Rugby Championship: per Ian Foster gli All Blacks sono migliorati

“Credo che sia la prestazione dove abbiamo fatto maggiori progressi, ma dobbiamo migliorare il tempismo in attacco”

Test match, All Blacks: una sola novità per la seconda sfida all'Irlanda. Squadra che vince... PH Sebastiano Pessina

Ian Foster – ph. Sebastiano Pessina

È stata la quarta peggiore sconfitta di sempre degli All Blacks, la quinta nelle ultime sei partite e la terza consecutiva (non succedeva dal 1998). Per l’head coach Ian Foster, però, la prestazione della Nuova Zelanda contro il Sudafrica è stata quella dove la squadra ha fatto i maggiori passi in avanti quest’anno.

“Penso che questa sia probabilmente la performance dove siamo migliorati di più nell’anno. In alcune aree del gioco abbiamo veramente fatto passi in avanti. In una partita dominata dalle difese, abbiamo difeso bene, ma il nostro timing in attacco non è stato buono e dovremo tornarci sopra” ha detto l’allenatore dopo la sconfitta per 26-10 della sua squadra a Mbombela.

La cosa dura da digerire per gli All Blacks e i loro tifosi è che probabilmente Ian Foster ha ragione, le sue dichiarazioni non sono un semplice tentativo di sviare l’attenzione dalla grande pressione che si è accumulata su una squadra che, in questo momento, non riesce più a vincere.

Leggi anche: Australia, Quade Cooper si è rotto il tendine d’Achille

Contro il Sudafrica, la Nuova Zelanda ha dimostrato concreti passi in avanti dal punto di vista difensivo, dove ha impedito per larga parte dell’incontro agli Springboks di passare, nonostante il predominio netto di possesso e territorio degli avversari. Lo ha fatto in maniera disciplinata, concedendo un basso numero di calci di punizione piazzabili. Hanno arginato il drive avversario in numerose occasioni, uno dei punti chiave su cui si era concentrata la preparazione alla partita.

Lo ha riconosciuto lo stesso Foster: “Abbiamo sempre saputo che sarebbe stata dura, ma abbiamo diverse cose positive da portare a casa da questo incontro. Abbiamo annullato gran parte del loro drive, siamo migliorati difensivamente e nell’ultimo quarto di partita stavamo iniziando a puntare di più sul gioco aperto, ma abbiamo sbagliato un paio di palloni, cosa frustrante.”

“Veniamo da una serie persa e c’è un sacco di rumore attorno a questa squadra. Facciamo del nostro meglio per concentrarci solo sulla nostra prestazione, ma non puoi non sentirlo. Quando una squadra lavora duramente per alzare il proprio livello, qualche volta finisce per cadere un po’ nella foga, come ci è successo a volte oggi.”

Leggi anche: Rugby Championship: gli highlights di Sudafrica-All Blacks

Il problema, per Foster e per i suoi nuovi compagni di avventure nello staff tecnico, è che, anche se ci sono stati diversi errori inusuali e chiaramente dettati da una montagna di pressione che ognuno dei 23 giocatori si porta sulle spalle, non è stato possibile neanche intuire quale sia l’indirizzo che il gruppo di allenatori sta cercando di dare all’attacco.

Le uniche cose che hanno funzionato sono stati alcuni attacchi da prima fase, poi l’offensiva dei giocatori in maglia nera si è ridotta ad un cumulo di macerie nel punto d’incontro, dove Malcolm Marx e Steven Kitshoff hanno banchettato a piacimento, e a cariche inefficaci di gruppi di avanti sempre troppo statici e prevedibili per poter impensierire una difesa fisica ed esasperante come quella degli Springboks.

L’intenzione apparente, da quando Ian Foster è alla guida della nazionale neozelandese, è di giocare un rugby che sia il meno strutturato possibile, basato soprattutto sulle letture dei giocatori. In questo momento, però, gli interpreti in campo appaiono piuttosto spaesati, senza intenzioni chiare e un piano da seguire. Solo l’occasionale momento di brillantezza dei grandi talenti a disposizione offre piccoli sprazzi di successo: il break di Caleb Clarke, la straripante esuberanza di Ardie Savea, Beauden Barrett che trova il modo di portare avanti il pallone nonostante tutto.

È lì che si attendono i maggiori progressi, e si attendono rapidamente. Anche perché il lavoro di Foster non è certo iniziato ieri.

Il tecnico si difende, insistendo sui miglioramenti: “Sappiamo di aver perso qualche partita ma in tutta onestà penso che abbiamo scalato un paio di marce in questa partita, e fatto miglioramenti significativi.”

“So che le persone sono frustrate dai risultati e pure noi lo siamo. Ma non si raggiunge una crescita se si ci si fa prendere dal panico e si incominciano a fare drastici cambiamenti, mettendo troppa pressione sui giocatori.”

“Vogliamo che sentano la pressione stanotte, capiscano cosa significa giocare test match qui in Sudafrica, e vogliamo diventare più abili in quello che facciamo. Ho piena fiducia nelle capacità dei giocatori che abbiamo.”

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

All Blacks: Retallick e Whitelock sono ufficialmente una coppia… da record

I due hanno hanno eguagliato il record della storica coppia sudafricana Matfield-Botha

30 Settembre 2022 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

L’intervento scellerato di Darcy Swain costa nove mesi di stop all’All Black Quinn Tupaea

Il problema al giocatore dei Chiefs si è dimostrato molto più serio di quanto sembrasse all'inizio. Il suo Super Rugby è gia finito

29 Settembre 2022 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Un Rugby Championship strano

Si è chiusa l'edizione 2022: una sintesi di come le squadre riemergono dalle 8 settimane di torneo

28 Settembre 2022 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Il Sudafrica vince contro l’Argentina, ma il Rugby Championship è degli All Blacks

Agli Springboks non basta il successo per 38-21, al termine di una partita molto indisciplinata e con sei cartellini gialli complessivi

24 Settembre 2022 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Gli All Blacks mettono le mani sul Championship e demoliscono l’Australia

Cinque mete e un dominio quasi totale: Wallabies messi all'angolo e successo consecutivo numero 48 a Eden Park

24 Settembre 2022 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship: la formazione dell’Argentina per la sfida al Sudafrica

Cheika opera due cambi rispetto a una settimana fa: entrambi fra i trequarti

23 Settembre 2022 Emisfero Sud / Rugby Championship