URC: la preview del derby Benetton-Zebre

Si gioca alle 17:30 a Monigo, diretta TV su canale 20

La formazione del Benetton contro le Zebre

URC: la preview del derby Benetton-Zebre – ph. Ettore Griffoni

In palio c’è poco più dell’orgoglio, ma non per questo il derby fra le due franchigie italiane dello United Rugby Championship fra Benetton e Zebre sarà meno sentito.

Si gioca alle 17:30 a Monigo, con diretta TV su canale 20. La gara è valevole per la nona giornata di campionato, che sarebbe dovuta andare in scena nei primi giorni del 2022, ma venne spostata a causa dell’imperversare della pandemia.

Per entrambe le formazioni una vittoria significherebbe indorare la pillola di due stagioni insufficienti a livello di risultati. Il Benetton gioca la parte del chiaro favorito, ma le Zebre vogliono capitalizzare quanto di buono fatto nelle ultime settimane e rovinare la festa dei biancoverdi nella loro tana darebbe una grande spinta d’entusiasmo a un ambiente che ne ha bisogno.

Leggi anche: Da Viadana un mediano di mischia per le Zebre?

C’è un pizzico di lotta di classe nel duello: il Benetton gioca la parte di un’aristocrazia affermata, alla quale appartengono i giocatori più importanti della nazionale e i giovani più interessanti del panorama italiano, mentre le Zebre quella di un affamato proletariato di giocatori che vuole prendersi il palcoscenico.

E sullo sfondo, un orizzonte azzurro da ottenere per tutti in vista dell’estate internazionale.

Benetton: 15 Rhyno Smith, 14 Edoardo Padovani, 13 Ignacio Brex, 12 Tommaso Menoncello, 11 Mattia Bellini, 10 Tomas Albornoz, 9 Alessandro Garbisi, 8 Lorenzo Cannone, 7 Michele Lamaro (C), 6 Manuel Zuliani, 5 Federico Ruzza, 4 Marco Lazzaroni, 3 Simone Ferrari, 2 Giacomo Nicotera, 1 Thomas Gallo
A disposizione: 16 Hame Faiva, 17 Ivan Nemer, 18 Nahuel Tetaz, 19 Giovanni Pettinelli, 20 Toa Halafihi, 21 Dewaldt Duvenage, 22 Leonardo Marin, 23 Filippo Drago.

Zebre: 15 Junior Laloifi, 14 Jacopo Trulla, 13 Erich Cronje, 12 Enrico Lucchin, 11 Simone Gesi, 10 Carlo Canna, 9 Alessandro Fusco, 8 Jimmy Tuivaiti, 7 Iacopo Bianchi, 6 Luca Andreani, 5 Andrea Zambonin, 4 David Sisi (C), 3 Ion Neculai, 2 Luca Bigi, 1 Danilo Fischetti
A disposizione: 16 Giampietro Ribaldi, 17 Paolo Buonfiglio, 18 Eduardo Bello, 19 Gabriele Venditti, 20 Ross Vintcent, 21 Nicolò Casilio, 22 Michelangelo Biondelli, 23 Franco Smith Jr.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Benetton Rugby, Nacho Brex verso la sfida con Edimburgo: “Il nostro pubblico ci dà la spinta in più”

Il trequarti centro dei biancoverdi riconosce il contributo di Monigo nei successi stagionali e auspica una grande atmosfera per conquistare l'accesso...

item-thumbnail

Benetton: ufficiale, Marco Manfredi è biancoverde

Il tallonatore è uno dei nomi nuovi per il pack dei Leoni della prossima stagione

item-thumbnail

Benetton, Marco Zanon: “Torniamo dal Sudafrica con in tasca qualcosa di importante”

Il centro della franchigia biancoverde fa il bilancio della tournée e della gara di sabato con i Bulls

item-thumbnail

Benetton, la situazione a una giornata dalla fine: il punto coi Bulls può essere decisivo?

Le 5 mete di Pretoria permettono ai biancoverdi di restare in zona playoff e di essere padroni del proprio destino

item-thumbnail

URC: Benetton sbriciolato dai Bulls, ma c’è il bonus che serviva

Partita mai in discussione che finisce 56-35, ma le cinque mete dei biancoverdi sono preziosissime per la classifica

item-thumbnail

URC, due squadre a caccia di punti pesanti: la preview di Bulls-Benetton

Ad una settimana dalla vittoria di Durban, un nuovo impegnativo banco di prova per i biancoverdi