Serie A femminile: Valsugana campione d’Italia! Villorba sconfitto 27-10

Dopo un primo tempo combattuto, nella ripresa la squadra di Bezzati prende in mano la partita e porta a casa lo scudetto

Serie A femminile: Valsugana campione d'Italia! Villorba sconfitto 27-10

Serie A femminile: Valsugana campione d’Italia! Villorba sconfitto 27-10 – ph. Luca Sighinolfi

Il Valsugana è campione d’Italia 2021-22. La squadra di Bezzati conquista il primo titolo dell’era post-pandemia con una finale sofferta, soprattutto nei primi 40′, ma nella quale ha dimostrato di essere superiore. Dopo essere state ingabbiata dalla tela ben costruita dalla coppia Minto-Tondinelli, nella ripresa è venuta fuori tutta la qualità delle ragazze del Valsugana, che alla fine conquistano lo scudetto battendo il Villorba 27-10.

La cronaca

Il match parte subito con la pressione del Villorba, che rinchiude il Valsugana nella propria metà campo e al 9′ passa in vantaggio con il penalty di Barattin. La squadra di Bezzati prova a reagire e comincia a mettere maggiore pressione nei punti d’incontro, dopo aver inizialmente sofferto in questo fondamentale.

Come da copione, partita bloccata e difficile da leggere: entrambe le formazioni giocano soprattutto con le avanti, con il Villorba che a tratti prova ad innescare la coppia di centri Busato-D’Incà, mentre dall’altra parte si passa spesso da Beatrice Rigoni. Al primo cooling break, al 22′, il risultato è ancora di 3-0, mentre al 27′ Folli deve lasciare il campo per infortunio: al suo posto Cheval.

Il Valsugana si affida alla rolling maul, ed è proprio dal drive che nasce il multifase che porta alla meta di Jeni al 30′. Sillari trasforma per il 7-3. Basta però una disattenzione per ribaltare nuovamente il risultato: la linea arretrata del Valsugana è messa in difficoltà da un calcio insidioso, Stefan rinvia come può ma si espone al contrattacco delle “ricce”, il pallone è allargato sull’out di sinistra dove D’Incà brucia sullo scatto Vitadello e vota in meta. Barattin trasforma e fissa il punteggio sul 10-7 per il Villorba.

La risposta arriva di nuovo dalla rolling maul, che ara letteralmente la 22 del Villorba e arriva fino ai 5 metri. Da lì è Lucia Gai a mettere a segno la carica giusta per marcare, con Sillari che aggiunge i due punti supplementari per il 14-10 per il Valsugana con cui si conclude il primo tempo.

Nella ripresa la squadra di Bezzati cambia marcia e colpisce subito con un bel break di Rigoni, viziato però da un’ostruzione di Maris su Cavina. Pacifico, dopo un consulto con Munarini al TMO, annulla. Si rimane però in zona rossa, arriva un calcio di punizione e Sillari allunga dalla piazzola sul 17-10.

Ancora una volta, però, la risposta delle “ricce” è immediata, con Furlan che trova uno spazio a metà campo e arriva a pochissimo dalla linea di meta. L’azione frutta un calcio di punizione, che Villorba decide però di giocare alla mano. La scelta non paga e il “Valsu” si salva. Pochi minuti dopo è Duca a intercettare una touche ai 5 metri, salvando di nuovo il risultato.

Sillari allunga di nuovo al 56′, portando il Valsugana sopra il break: è il punto di rottura della partita, perché Villorba non riesce più a rispondere ed è costretta a rintanarsi nella propria metà campo. Dopo 10 minuti di assalto, il “Valsu” chiude i giochi con la carica vincente di Vittoria Vecchini, che pur placcata riesce a girarsi e a schiacciare il pallone del 27-10, fissato dall’ennesimo calcio perfetto di Sillari.

Al 68′ arriva una brutta notizia per il rugby azzurro, perché Alyssa d’Incà, una delle migliori non solo di questa finale ma anche dell’ultimo Sei Nazioni, è costretta ad uscire aiutata dalle compagne dopo un infortunio.

Negli ultimi 10 minuti non succede più nulla. Il Valsugana gestisce all’80’ festeggia: è campione d’Italia.

Francesco Palma

Valsugana Rugby Padova: 15 Vittoria Ostuni Minuzzi, 14 Elena Vitadello, 13 Silvia Folli, 12 Beatrice Rigoni, 11 Michela Sillari, 10 Emma Stevanin, 9 Sofia Stefan (C), 8 Elisa Giordano, 7 Beatrice Veronese, 6 Vittoria Vecchini, 5 Alessia Margotti, 4 Giordana Duca, 3 Lucia Gai, 2 Giulia Cerato, 1 Giada Jeni.
A disposizione: 16 Gaia Maris, 17 Maria Chiara Benini, 18 Rosanna Tizzano, 19 Francesca Barro, 20 Margherita Fusaro, 21 Serena Settembri, 22 Mathilde Cheval, 23 Lisa Zampieri

Mete: Jeni 30′, Gai 40′, Vecchini 67′
Trasformazioni: Sillari 31′, 40′, 67′
Punizioni: 46′, 56′

Villorba Rugby: 15 Beatrice Capomaggi, 14 Aura Muzzo, 13 Alyssa D’Incà, 12 Jessica Busato, 11 Manuela Furlan, 10 Micol Cavina, 9 Sara Barattin (C), 8 Alessandra Frangipani, 7 Giulia Bragante, 6 Federica Cipolla, 5 Valeria Pin, 4 Irene Parise, 3 Giulia Casagrande, 2 Alice Puppin, 1 Emanuela Stecca
A disposizione: 16 Gaia Simeon, 17 Rebecca Crivellaro, 18 Marta Magini, 19 Sara Scandiuzzi, 20 Elena Boso, 21 Laura Gurioli, 22 Sofia Stefanini, 23 Gaia Buso

Mete: D’Incà 35′,
Trasformazioni: Barattin 36′
Punizioni: Barattin 9′

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Video: le mete della finale di Serie A femminile Valsugana-Villorba

Vittoria (27-10) per le patavine, al quarto Scudetto nella loro storia

29 Maggio 2022 Foto e video
item-thumbnail

Serie A femminile: la diretta streaming della finale Valsugana-Villorba

Al Lanfranchi di Parma si comincia alle 14.30: in campo tantissime azzurre per un match sentito e di grande valore

item-thumbnail

Le formazioni di Valsugana e Villorba per la finale di Serie A Femminile

Torna dopo due stagioni cancellate la finale che assegna il Tricolore per il massimo campionato

item-thumbnail

Serie A Femminile, la stessa finale 3 anni dopo

Nel 2019 il Villorba vinse il primo scudetto della sua storia contro il Valsugana

item-thumbnail

Serie A femminile: la finale sarà Valsugana-Villorba

Sabato 28 a Parma, la rivincita dell'atto conclusivo del 2019 che andò alle 'Ricce'