Quanti sono gli interessati allo sport in Italia? E al rugby?

Un rapporto appena pubblicato fa una fotografia economica e di popolarità sul mondo sportivo italiano

Quanti sono gli interessati allo sport e al rugby in Italia?

Quanti sono gli interessati allo sport e al rugby in Italia?

È stato presentato ieri al CONI il rapporto annuale sul sistema sportivo italiano realizzato dall’Osservatorio sullo Sport System italiano sviluppato da Banca IFIS. Il quadro va a sottolineare come, nonostante gli ultimi due anni siano stati fortemente condizionati dalla pandemia, il sistema sportivo nazionale abbia sostanzialmente retto e nel 2021 si sia assistito già a una ripresa sia per quanto riguarda il numero dei praticanti che per il valore economico che questi creano.

Se infatti nel 2019 lo sport valeva il 3,6% del Pil italiano (95,9 miliardi di euro), dopo l’inevitabile crollo del 31% avvenuto nel 2020 (riducendo la cifra a 66,3) nel 2021 è arrivata una discreta ripresa che ha segnato un più 19% portando il Pil sportivo a 78,8 miliardi.

Oltre alle evidenze economiche lo studio, porta alla luce diversi aspetti utili a generare una fotografia dello sport italiano anche sotto altri profili (anche se va tenuto conto che, per quanto le fonti siano sicuramente attendibili, i dati che emergono non possono necessariamente essere del tutto completi). Un primo dato sicuramente interessante è quello relativo alle persone interessate allo sport e alle discipline specifiche. Sarebbero ben 35 milioni gli italiani interessati al mondo sportivo (circa il 61% della popolazione maggiorenne) di cui il 55% uomini e il 45% donne, mentre i praticanti sarebbero circa 15.5 milioni (63% di genere maschile e 37% femminile).

Quanti sono gli interessati al rugby in Italia?

Nel grande insieme degli interessati, la disciplina più seguita è naturalmente il calcio che coinvolge circa il 50% (ovvero 17,5 milioni di persone). Dietro il mondo del pallone però ci sono, non così distanti, altre discipline alcune delle quali raggiungono o superano il 30% nel dato dello studio: nuoto (36%), tennis (35%), sport motoristici (34%), ciclismo (33%) e atletica (30%) hanno valori quantomeno importanti. Pallavolo, sci e pallacanestro si inseriscono appena dietro con valori compresi tra il 25 e il 29%, con il rugby che, sempre secondo lo studio, raggiunge il 9% dei circa 35 milioni di italiani e italiane interessate.

Un dato, quello relativo al rugby, che – per quanto possa sembrare fin troppo generoso in termini di numeri, ma non è detto che non lo siano anche quelli relativi ad altre discipline –  ci da sicuramente una dimensione e un valido termine di paragone di dove si collochi a livello di popolarità il mondo della ovale nel nostro paese e che, aggiungiamo noi, dovrebbe farci riflettere sulle ragioni per cui sponsor, giornali televisioni e media in generale facciano un certo tipo di investimento (in termini economici, di spazio e interesse) sul nostro sport.

Leggi anche: Perché il rugby italiano è così com’è

Frazionando questo dato relativo del 9% di interessati al rugby, risulta anche che lo sport ovale, assieme al calcio, sia quello dove la componente maschile è più alta (73%, calcio 70%) rispetto a quella femminile. Le discipline che invece raccolgono più interesse da parte delle donne sono il nuoto e la pallavolo, con dati che raggiungono il 53 e il 47%.

Per chi volesse approfondire il documento completo dell’osservatorio sullo Sport System Italiano è consultabile a questo link

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Farrell ha dato del “tuffatore” (e non solo) a un avversario. E per RugbyPass il rugby ha un problema con le simulazioni

Il mediano inglese si è arrabbiato tantissimo per una simulazione di Bevan Rodd durante Saracens-Sale, apostrofandolo duramente, e secondo Andy Goode ...

24 Maggio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: Leinster perde la vetta, il Benetton la top 20

L'ultimo aggiornamento della classifica prima delle finali delle Coppe europee

22 Maggio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

Ugo Gori: “Dopo il ritiro aprirò una gelateria. L’Italia può rompere il tabù del tour estivo. Benetton fantastico”

Il mediano di mischia appende gli scarpini al chiodo: "La cucina è la mia seconda passione, vorrei fare anche lo chef a domicilio. Gli Azzurri rispett...

17 Maggio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: i Saracens entrano nella top10, Benetton guadagna 7 posizioni

Leinster sempre al comando, fuori dalla Top10 La Rochelle

15 Maggio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: cambio al vertice, il Benetton va giù

Le semifinali europee hanno un grosso influsso sulla classifica settimanale dei club

9 Maggio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

La Francia contro World Rugby e l’espulsione da 20 minuti: “Non è vero che i rossi uccidono le partite”

Il vicepresidente della FFR Jean-Marc Lhermet: "Su 160 partite giocate in Tier 1 dal 2021, 30 hanno visto cartellini rossi: la squadra numericamente i...

2 Maggio 2024 Terzo tempo