Gregor Townsend potrebbe lasciare la Scozia

Il capo allenatore della Nazionale scozzese potrebbe accasarsi alla corte di Fabien Galthié

Gregor Townsend potrebbe lasciare la Scozia

Gregor Townsend potrebbe lasciare la Scozia (Ph. Sebastiano Pessina)

Novità in arrivo per due delle nazionali più importanti del rugby europeo. Il capo allenatore della Scozia, Gregor Townsend, potrebbe entrare a far parte dello staff della Francia dopo la Coppa del Mondo 2023. Lo riporta il Midi Olimpique, e la notizia è stata poi ripresa da molti giornali scozzesi. Il tecnico dovrebbe occuparsi in maniera specifica del reparto d’attacco, dopo l’addio annunciato di Labit.

La Francia è arrivata a questo 2023 con il rango di favorita sia per il Sei Nazioni, sia per la Coppa del Mondo 2023 – che giocherà in casa – ma si pensa già al futuro. Quello del capo allenatore della Scozia, nel caso, sarebbe davvero un ingresso eccellente, e arricchirebbe ulteriormente il gruppo di lavoro a supporto di Galthié, che si troverebbe alle spalle un vero dream team.

Leggi anche: Kieran Crowley ha scelto i 34 ragazzi che prepareranno i match contro Francia e Inghilterra

È innegabile, infatti, il grande lavoro svolto da Townsend in questi anni alla guida della Nazionale scozzese: è arrivato in un periodo di crisi e l’ha portata a vincere 4 Calcutta Cup contro l’Inghilterra e ad ottenere spesso 3 vittorie in un singolo Sei Nazioni. Unico neo, la cocente eliminazione Mondiale ad opera del Giappone e di un’Irlanda non trascendentale, nel 2019. Bisogna anche ricordare quanto fatto dal tecnico negli anni alla guida dei Glasgow Warriors, che nel 2015 proprio con Townsend in panchina vinsero addirittura l’allora Pro 12.

Se da un lato sarebbe un gran colpo per lo staff francese, è innegabile che si tratterebbe di una perdita non da poco per la Scozia. Un portavoce della federazione scozzese ha fatto sapere che non commenteranno la vicenda, considerandola una mera speculazione.

La Francia esordirà al Sei Nazioni 2023 proprio contro l’Italia, all’Olimpico, mentre la Scozia proverà a difendere la Calcutta Cup per il terzo anno consecutivo contro l’Inghilterra. La Nazionale del Cardo ospiterà poi l’Italia nell’ultima giornata del torneo, a Murrayfield.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

In Nuova Zelanda temono di aver regalato all’Irlanda un altro potenziale titolare internazionale

James Lowe, Gibson-Park e Bundee Aki: ora c'è lo spettro di un nuovo errore

item-thumbnail

Test Match Summer Series 2024: due partite verranno dirette da arbitri italiani

Una partita a fine giugno e una a metà luglio. Ci sono anche designazioni da assistenti

item-thumbnail

I primi convocati dell’Inghilterra per il raduno di preparazione ai Test Match estivi

Sette esordienti per Steve Borthwick, privo degli atleti impegnati nelle semifinali di Premiership

item-thumbnail

Springboks e All Blacks: l’idea di due tour completi fra Sudafrica e Nuova Zelanda

Le nazionali più titolate del mondo stanno cercando un accordo per il futuro

item-thumbnail

Test Match estivi: l’Inghilterra perde una pedina importante per il tour in Giappone e Nuova Zelanda

Steve Borthwick affronterà gli impegni di giugno e luglio con alcune assenze di rilievo

item-thumbnail

Gatland ha rivelato che c’è “una porta aperta per il ritorno di George North in Nazionale”

Il tecnico ha detto che valuterà le condizioni della leggenda gallese, che potrebbe concedersi un'altra "Last Dance" dopo il finale deludente di Cardi...