Suicidio Francia a Brisbane, l’Australia vince all’83°

Finisce 23-21 al Suncorp Stadium con i Bleus che perdono un pallone clamoroso in vantaggio di un punto e con il possesso a favore

Sei Nazioni 2021, si chiude il caso relativo alle positivà dei francesi dopo la partita con l'Irlanda. PH Sebastiano Pessina

La Francia butta la vittoria contro l’Australia – ph. Sebastiano Pessina

Clamoroso al Suncorp Stadium di Brisbane.

La Francia butta nel cestino una vittoria praticamente già in cascina con una gestione scellerata dell’ultimo possesso dell’incontro.

L’episodio decisivo è arrivato quando il tempo stava diventando rosso: negli ultimi secondi di partita la Francia ha una rimessa laterale nella propria metà campo, vince il possesso in maniera sporca, ma riesce comunque a fare suo un ovale che basta spedire fuori per vincere la partita 21-20.

Iribaren, messo sotto pressione dal pack avversario, scarica su Carbonel. Il numero 10 e Damian Penaud pasticciano invece di calciare in tribuna e passano letteralmente la palla a Tate McDermott, il mediano di mischia avversario. L’Australia si ritrova con il possesso a cinque metri dalla linea di meta, ottiene un calcio sotto i pali, piazza all’83’. Gioco, partita, incontro.

Un vero e proprio suicidio sportivo da parte di una Francia che aveva condotto per 80 minuti la partita nel punteggio, seppur con percentuali irrisorie di possesso e territorio.

Le rotative dei giornali australiani erano probabilmente già pronte per andare all’assalto della nazionale che non sa vincere: i Wallabies hanno letteralmente dominato il gioco, ma hanno faticato enormemente a trasformare l’egemonia vista in campo in punti sul tabellone.

Nel primo tempo la Francia aveva sfruttato le incertezze iniziali degli avversari per portarsi avanti fino al 15-0, frutto di due mete di Gabin Villiere e del piede di Louis Carbonel.

L’Australia era lentamente emersa cambiando piano di gioco: all’inizio la volontà di muovere il pallone da ogni parte era stata strozzata dalla difesa avversaria, e per cambiare ritmo ci era voluto un ritorno a un rugby basilare, fisico e di confronto diretto.

Nel finale del primo tempo la meta da maul, in stile Brumbies, riaccendeva gli animi dei padroni di casa.

La ripresa, totalmente dominata, vedeva però la Francia segnare 3 punti ad ogni visita alla metà campo avversaria, mentre l’Australia faticava per minuti prima di riuscire ad accorciare. Per tutto il secondo tempo il gap nel punteggio fra le due squadre oscillava fra gli 8 e i 5 punti.

Negli ultimi dieci minuti una controversa marcatura di Michael Hooper portava i suoi a -1. La Francia sembrava comunque trovare le energie e la forza di impedire il trionfo avversario, fino all’ultimo fatale pallone.

La partita alla fine scontenta un po’ entrambe le parti: la Francia ha gettato al vento un’occasione d’oro per portarsi avanti nella serie, l’Australia ha dimostrato enormi limiti realizzativi e non può essere soddisfatta di una vittoria risicata contro dei Bleus assai rimaneggiati.

Fra sei giorni un nuovo incontro tra le contendenti per vederci più chiaro.

Australia: 15 Tom Banks, 14 Tom Wright, 13 Hunter Paisami, 12 Matt To’omua, 11 Marika Koroibete, 10 Noah Lolesio, 9 Jake Gordon, 8 Harry Wilson, 7 Michael Hooper (c), 6 Rob Valetini, 5 Lukhan Salakaia-Loto, 4 Matt Philip, 3 Allan Alaalatoa, 2 Brandon Paenga-Amosa, 1 James Slipper
A disposizione: 16 Lachlan Lonergan, 17 Angus Bell, 18 Taniela Tupou, 19 Darcy Swain, 20 Isi Naisarani, 21 Tate McDermott, 22 Len Ikitau, 23 Andrew Kellaway

Marcatori Australia
Mete: Paenga-Amosa (34), Hooper (71)
Trasformazioni: Lolesio (34, 71)
Calci di punizione: Lolesio (44, 60, 80)

Francia: 15 Melvyn Jaminet, 14 Damian Penaud, 13 Arthur Vincent, 12 Jonathan Danty, 11 Gabin Villiere, 10 Louis Carbonel, 9 Baptiste Couilloud, 8 Sekou Macalou, 7 Anthony Jelonch (c), 6 Dylan Cretin, 5 Romain Taofifenua, 4 Killian Geraci, 3 Demba Bamba, 2 Gaëtan Barlot, 1 Jean-Baptiste Gros
A disposizione: 16 Anthony Etrillard, 17 Quentin Walcker, 18 Tapu Falatea, 19 Baptiste Pesenti, 20 Florent Vanverberghe, 21 Cameron Woki, 22 Teddy Iribaren, 23 Anthony Bouthier

Marcatori Francia
Mete: Villiere (6, 22)
Trasformazioni: Carbonel (22)
Calci di punizione: Carbonel (19, 52), Jaminet (62)

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Ben 3 italiani nel XV della settimana di Planet Rugby

La prestazione degli Azzurri ha avuto importanti riscontri anche all'estero: altri 3 Azzurri, inoltre, sono stati citati pur non essendo inseriti in f...

item-thumbnail

A Chicago sarà ancora All Blacks-Irlanda: la rivincita del 2016

Al Soldier Field dovrebbe andare in scena il remake della storica vittoria degli Irish sui Tuttineri

item-thumbnail

Eddie Jones fa i complimenti all’Italia e chiede tempo per il suo Giappone

Il tecnico elogia Lamaro e compagni "rimandando" i suoi giocatori alle prossime sfide internazionali

item-thumbnail

Summer Series: l’estate della Scozia prosegue in scioltezza, Cile battuto 11-52

La squadra di Gregor Townsend ci mette 30' per iniziare a ingranare, ma poi non si ferma più

item-thumbnail

Italia, come sta Paolo Garbisi?

Il mediano di apertura azzurro è uscito al 67', durante il test match col Giappone, per un forte impatto alla testa contro l'anca di un avversario. Ag...

item-thumbnail

L’Italia chiude le Summer Series nel modo migliore, bel successo sul Giappone di Eddie Jones

Azzurri che partono e chiudono forte con un netto 14-42, soltanto un po' troppa indisciplina ha tenuto a galla i nipponici a cavallo dell'intervallo