Paul Gustard: “Lamaro mi ricorda Robshaw, Menoncello è un top player”

L’inglese, allenatore della difesa del Benetton, fa la tara agli azzurri e parla di due giocatori dei Leoni visti (bene) domenica a Parigi

Paul Gustard: "Lamaro mi ricorda Robshaw, Menoncello è un top player" (Photo by THIERRY ZOCCOLAN / AFP)

Paul Gustard: “Lamaro mi ricorda Robshaw, Menoncello è un top player” (Photo by THIERRY ZOCCOLAN / AFP)

Con l’arrivo dell’Inghilterra a Roma per la seconda giornata del Sei Nazioni, la stampa inglese (in particolare il Telegraph) è andata a intervistare Paul Gustard, ex terza linea di Leicester, London Irish e Saracens che da questa stagione è il coach della difesa del Benetton. Arrivato dopo la nomina di Marco Bortolami alla guida dei Leoni, Gustard ha prima detto la sua riguardo il Sei Nazioni che si prospetta per l’Italia, reduce dalla sconfitta con la Francia all’esordio:

Leggi anche: L’intervista esclusiva di OnRugby a Paul Gustard

“Per vincere una partita nel Championship l’Italia avrà bisogno di giocare al suo massimo e di trovare davanti un’avversaria che sbagli la partita. Ci saranno poche occasioni per marcare e sarà fondamentale coglierle per gli azzurri, che hanno giocatori che si prestano a una squadra che vuole tenere il ritmo alto. Penso che per l’Italia vincere una partita sarebbe un grandissimo traguardo, ma ovviamente spero che non succeda contro l’Inghilterra. Rimango comunque inglese e voglio che la squadra faccia bene, questo non cambierà mai ovunque vada a lavorare”.

Paul Gustard è poi andato a parlare dei giocatori che conosce meglio, cioè quelli del Benetton che compongono la gran parte dell’ossatura di questa Nazionale: “Sono rimasto molto colpito dal capitano, Michele Lamaro. Ogni giorno in allenamento, mi ricorda Chris Robshaw con cui ho lavorato agli Harlequins. Lamaro ha una taglia simile, riesce a tenere sempre il ritmo alto e mettere grande pressione sulla palla. Inoltre sbaglia poco, è un giocatore di 23 anni che può ancora crescere moltissimo e, non va dimenticato, un anno e mezzo fa ha subito un grave infortunio dal quale è tornato alla grandissima”.

Leggi anche: Benetton, Menoncello rinnova in biancoverde fino al 2025

Per quello che riguarda invece il futuro, Paul Gustard non ha dubbi: “Per me Tommaso Menoncello è uno dei primi cinque talenti che ho mai allenato, quest’anno ha giocato alla grandissima con noi. Come Chris Ashton è veloce ma ha tanta resistenza e potenza, oltre a un ritmo di lavoro fenomenale. Può crescere a livelli di soft skills come calci e passaggi, ma ha pur sempre 19 anni. Fisicamente però vale i grandi campioni delle altre nazionali, per è un assoluto top player”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Uno studio scientifico per spiegare i rapporti tra un club e la sua Academy

Lo ha pubblicato il manager delle giovanili del Munster, che ha preso spunto da un match giocato a dicembre senza 48 seniores tra giocatori e staff

19 Agosto 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Quando la natura umana sorprese Jean de Villiers nel momento sbagliato

Schalk Burger ha raccontato un episodio tragicomico del suo ex compagno di nazionale, che nel 2007 ebbe un'emergenza appena prima di giocare

18 Agosto 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

World Rugby Ranking: gli All Blacks respirano e risalgono in classifica

La Nuova Zelanda risale e abbandona quello che era il peggior piazzamento della sua storia

17 Agosto 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

I Briganti di Librino in trasferta in Inghilterra

Saranno ospiti del Bolton, squadra dilettantistica gemellata con il club catanese

12 Agosto 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Ed Slater e la convivenza con SLA

L'ex giocatore di Gloucester ha raccontato com'è venuto a conoscenza della malattia e come si sta preparando ai prossimi mesi

9 Agosto 2022 Terzo tempo