Campionati esteri: a che punto sono la Premiership e il Top 14

Il punto sui principali tornei europei dopo la fine del mese di novembre

Top 14 Tolosa

Campionati esteri: il punto a fine novembre – ph. Lionel BONAVENTURE / AFP

Con i test match del mese di novembre che hanno invaso le cronache di Ovalia, i campionati esteri sono andati leggermente in secondo piano, specie da questa parte delle Alpi.

A novembre Top 14 e Premiership hanno giocato entrambe due giornate, rispettivamente la decima e l’undicesima e l’ottava e la nona. I weekend occupati sono stati quelli del 5 novembre e del 28 novembre scorso.

Ecco come sono andate le cose.

Top 14: Tolosa guida, bagarre a fondo classifica

Nel massimo campionato francese il Tolosa ha ripreso la sua marcia. Dopo un paio di battute d’arresto ad ottobre, la squadra campione d’Europa e di Francia è tornata a macinare punti, battendo prima il Perpignan e poi il Brive, non senza soffrire in quest’ultimo incontro, un 18-11 figlio di 6 calci di punizione.

Leggi anche: Mathieu Bastareaud: gli infortuni lo spingono a pensare al ritiro

Mentre tiene botta il Bordeaux, secondo, è un ottimo momento per Montpellier e per La Rochelle. I primi hanno battuto a novembre lo Stade Français e il Castres e sono ora imbattuti da 4 gare, i secondi hanno superato i problemi di inizio stagione e, affermandosi con Bordeaux e Pau, sono ritornati nelle posizioni di alta classifica, all’interno del gruppone che si disputa le posizioni che contano.

Piccola crisi invece per il Racing 92, che dopo aver battuto Tolosa il 31 ottobre si è smarrito in due bigie sconfitte con Brive e Bordeaux, chiudendo il mese racimolando appena 1 punto. Sui biancocelesti aleggia una piccola polemica: la squadra è sembrata assai arrogante nella partita contro i girondini, con Teddy Thomas che ha irriverentemente e platealmente preso in giro Santiago Cordero nel corso del primo tempo, vinto dai parigini per 14-6. Peccato che Cordero abbia poi segnato un tripletta in un secondo tempo dominato dagli ospiti per 31-0.

Tutto molto aperto nella seconda parte della classifica: solo 6 punti separano il settimo posto dall’ultimo. Le neopromosse Perpignan e Biarritz condividono l’ultima piazza, ma hanno entrambe vinto l’ultimo incontro con, rispettivamente, Clermont e Stade Français. Pau, Brive e Tolone le altre squadre avviluppate in un campionato sempre più avvolto dall’incertezza.

 Premiership:

Neanche le asperità del mese di novembre hanno fermato i Leicester Tigers. La squadra guidata da Steve Borthwick continua a veleggiare in fuga solitaria in prima posizione in classifica, fino ad oggi imbattuta nelle otto gare disputate.

A novembre le tigri di Welford Road hanno giocato una sola partita, banchettando sui resti di Bath. Domenica 5 dicembre attesissimo confronto frontale con i campioni in carica degli Harlequins.

Gli arlecchini, orfani di Marcus Smith e Alex Dombrandt, motori della squadra, hanno vinto contro i Wasps ma perso contro i London Irish durante novembre. In quest’ultimo incontro, Tommaso Allan è di nuovo uscito per infortunio dopo soli 38 minuti, stavolta per un problema alla spalla.

Leggi anche: Premiership: rinviata la sfida tra Newcastle e Worcester per un motivo insolito

Gli Irish sono peraltro una delle squadre più in forma del momento: nell’ultimo mese hanno pareggiato in casa dei Saracens e battuto gli Harlequins. Dopo un inizio di stagione terribile le cose sembrano mettersi diversamente per gli Exiles.

Lo stesso vale per il Gloucester, che con la vittoria del 27 novembre sui Wasps ha ottenuto la sesta posizione in classifica.

Chi invece è in una situazione di stallo sono gli Exeter Chiefs, una delle 4 squadre a non aver ancora effettuato la giornata di riposo eppure fermi al quinto posto con 5 vittorie in 9 partite, percentuale positiva ma inusuale per la squadra che ha dominato il rugby inglese delle ultime stagioni.

Anche Sale Sharks e Bristol Bears, protagoniste negli ultimi anni, subiscono una flessione di risultati che le ha portate in fondo alla classifica, in un’altalena di risultati che le vede capaci di sfidare sullo stesso piano le migliori compagini del campionato e cadere malamente su campi più abbordabili.

Infine c’è Bath: 8 sconfitte in 8 partite, lo staff tecnico parzialmente modificato e una tenue luce di speranza intravista nell’ultima sfida, comunque persa, contro Exeter.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Leggi anche la nostra guida alle regole del rugby, per studiare/ripassare o imparare il regolamento ovale e tutte le sue sfaccettature.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Challenge Cup: Zebre-Worcester Warriors 26-36, gli inglesi si impongono a Parma

Gli emiliani cedono ai britannici conquistando comunque il punto di bonus offensivo

22 Gennaio 2022 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Francia: verso il pass vaccinale per accedere agli stadi, anche per gli atleti esteri

Misure in essere verosimilmente già dal Sei Nazioni 2022

17 Gennaio 2022 Emisfero Nord
item-thumbnail

Top 14: il Bordeaux va in fuga, Perpignan vince la sfida salvezza a Biarritz

Dieci squadre su quattordici in campo nella quindicesima giornata. Ai box Tolosa, Montpellier, Tolone e La Rochelle

11 Gennaio 2022 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Premiership: prima sconfitta in stagione per Leicester, prima vittoria da aprile per Bath

Marcus Smith scatenato e decisivo contro Exeter, in un massimo campionato inglese che ha regalato valanghe di emozioni nell'ultimo turno

11 Gennaio 2022 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Michael Cheika rischia il posto di lavoro per un clamoroso caso di droga in Giappone

Addirittura c'è una squadra che potrebbe essere ritirata dal campionato per la vergogna dopo che un giocatore è stato trovato con sostanze proibite

10 Gennaio 2022 Emisfero Nord