Pablo Lemoine: “Il Cile è un gigante dormiente, può diventare un mostro”

L’head coach dei sudamericani, qualificati per la prima volta alla Rugby World Cup, guarda da dentro al movimento

pablo lemoine

Pablo Lemoine, head coach del Cile – ph. LIONEL BONAVENTURE / AFP

Di squadre fuori dai grandi circoli del rugby mondiale, Pablo Lemoine se ne intende. Dopo aver partecipato da giocatore a due edizioni della Rugby World Cup con l’Uruguay, riportò i Teros al mondiale dopo 12 anni nel 2015, da allenatore. Poi ha guidato la Germania nel tentativo di riuscire a qualificare la nazionale tedesca alla RWC2019, per infine accasarsi in Cile, dove ha appena compiuto la sua ultima impresa: la prima qualificazione al mondiale dei Condores.

Ha 47 anni, Lemoine, nonostante la testa coperta di capelli bianchi. In carriera ha giocato con lo Stade Français, vincendo due volte il Top 14 nei primi anni Duemila, in squadra con Diego Dominguez e Mauro Bergamasco.

Una vera e propria leggenda vivente del rugby sudamericano, insomma, soprattutto di quello non argentino.

Leggi anche: La Namibia vince l’Africa Cup e si qualifica al Mondiale 2023, nel girone dell’Italia

“Quando si comincia un’avventura rugbistica in un paese come il Cile, la Germania o l’Uruguay è tutto da costruire: mancano i campi, manca il materiale, mancano i giocatori – ha raccontato a Marc Duzan di Rugbyrama – In questi 3 anni, con la federazione, abbiamo lavorato, lavorato e ancora lavorato. Sabato, nel momento in cui si è concretizzato tutto, siamo davvero esplosi.”

Nell’intervista al sito specialistico francese, Lemoine racconta la sua squadra e il movimento rugbistico cileno: 15mila tesserati circa, una diffusione sufficientemente capillare di club e competizioni, un gruppo di giocatori professionisti sotto contratto con la federazione che giocano per la nazionale e per la franchigia della Super Liga Americana, i Selknam.

“Sono professionisti, ma quello che guadagnano non basta a far vivere una famiglia – avverte l’head coach – Il livello della Super Liga è simile a quello del Nationale francese o a una bassa ProD2. Non abbiamo 30 giocatori di livello altissimo, ma ce ne sono sempre di più e sempre di più se ne vanno in Europa ogni stagione. Credo che questa qualificazione avrà un impatto enorme sul rugby cileno.”

Leggi anche: La Spagna ha fatto ricorso al TAS contro l’esclusione dalla Rugby World Cup

“Credo che il Cile sia un gigante dormiente del rugby mondiale. In altri paesi del Sudamerica puoi essere pieno di idee e progetti per sviluppare il movimento, ma non avrai mai i fondi per attuarli. In Cile, che ha uno zoccolo duro di rugbysti, il governo e le più grosse aziende del paese spingono la palla ovale. Ci sono soldi, fondi regionali, i proventi delle miniere di litio e d’oro e i proprietari delle più grosse industrie del paese spesso vengono dal rugby. Con l’Uruguay, poi, il Cile è uno dei paesi più politicamente stabili del continente. Se riuscissimo a trovare un’organizzazione più efficace del movimento nei prossimi anni, il Cile può davvero diventare un mostro.”

“E’ davvero straordinario avere 3 squadre sudamericane qualificate alla Rugby World Cup. Nel 2015, quando i Pumas hanno ben figurato al mondiale inglese, il rugby argentino era al top, ma intorno non c’era niente. Il rugby sudamericano era morto. Oggi, il Cile e l’Uruguay crescono e diventano sempre più potenti e presto, ve lo dico io, anche il Brasile arriverà al massimo livello internazionale.”

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Jake White dice che l’Inghilterra è la favorita per il mondiale

L'head coach dei Bulls confida in Eddie Jones, che era al suo fianco nella Rugby World Cup vinta nel 2007 con gli Springboks

25 Novembre 2022 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Il calendario della Rugby World Cup 2023

Con l'ingresso del Portogallo è possibile scorrere tutti gli appuntamenti definitivi del Mondiale che inizierà l'8 settembre 2023

23 Novembre 2022 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Il Portogallo pareggia a tempo scaduto e conquista i Mondiali! Con gli USA finisce 16-16

Dopo una partita tiratissima i lusitani conquistano il biglietto per la Francia: decide il calcio di Samuel Marques

18 Novembre 2022 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: tutte le sedi dei ritiri

In attesa di conoscere l'identità dell'ultima qualificata, ecco i quartier generali delle 19 nazionali in Francia

16 Novembre 2022 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

La gendarmeria francese negli uffici della Rugby World Cup 2023

Avviata un'inchiesta che riguarda il comitato organizzatore. Le accuse riguardano favoritismo e corruzione

9 Novembre 2022 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: USA e Portogallo partono fortissimo nel torneo di ripescaggio

Larghi successi su Kenya e Hong Kong per le due squadre favorite per andare alla Coppa del Mondo francese

7 Novembre 2022 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023