Springboks, il sogno del giovane Handré Pollard

Il numero 10 dei campioni del mondo ha raccontato di aver atteso per una vita questo momento

Sudafrica

Handré Pollard con la maglia degli Springboks – ph. Sebastiano Pessina

A meno di clamorose sorprese sabato 24 luglio, quando gli Springboks scenderanno in campo per il primo test della serie contro i British & Irish Lions, la maglia numero 10 sarà sulle spalle di Handré Pollard, il mediano di apertura titolare dei campioni del mondo.

Non ha grande concorrenza, il futuro rivale di Paolo Garbisi a Montpellier: le quotazioni di Elton Jantjies sono in ribasso da un paio d’anni a questa parte nonostante sarà titolare sabato nel test contro i Bulls, mentre il suo principale avversario fra i compagni di squadra è Morné Steyn, 37 anni compiuti domenica scorsa prima di scendere in campo per 80 minuti mercoledì nella vittoria del Sudafrica A proprio sui Lions.

Steyn è una sorta di talismano per questa nazionale: fu lui a calciare la punizione decisiva che regalò agli Springboks la vittoria 12 anni fa, centrando i pali da circa 60 metri, ben dietro la linea di metà campo. Era il secondo dei tre test e il Sudafrica si portò sul 2-0, prima di perdere il terzo test in una delle serie dei Lions più belle dell’era contemporanea.

Handré Pollard la ricorda in maniera particolare: “Giocare con il Sudafrica contro i Lions è un sogno che mi porto dietro da quando ero un bambino.”

“Avevo 15 anni quando Morné calciò quella punizione decisiva per vincere la serie del 2009. Ero solo un ragazzino che sognava di giocare per gli Springboks, ma quell’emozione mi è rimasta dentro e non se n’è mai andata.”

Pollard ha 27 anni. Ha debuttato in nazionale appena ventenne nel 2014 e da allora è praticamente sempre stato la prima scelta nel ruolo di apertura. Nel 2015 ha partecipato alla sua prima Rugby World Cup, arrivando terzo, mentre nel 2019 ha vinto il trofeo.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Test Match, Galles-Sudafrica: Rassie Erasmus non del tutto soddisfatto dei suoi Springboks

Al termine della partita di Twickenham, il tecnico ha però elogiato i suoi debuttanti

item-thumbnail

Marco Zanon verso le Summer Series: “Un privilegio giocare con l’Italia. Esperienza in Top 14 decisiva”

Terminata la stagione col Benetton e il primo raduno con la Nazionale, il centro guarda alle sfide con Samoa, Tonga e Giappone

item-thumbnail

Summer Series: i convocati della Francia per il tour sudamericano

Selezione decisa da coach Galthié ancor più larga e ricca di novità rispetto alla precedente

item-thumbnail

Test Match: i Barbarians battono le Fiji 45-32

A Twickenham la selezioni a inviti segna sette mete contro le quattro degli isolani

item-thumbnail

Test Match: a Twickenham il Sudafrica supera il Galles 41-13

Cinque mete per i campioni del mondo in carica che travolgono i dragoni nel secondo tempo

item-thumbnail

L’Inghilterra maltratta il Giappone di Eddie Jones

Gli uomini di Borthwick segnano otto mete e si impongono con un netto 17-52