tenuto a Fryday, Groizeleau non esita a fischiare il fallo.

Ottima carica di Dalton in chiusura di primo tempo, le irlandesi attaccano sui 22 italiani spostando bene l’ovale al largo, l’Italia difende strenuamente con Tounesi ma commette un mani in ruck. Le irlandesi scelgono mischia, sfidando le Azzurre sotto ai pali sui 5 metri.

Le ball carrier irlandesi sono pesanti ma le Azzurre difendono con grande attenzione e coraggio, D’Incà placca splendidamente Behan a un metro dalla meta ma c’è un vantaggio, altra mischia chiesta dalle irlandesi.

In avanti di Moore! Grande resistenza italiana in difesa. Il primo tempo finisce così, con il pubblico del Lanfranchi esultante. Vantaggio Azzurro 7 a 0.

Sei Nazioni Femminile 2023, storica vittoria delle Azzurre contro l’Irlanda

Ricomincia alla grande l’Italia! Meta di D’Incà al 42′ dopo una serie di cariche profonde orchestrate da Madia e Stefan, alla fine è l’ala italiana a schiacciare in mezzo ai pali dopo un 3vs2 giocato alla perfezione da Duca e Tounesi. Sillari non sbaglia la trasformazione, 14 a 0.

Ha grande voglia di giocare palla in mano l’Italia, con entusiasmo. Purtroppo Rigoni cerca un riciclo di troppo e fa in avanti ma le Azzurre non sembrano fermarsi dopo la seconda marcatura pesante.

Altra spettacolare giocata italiana con Stefan che calcia a seguire per Rigoni, poi D’Incà sembra involarsi al largo ma viene presa per la maglia e costretta all’avanti, mischia irlandese nei propri 22. Siamo al 47′ minuto.

Fryday e compagne cercano la reazione al 49′ con Doyle liberata al largo ma Muzzo la porta in rimessa laterale, festeggiata dalle compagne.

Intensa fase di gioco al 52′ con le due squadre che si affrontano senza paura, le irlandesi attaccano facendo fasi su fasi e le Azzurre difendono con grande tenacia e organizzazione. Dopo diverse giocate, si sfilaccia Moore che entra lateralmente per proteggere il pallone in ruck, Groizeleau le fischia il calcio contro e l’Italia respira.

Azione goffa delle italiane che si fanno chiamare tenuto subito dopo la mischia chiusa, offrendo alle avversarie una nuova occasione di attacco nei propri 22.

L’Italia recupera palla con Fedrighi e lancia D’Incà al contrattacco, poi Madia calcia male, direttamente in rimessa laterale sprecando una buona occasione.

Altro pallone di recupero buttato dalle Azzurre, Franco passa direttamente un touche. C’è grande desiderio di giocare dalle ragazze di Raineri ma non sempre tradotto con efficacia.

Al 61′ ci pensa Rigoni a trovare la freddezza giusta per mettere un buon calcio profondo, O’Brien recupera l’ovale e fa in avanti sul placcaggio di D’Incà. l’Italia si porta nella metà campo avversaria.

Mani in ruck delle irlandesi, Groizeleau fischia fallo e Sillari indica i pali da 30 metri circa, in posizione centrale. È buono il calcio della numero 13. 17 a 0 al 64′.

Prova l’ennesima reazione l’Irlanda con un drive fatto crollare fallosamente dalle Azzurre nei propri 22, Groizeleau richiama Stefan, l’Irlanda va in touche sui 5 metri al 67′, poi Locatelli fa in avanti sul lancio, mischia irlandese. L’Italia chiamata ancora alla difesa feroce.

Meta di punizione fischiata da Groizeleau, la mischia italiana non ha retto. 17 a 7 il punteggio al 68′.

Subito dopo la meta evidenzia un tenuto a terra Locatelli, mettendo le mani sull’ovale, Rigoni va in touche e l’Italia si porta nei 22 avversari ma spreca l’occasione con una brutta gestione dell’ovale. Le irlandesi provano a risalire il campo dai loro 10 metri.

