URC: Gran partita del Benetton, ma non basta. Gli Sharks passano 43-33

Decisiva la superiorità fisica dei sudafricani, ma quella dei Leoni resta una prestazione di altissimo livello

URC: Gran partita del Benetton, ma non basta. Gli Sharks passano 43-33

URC: Gran partita del Benetton, ma non basta. Gli Sharks passano 43-33

Un grande Benetton gioca a viso aperto contro degli Sharks pieni di Springboks, passa in vantaggio 14-0 ma cede alla lunga sul piano fisico, senza però uscire mai dalla partita e giocandosela fino alla fine. I sudafricani passano 43-33, chiudendo di fatto le speranze playoff di un Benetton che ha dato tutto. Decisivo il dominio in mischia nel primo tempo e la prestazione mostruosa del mediano di mischia Grent Williams, oltre alle grandi partite dei soliti Mapimpi e Kolisi e al piede precisissimo di Bosch.

La cronaca

Il Benetton parte benissimo, un break di Lorenzo Cannone mette i compagni sul piede avanzante, Duvenage e Albornoz distribuiscono per 10 fasi, poi Negri marca alla bandierina per il 7-0, con ottima trasformazione del mediano argentino. Gli Sharks, storditi dal colpo, non riescono a reagire: al 7′ Duvenage apre per la corsa di Riera, che carica e poi trova uno splendido offload per la meta di Brex in mezzo ai pali: 14-0.

I sudafricani rispondono a suon di sportellate, lunghissimo multifase con una serie di pick&go che alla fine aprono la strada alla meta di Tshituka. Gli Sharks si affidano al pacchetto di mischia per restare in attacco, e il Benetton purtroppo perde Pasquali già al 30′ per un infortunio, ed è costretto ad anticipare di molto il pit-stop con Alongi. La mischia continua ad avanzare, e al momento giusto Grant Williams tira fuori il pallone e lo schiaccia per il 14-14, ottava meta in stagione per il mediano sudafricano.

Nel finale di frazione il Benetton spreca due buone occasioni in attacco, con Chaparro che al 34 prende anche una brutta botta in uno scontro con Lukhanyo Am. Gli Sharks ne approfittano, prima usano la mischia per ottenere il calcio di punizione, poi ne chiamano un’altra nei 22 biancoverdi per ribaltare la partita. Bortolami cambia il resto della prima linea, mettendo dentro Gallo e Maile: in qualche modo il pacchetto regge e non concede altri calci di punizione, poi i Leoni fanno il resto e difendono bene chiudendo il primo tempo sul 14-14.

A inizio ripresa gli Sharks partono forte: il livello degli impatti è tremendo, il Benetton tiene duro finché può ma quando i sudafricani vanno al largo Mapimpi serve Kolisi per il 3 contro 2 e il capitano degli Springboks marca per il 21-14. La squadra di Bortolami ha una bella occasione, su un calcio sbagliato di Bosch, ma la spreca sbagliando la rimessa laterale.

Ci pensa Albornoz a creare un’altra opportunità con un gran break, a cui poi Lorenzo Cannone dà continuità. Arriva un calcio di punizione che i Leoni decidono di giocare in touche: la giocata “furba” sembra funzionare, ma alla fine è Mbonambi a uscire da lì col pallone in mano. La meta del 21-19 se la inventa al 50′ Rhyno Smith, calcio up&under per se stesso, pallone recuperato e altro calcetto per la corsa di Riera, che segna. Albornoz colpisce il palo e manca una difficile trasformazione.

Gli Sharks però tirano fuori un’accelerazione mostruosa e ristabiliscono le distanze: calcio di Chamberlain che accende l’incredibile corsa di Williams, Smith ci prova ma non può contenerlo, e arriva la quarta meta. Bosch trasforma per il 28-19.

Nonostante la superiorità fisica degli Sharks, i Leoni non mollano. Ancora una bella azione d’attacco, con Watson che finalmente riesce a dare gas sul lato sinistro. Garbisi gestisce bene l’allargamento dal lato opposto, poi Brex serve Padovani con un passaggio rischiosissimo ma efficace, perché l’ala del Benetton e della Nazionale riesce a resistere al ritorno degli avversari e a marcare. Albornoz trasforma per il 28-26.

