Come escono dai test estivi Australia e Inghilterra

Eddie Jones porta a casa la serie col minimo sforzo, i Wallabies come sempre belli e incompiuti, ma basterà al mondiale?

Come escono dai test estivi Australia e Inghilterra (ph. England Rugby)

Come escono dai test estivi Australia e Inghilterra (ph. England Rugby)

Minimo sforzo, massimo risultato. Si può riassumere così l’estate dell’Inghilterra di Eddie Jones, che con un piano di gioco mirato al contenimento e alla gestione del match ha portato a casa la serie contro l’Australia, vincendo due partite su 3. Il tecnico è stato chiaro: l’obiettivo dichiarato è la Coppa del Mondo 2023, tutto quello che viene prima è solo un avvicinamento, e come tale va considerato.

L’Inghilterra quindi si è nascosta, a volte limitandosi al compitino, ma tanto è bastato per battere un’Australia ancora una volta bella e incompiuta. Una squadra capace di vincere una partita in 14, la prima, nonostante la stupidaggine di Darcy Swain, ma anche capace di buttare all’aria occasioni su occasioni nella seconda e soprattutto nella terza sfida, fino a farsi mettere nel sacco da un avversario che si è limitato a star seduto sulla riva del fiume ad aspettare che passasse il cadavere.

Leggi anche: Video: Eddie Jones si infuria con un tifoso provocatore che lo chiama “traditore”

Australia: quel passo in avanti che non c’è stato

Nulla di sorprendente sul fronte Wallabies, che ancora una volta non sono riusciti ad andare oltre la singola grande prestazione. Dave Rennie ha costruito un gruppo che gioca bene, diverte e si diverte, e quando azzecca la partita porta a casa anche grandi risultati, con un reparto trequarti tanto forte quanto incostante.

A parte l’immenso Kerevi e il sempre avanzante Koroibete, i vari Lolesio, Hodge, Paisami, Petaia, O’Connor sono tutti giocatori potenzialmente devastanti, ma concretamente incapaci di proporsi al loro reale livello per 2 partite di fila. Non è un caso che le migliori partite dell’Australia dell’era Rennie si siano viste con Quade Cooper in campo, e l’infortunio dell’apertura proprio nel riscaldamento di gara 1 ha complicato notevolmente le cose.

Ad oggi, le partite dell’Australia continuano a rappresentare un preoccupante testa o croce in vista del Mondiale: testa, Hooper e compagni fanno la voce grossa, qualsiasi sia l’avversario, cominciano a muovere il pallone, ad avanzare e a non farlo vedere agli avversari; croce, errori su errori, falli a volontà, nervosismo che aumenta e agli avversari basta fare le cose bene e con calma per portare a casa la partita.

È successo anche stavolta. Eddie Jones ha costruito la gabbia, ma gli australiani ci sono entrati dentro da soli. Esempio lampante sono i primi 30 minuti di gara 2. L’Inghilterra si affida alla maul, alle cariche degli avanti e a un ritmo ben impostato da Smith e Farrell, l’Australia sbaglia tutto quello che si può sbagliare, Perese prende un giallo per avanti volontario, e al 30′ il risultato è 0-19. I Wallabies, come di consueto, si svegliano tardi, e la partita è ormai bella che andata.

Leggi anche: La Federazione Australiana condanna il gesto del tifoso che ha provocato Eddie Jones

Inghilterra: nulla di nuovo, ma almeno c’è ossigeno

L’Inghilterra ha giocato sugli errori degli avversari senza brillare, come spesso le capita, ma intanto ha portato a casa 2 partite e la serie, dando respiro ad un Eddie Jones che ha cominciato questa estate sotto una valanga di critiche, soprattutto dopo il clamoroso rovescio subito dai Barbarians.

Il tecnico non ha brillato per intraprendenza, e alcune scelte – come quella di limitare la presenza di Henry Arundell a pochi minuti nella prima e nella terza partita – sono parse abbastanza limitanti, ma questa serie gli serviva principalmente per affinare le idee che vedremo probabilmente soltanto fra un anno in Francia. Lo dimostra il fatto che una coppa di play potenzialmente devastante come quella formata da Marcus Smith e Owen Farrell sia apparsa spesso limitata da un piano di gioco molto conservativo.

Per il resto, quando gli inglesi hanno deciso di giocare al 100% a livello di intensità, come in gara 2, c’è stato poco da fare per l’Australia: difesa sempre avanzante, seconde e terze iperaggressive sul punto d’incontro, Courtney Lawes bravo a gestire la responsabilità dei nuovi gradi di capitano. Nella terza partita, invece, non è servito nemmeno andare “a tutta”, per dirla con gergo ciclistico. L’Inghilterra ha aspettato un’Australia bella da vedere ma molto poco concreta, per poi colpire ad ogni rallentamento dei Wallabies.

Insomma, l’impressione e che prima dell’esordio mondiale Eddie Jones non scoprirà le sue carte.

Francesco Palma

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

All Blacks, un test in Giappone prima del tour di novembre

Si giocherà il 29 ottobre a Tokyo, prima delle sfide a Inghilterra, Scozia e Galles

item-thumbnail

Mamuka Gorgodze: “Il rugby sta diventando sempre più popolare in Georgia”

La leggenda del rugby georgiano ha commentato anche la vittoria sull'Italia e le nuove tendenze nel rugby nel suo Paese

item-thumbnail

La Francia perde Demba Bamba: lungo periodo di stop per il pilone

Il pilone dei Bleus e di Lione ha chiuso con largo anticipo il suo 2022 sportivo e si rivedrà solo l'anno prossimo

item-thumbnail

Il Rugby Europe Championship sarà a otto squadre dal 2023

Un importante cambiamento per il principale torneo europeo di seconda fascia

item-thumbnail

Dall’Inghilterra si spara a zero su All Blacks e Sam Cane, tirando in ballo Michele Lamaro

Dalle colonne del Times, Stuart Barnes si scaglia contro il capitano degli All Blacks

item-thumbnail

Inghilterra: confermata la fiducia a Eddie Jones, ma il futuro va verso Andy Farrell

La federazione vicecampione del mondo pensa alla Rugby World Cup 2023 ma anche a quella del 2027