Al 73′ Nic a Bháird fa metri in avanzamento, le Azzurre non rotolano in ruck e Groizeleau fischia il calcio di punizione, l’Irlanda va in touche nei 22 italiani.

Crolla la maul impostata dalle irlandesi e la palla non esce, è turn over per la gioia della subentrata Barattin e delle sue avanti.

Dopo il calcio di Barattin le irlandesi provano a contrattaccare e fanno strada, i passaggi però non sono tutti ben portati e impastano la manovra offensiva delle ospiti al Lanfranchi, alla fine c’è un tenuto, accolto dall’ovazione del pubblico di parte italiana. Siamo al 77′.

Grandissima meta italiana! Ancora D’Incà mette il sigillo con la seconda marcatura personale al 78′, tutto nasce da una touche giocata sulla prima donna schierata e poi alla chiusa con Duca e Vecchini, dopo due raccogli e vai in velocità, Rigoni calcia al largo per D’Incà che batte tutte e schiaccia in meta. Sillari non sbaglia nemmeno questa trasformazione. 24 a 7.

Finisce qui! Vittoria dell’Italia!

Il tabellino:

Italia: 15 Beatrice Capomaggi, 14 Aura Muzzo, 13 Michela Sillari, 12 Beatrice Rigoni, 11 Alyssa D’Incà, 10 Veronica Madia, 9 Sofia Stefan ©, 8 Giada Franco, 7 Isabella Locatelli, 6 Francesca Sgorbini, 5 Giordana Duca, 4 Sara Tounesi, 3 Lucia Gai, 2 Vittoria Vecchini, 1 Gaia Maris
A disposizione: 16 Emanuela Stecca, 17 Alice Cassaghi, 18 Sara Seye, 19 Valeria Fedrighi, 20 Laura Gurioli, 21 Alissa Ranuccini, 22 Sara Barattin, 23 Emma Stevanin
Allenatore: Raineri

Mete: Stefan 29, D’Incà 42, D’Incà 78′.
Trasformazioni: Sillari 30, Sillari 43, Sillari 79′.
Punizioni: Sillari 64′.

Irlanda: 15. Lauren Delany, 14. Aoife Doyle, 13. Aoife Dalton, 12. Anna McGann, 11. Natasja Behan, 10. Dannah O’Brien, 9. Ailsa Hughes, 8. Deirbhile Nic a Bháird, 7. Grace Moore, 6. Dorothy Wall, 5. Sam Monaghan, 4. Nichola Fryday ©, 3. Christy Haney, 2. Neve Jones, 1. Linda Djougang
A disposizione: 16. Clara Nielson, 17. Sadhbh McGrath, 18. Kathryn Buggy, 19. Hannah O’Connor, 20. Brittany Hogan, 21. Molly Scuffil-McCabe, 22. Vicky Irwin, 23. Méabh Deely
Allenatore: McWilliams

Mete: Meta di punizione 68′.
Trasformazioni:
Punizioni:

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Rugby a 7, Italia Femminile: le convocate per le Rugby Europe Championship Series

Sono 13 le selezionate per il primo appuntamento in Croazia

29 Maggio 2024 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

La meta di Alyssa D’Incà è la più bella del Sei Nazioni femminile 2024

Premiata la marcatura della trequarti del Villorba nella sfida contro la Francia

14 Maggio 2024 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Alyssa D’Incà candidata anche per la miglior meta del Sei Nazioni 2024

La trequarti azzurra è stata nominata anche per la "Try of the Tournament", dopo un torneo di alto livello

item-thumbnail

Sei Nazioni Femminile 2024: Alyssa D’Incà in lizza come “Player of the Championship”

L'azzurra è stata inserita nella lista delle 4 candidate per vincere il prestigioso riconoscimento

30 Aprile 2024 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Il World Rugby Ranking al termine del Sei Nazioni Femminile. Italia ottava

Azzurre in caduta e senza automatica qualificazione per la prossima Rugby World Cup

29 Aprile 2024 Rugby Azzurro / Nazionale femminile