Al 60′ arriva la prima mischia del secondo tempo, stavolta non c’è l’avanzamento costante della prima frazione, ma è comunque una buona piattaforma per gli Sharks: Tapuai e Am apparecchiano un gran pallone per Mapimpi, che può sfruttare le sue doti di finalizzatore: 33-26.

Il Benetton ha un’altra grande occasione per pareggiare, ma dopo un costante avanzamento perde il pallone a 5 metri. Gli Sharks ripartono a mille all’ora, Abrahams non controlla il pallone (ma per l’arbitro non lo perde in avanti), Albornoz prova a riciclarlo ma il più veloce di tutti è Mapimpi che lo intercetta e vola in meta per il 40-26.

Ancora un botta e risposta, ancora Albornoz, che con una stupenda giocata personale finalizza l’ottima azione in prima fase dei Leoni, con Garbisi a impostare dopo una maul e Brex ad aprire la strada per l’argentino, 40-33. Gli Sharks calano un po’ il ritmo, ma al 78′ chiudono la partita con il piazzato di Bosch che fissa il punteggio sul 43-33 finale.

Francesco Palma

Il tabellino di Sharks-Benetton

Sharks: 15 Boeta Chamberlain, 14 Werner Kok, 13 Lukhanyo Am, 12 Ben Tapuai, 11 Makazole Mapimpi, 10 Curwin Bosch, 9 Grant Williams, 8 Sikhumbuzo Notshe, 7 Vincent Tshituka, 6 Siya Kolisi, 5 Gerbrandt Grobler, 4 Hyron Andrews, 3 Thomas du Toit, 2 Bongi Mbonambi, 1 Ox Nche

A disposizione: 16 Kerron van Vuurren, 17 Ntuthuko Mchunu, 18 Carlu Sadie, 19 Jeandre Labuschagne, 20 Phepsi Buthelezi, 21 Cameron Wright, 22 Marnus Potgieter, 23 Thaakir Abrahams

Mete: Tshituka 15′, Williams 33′, Kolisi 42′, Williams 55′, Mapimpi 63′, 67′
Trasformazioni: Bosch 16′, 34′, 43′, 56′, 67′
Punizioni: Bosch 80′

Benetton Rugby: 15 Rhyno Smith, 14 Edoardo Padovani, 13 Ignacio Brex, 12 Joaquin Riera, 11 Marcus Watson, 10 Tomas Albornoz, 9 Dewaldt Duvenage (c), 8 Lorenzo Cannone, 7 Michele Lamaro, 6 Sebastian Negri, 5 Federico Ruzza, 4 Niccolò Cannone, 3 Tiziano Pasquali, 2 Giacomo Nicotera, 1 Nahuel Tetaz Chaparro

A disposizione: 16 Siua Maile, 17 Thomas Gallo, 18 Filippo Alongi, 19 Riccardo Favretto, 20 Manuel Zuliani, 21 Alessandro Garbisi, 22 Jacob Umaga, 23 Marco Zanon

Mete: Negri 2′, Brex 7′, Riera 51′, Padovani 59′, Albornoz 70′
Trasformazioni: Albornoz 2′, 8′, 60′, 70′
Punizioni:

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Benetton Rugby: Tommaso Menoncello rinnova il suo contratto con i Leoni

Il trequarti continuerà a fare parte del roster biancoverde

item-thumbnail

Benetton Rugby: Lazzaroni e Zani entreranno nello staff dei Leoni

Due nuovi capitoli ovali per gli uomini che hanno chiuso la loro carriera da giocatori

item-thumbnail

URC Awards: il Benetton Rugby è il club più innovativo della stagione 2023/24

Il club biancoverde è stato premiato per gli ottimi risultati raggiunti fuori dal campo

item-thumbnail

Marco Bortolami racconta i rapporti con Quesada, il mercato del Benetton e la difficoltà di “tagliare” i giocatori

Il tecnico dei biancoverdi nella seconda parte dell'intervista rilasciata a OnRugby: "Lasciar andare via o tagliare dei ragazzi che stimi è dolorissim...

item-thumbnail

Bortolami: “Benetton, stagione da 8. Il successo più bello è la crescita di Izekor, Spagnolo, Marin e gli altri”

Nella prima parte della lunga intervista rilasciata a OnRugby il tecnico traccia un bilancio della stagione: "I Bulls ci hanno fatto i complimenti. La...