Benetton Rugby, Carl Wegner si presenta: “Sono un giocatore fisico. Porto la palla e pulisco le ruck”

L’avanti svela le sue caratteristiche e i suoi obiettivi in vista della stagione 2021/2022

Benetton Rugby, Carl Wegner si presenta: "Sono un giocatore fisico. Porto la palla e pulisco le ruck"

Benetton Rugby, Carl Wegner si presenta (Ph. Benetton Rugby)

L’inizio di una nuova stagione agonistica porta con sè anche l’arrivo di nuovi giocatori. E’ il caso, ad esempio, del Benetton Rugby che, nella sua rivoluzione tecnica, simboleggiata dalla scelta di un head coach come Marco Bortolami, ha innestato diversi elementi all’interno del suo roster per il 2021/2022.

A parlare ai microfoni del sito ufficiale del club veneto è stato Carl Wegner, seconda linea sudafricana (classe 1991), arrivato da poche settimane a Treviso, dopo una lunga militanza nei Cheetahs: “Grazie per il benvenuto – fa sapere l’avanti -, sono contento di essere qui, ho finito da alcuni giorni la quarantena, ma ora con la mia famiglia stiamo iniziando a vedere la città. Fa caldo e vengo dal Sudafrica in cui ora c’è l’inverno e fa molto freddo. Però sono molto felice di essere a Treviso”.

Leggi anche, Benetton: anche diversi giovanissimi tra i convocati per la preparazione

Poi continua parlando dei motivi della sua scelta di approdare in biancoverde: “Ho visto diverse partite del Benetton negli ultimi due anni, la squadra gioca molto bene, qui c’è una grande cultura rugbistica. Corniel Van Zyl mi ha detto tante belle cose sul Benetton Rugby, è stata una decisione facile per me venire qui, per la cultura che c’è nella squadra, il modo in cui gioca e per stare a Treviso”.

Sugli obiettivi personali: “Quando ero più giovane ho giocato in Francia, ora sono qui per dare il mio contributo positivo alla squadra. Aiutare la squadra, imparare tanto dal nuovo ambiente – prosegue il seconda linea del Benetton Rugby Carl Wegner –  e dai nuovi allenatori, penso ci sia ancora tanto spazio nel mio bagaglio rugbistico da riempire, mi piace migliorare per il resto della mia carriera”.

I suoi “ricordi” da avversario dei Leoni: “Come ho detto prima il Benetton Rugby è una squadra di livello alto, quando ero con i Cheetahs e affrontavamo il Benetton sfortunatamente ho perso, è difficile per ogni giocatore e squadre sfidare il Benetton, non sono mai gare facili, anche perché hanno un tifo molto caloroso. C’è tanta qualità nella squadra, nei giocatori e nel coaching staff”.

L’approccio con i compagni: Ho già conosciuto Irnè Herbst, Braam Steyn, anche Seb Negri e tutti gli altri ragazzi. Ora devo conoscere bene i ragazzi italiani e tutti gli altri”.

Le sue caratteristiche in campo: “Sono un giocatore molto fisico, mi piace portare palla e pulire le ruck, effettuare placcaggi dominanti. Mi considero quindi un giocatore fisico e voglio portare questo alla squadra per la prossima stagione”.

L’approccio con lo staff tecnico: “Da subito stanno cercando di farci sentire a casa, è stato un bel benvenuto da parte dello staff tecnico. Lo staff e i nuovi membri hanno lavorato molto nelle ultime settimane per accoglierci bene, penso ci sarà una bellissima atmosfera in squadra“.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Il Benetton sfiderà una nazionale dell’est in amichevole?

Potrebbe assumere contorni decisamente internazionali il pre-campionato dei Leoni, che intanto continuano a lavorare a Treviso

item-thumbnail

Benetton, Andrea Masi: «Rosa competitiva, bisogna lavorare duro»

Il nuovo allenatore dell'attacco racconta il suo inizio con il Benetton in vista di una stagione molto impegnativa

item-thumbnail

Lorenzo Cannone a OnRugby: “Voglio ritagliarmi spazio”

Tra il Sei Nazioni appena terminato e il futuro al Benetton: Lorenzo Cannone si racconta a OnRugby

item-thumbnail

Benetton Rugby: sono due i capitani per la stagione 2021/22

Una fascia in coabitazione per i biancoverdi che affidano il ruolo a un trequarti e a un avanti

item-thumbnail

L’entusiasmo di Leonardo Marin, il nuovo Azzurrino del Benetton

A soli 19 anni il numero 10 della nazionale under 20 va a ingrossare le fila delle aperture a disposizione di Marco Bortolami, mentre sembrava destina...

item-thumbnail

Benetton, Tomas Albornoz: “Questa è una grande squadra”

Il numero 10 argentino si racconta, descrivendo il suo gioco e parlando di cosa è stato importante per scegliere l'Italia