Zebre: inizia il raduno ma gli atleti delle Fiamme Oro per ora non si allenano

I cremisi vorrebbero ridefinire le linee guida dell’utilizzo dei giocatori

Rainbow Cup: la preview di Edimburgo-Zebre

Zebre (Ph. Massimiliano Carnabuci)

Dopo una prima settimana, la scorsa, piuttosto interlocutoria, con pochi atleti presenti alla Cittadella del Rugby di Parma, tornati in Emila anche gli Azzurri, questa mattina è iniziata di fatto la stagione delle Zebre Rugby.

Pur presenti in borghese al raduno, i giocatori in rosa che fanno parte del gruppo sportivo della Polizia di Stato non si sarebbero allenati. La motivazione sarebbe legata al mancato benestare da parte delle Fiamme Oro che  vorrebbero una ridefinizione dell’accordo (tra federazione e cremisi) sulle policy di tesseramento ed utilizzo di questi giocatori da parte della franchigia ducale tra United Rugby Championship e Challenge Cup.

Le Fiamme Oro Rugby, che dallo scorso autunno hanno un nuovo presidente (Francesco Montini, che è a anche capo di tutto il gruppo sportivo cremisi, che sarà il più folto a rappresentare l’Italia ai prossimi giochi olimpici di Tokyo con ben 73 atleti), stando a fonti accreditate all’interno della realtà della ‘Caserma Gelsomini‘, vorrebbero una diversa gestione dei giocatori cremisi sotto contratto anche con le Zebre.

Per puntare maggiormente sulla propria realtà in Top10 – con conseguente innalzamento del livello del torneo (come più volte auspicato dal Presidente Federale Marzio Innocenti)- e per valorizzare al massimo giovani giocatori italiani l’obbiettivo sarebbe  di concedere i giocatori alla franchigia ducale solo in qualità di ‘Permit Player‘ solo nel caso in cui servissero effettivamente a Michael Bradley e staff senza che gli atleti rimangano nel gruppo solo per allenarsi senza accumulare minuti ed esperienza in uno dei due campionati.

Leggi anche: Ufficializzata l’amichevole tra Zebre e Petrarca a settembre

Al termine della scorsa settimana c’è già stato un incontro tra Marzio Innocenti, che sta seguendo in prima persona la questione, e Francesco Montini, per definire una soluzione che possa in qualche modo accontentare tutte le parti in causa, possibilmente in tempi rapidi.

Anche perché il tempo stringe, con la prestagione ducale che si è già aperta, e URC e Top10 che si stagliano all’orizzonte, con la rosa delle Zebre già abbastanza corta e diversi ragazzi ancora nell’incertezza legata al loro futuro sportivo (e non solo).

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

URC: un rinforzo in prima linea per le Zebre 2024/25

La mischia della franchigia ducale si arrichisce di un giocatore proveniente dalla Serie A Elite

item-thumbnail

Zebre Parma: programmata un’amichevole estiva il 22 agosto

I ducali preparano la nuova stagione di URC con una seconda amichevole di livello

item-thumbnail

Zebre, parla Roselli: “Tra cambiamenti e precarietà non è stato facile, eppure sta nascendo un’eccellenza”

Il tecnico romano saluta la franchigia emiliana, con cui ha collaborato complessivamente per 6 stagioni

item-thumbnail

URC: le Zebre imbrigliano a lungo Glasgow, poi nel finale passano gli scozzesi

La franchigia ducale gioca una partita di spessore, ma non basta per ottenere la vittoria in trasferta

item-thumbnail

URC: Zebre, ultimo atto. A Glasgow per finire con orgoglio

La preview della gara che chiude la stagione della franchigia di Parma

item-thumbnail

Le ultime Zebre della stagione: la formazione per Glasgow

Luca Morisi capitano per l'ultima della gestione Roselli