Il Galles passeggia sul Canada, ma si commuove per Halfpenny

Sfortunatissimo l’estremo: scivola e si rompe il legamento crociato del ginocchio dopo meno di un minuto alla sua centesima presenza

Galles: Leigh Halfpenny si è infortunato dopo meno di sessanta secondi – ph. Sebastiano Pessina

Avrebbe dovuto essere un pomeriggio di emozione e di festa per Leigh Halfpenny, che ha vinto oggi il suo centesimo cap internazionale ma non lo ricorderà piacevolmente.

L’estremo del Galles è rimasto vittima di un brutto infortunio dopo neanche sessanta secondi di gioco quando, cercando di cambiare direzione, il ginocchio ha fatto crack. Portato via in barella, sembrerebbe essersi rotto il legamento crociato, stando alle prime notizie arrivate dal Principality Stadium di Cardiff.

Leggi anche: L’Irlanda vede i fantasmi, ma la spunta contro il Giappone

Lo stadio, pieno per una minima parte della propria capienza potenziale, ha applaudito con tutto il proprio calore un giocatore che nei suoi anni di carriera ha fatto grande la nazionale gallese.

Il resto del pomeriggio è scorso via facilmente per il Galles. Dopo aver subito in apertura la meta canadese dell’ala Kaiona Lloyd al quinto minuto, i Dragoni hanno immediatamente pareggiato con Tomos Williams e non si sono più guardati indietro.

Alla fine il risultato è stato di 68-12, con il mediano di mischia che ha firmato una doppietta insieme alle marcature di James Botham, Jonah Holmes, Nicky Smith, Elliot Dee, Taine Basham e Will Rowlands. Fra i migliori il mediano di apertura Callum Sheedy.

Il Galles giocherà le prossime partite della finestra internazionale contro l’Argentina il 10 e il 17 luglio.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Summer Series: la preview di All Blacks-Inghilterra ad Eden Park

Nella prima sfida sono mancati i piazzati a entrambe le formazioni. La Nuova Zelanda è parsa superiore in mischia ma ha sofferto in touche: tutte le c...

item-thumbnail

Summer Series: la formazione della Francia per la sfida con i Pumas

Fabien Galthiè conferma gran parte del XV di una settimana fa e inserisce quattro possibili esordienti in panchina

item-thumbnail

Summer Series: la formazione dell’Argentina per il secondo test con la Francia

Cinque cambi per Felipe Contepomi, mentre Pablo Matera si appresta a tagliare un traguardo importante

item-thumbnail

L’Irlanda prova a mischiare le carte: la formazione per il secondo test con il Sudafrica

Peter O'Mahony si siede in panchina, mentre sono obbligati i cambi di Dan Sheehan e Craig Casey

item-thumbnail

Summer Nations Series: l’identikit di Tonga, prossima avversaria dell’Italia

Le Ikale Tahi all'assalto degli Azzurri con un mix di esperienza e volti nuovi

item-thumbnail

Summer Series: la formazione del Galles per il secondo round con l’Australia

Warren Gatland costretto ad alcuni cambi dopo la prima sconfitta di Sydney